Articoli

Crampi muscolari 180x180 - Crampi muscolari

Crampi muscolari

Il crampo è una contrazione muscolare involontaria, violenta, improvvisa e dolorosa. Sono ben noti i crampi cosiddetti da sforzo, condizione che si verifica quando le richieste metaboliche da parte del tessuto muscolare superano le capacità di soddisfarle da parte del Sistema Circolatorio. Tali contratture vengono favorite dalla perdita di liquidi e sali minerali, che si verifica con la sudorazione durante l’attività fisica. Se l’allenamento o la competizione portano a sudare abbondantemente, nel nostro corpo si verifica uno equilibrio a carico di alcuni elettroliti, in particolare una carenza di sodio, oppure una riduzione del rapporto fra sodio e potassio che si fa sentire anche nelle fibre muscolari. I muscoli più frequentemente coinvolti da queste contratture dolorose sono: il polpaccio, il muscolo quadricipite femorale (nella parte anteriore della coscia) e il bicipite femorale (posteriormente nella coscia). L’intensità del crampo può variare da un lieve tic a una situazione dolorosa assai intensa. Nella stragrande maggioranza dei casi queste contrazioni sono idiopatiche, cioè non riconoscono una causa precisa; ma possono anche emergere per problemi di altra natura (per esempio nella cloudicotio intermittents), quando cioè esiste un’occlusione dei vasi arteriosi da parte delle placche aterosclerotiche, o in seguito all’assunzione di alcuni ,
come diuretici e alcuni psicofarmaci quali la clorpromazina e l’aloperidolo).

MEDICINA CONVENZIONALE
I non sono una malattia, ma piuttosto, un sintomo di alcune situazioni di squilibrio nel corpo: la base per un trattamento efficace è la diagnosi del problema sottostante.

e supplementi
La carenza di magnesio, calcio e potassio può provocare crampi: di conseguenza l’alimentazione dovrebbe contenere una quantità adeguata di questi sali minerali, ma il magnesio dovrebbe essere dato con supplementi. Bere molta acqua aiuta a ridurre il rischio di crampi.

Olio di ricino
Applicare impacchi di olio di ricino caldo per 15 minuti riduce i dolori e può interrompere i crampi.

Miorilassanti
Possono essere usati se i crampi sono dovuti a lesioni o fratture o patologie neuromuscolari. La valeriana può indurre un certo rilassamento.

OMEOPATIA
I rimedi omeopatici sono particolarmente efficaci nel trattamento dei crampi muscolari, sia che essi derivino dalla pratica di una attività motoria o sportiva eccessiva oppure da uno stile di vita sedentario. Nelle forme di crampi recidivanti o persistenti è comunque consigliabile un’attenta valutazione clinica e strumentale.
Arnica montana 7 CH 5 granuli. Prima di uno sforzo muscolare, per prevenire i crampi muscolari, come viaggio, camminata, corsa, escursione, gara sportiva, lavoro fisico intenso, affaticamento importante.
China 7CHS granuli al bisogno. Rimedio omeopatico adatto per il trattamento dei crampi muscolari che insorgono dopo una prestazione motoria o sportiva intensa, a causa della perdita abbondante di liquidi per sudorazione.
Cuprum metallicum 7 CH 5 granuli, 1 -3 volte al dì. Da assumere sistematicamente. Il medicinale omeopatico preparato dal rame metallico è indicato per il trattamento dei crampi violenti al polpaccio e ai piedi, caratterizzati da inizio e termine bruschi.
Magnesiaphosphorica 7 CH 5 granuli, 1-3 volte al dì. Crampi e spasmi, migliorati con il calore e la pressione forte sulla regione interessata dal crampo doloroso. Il fosfato di magnesio è indicato nella forma nota come “crampo dello scrivano”. Attualmente risulta particolarmente adatto nelle tendiniti del polso e delle mani dovute ad uso eccessivo nell’invio di messaggi con il cellulare.
Sarcolacticum acidum 9 CH 5 granuli, anche ogni ora. Crampi muscolari dopo un affaticamento muscolare particolarmente intenso, come a seguito di allenamento energico o gara sportiva. In questo caso i
crampi sono la conseguenza dell’accumulo di acido lattico a livello muscolare.
Sulfur 9 CH 5 granuli, 1-3 volte al dì. Crampi al polpaccio e alla pianta dei piedi. Sensazione di bruciore ai piedi con bisogno di trovare una superficie fresca. Il preparato ottenuto dai fiori di zolfo è adatto per soggetti che tendono alle alterazioni generali del metabolismo (iperuricemia, diabete, colesterolo elevato).

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Il trattamento eli questo disturbo secondo la Medicina tradizionale cinese deve agire contro la contrazione, per ripristinare la circolazione, e per disintossicare l’organismo, mobilizzando lo stato di stasi del Qi del Fegato e tonificando il deficit del Qi di Milza e Rene.

Agopuntura
Punti importanti sono:
HE GU (fondo della valle, localizzato sul lato radiale dell’indice, all’altezza del punto medio del II metacarpo) che stimola la funzione di diffusione dei polmoni e tonifica il Qi;
TAI CHONG (grande assalto, localizzato sul dorso del piede, nella depressione distale all’articolazione fra il I e il II metatarso) che tonifica e regola il Fegato e la Vescicola Biliare, regola e raffredda il Sangue;
XUE HAI (mare del Sangue, localizzato 2 cun sopra il bordo superiore della rotula) che regola il Sangue;
YANG LING QUAN (sorgente della collina Yang, localizzato nella depressione situata davanti alla testa del perone) che tonifica il Qi del Riscaldatore Medio e Inferiore, tonifica e regola la Milza, i Reni, il Fegato e la Vescicola Biliare e rinforza muscoli, tendini e ossa;
MING MEN (porta della vita, localizzato sotto il processo spinoso di

L2 ) che nutre il Sangue, tonifica i Reni, tonifica il Fegato, espelle il Vento e stimola la discesa del Qi;
SAN YlN IIAO (riunione dei tre Yin, localizzato 3 cun sopra l’apice del malleolo interno, dietro il bordo posteriore della tibia) che tonifica i Reni;
SHEN SHU (punto Shu del dorso del Rene, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa della II vertebra lombare) che regola e tonifica il Rene;
TAI XI (ruscello maggiore, localizzato fra l’apice del malleolo interno e il tendine di Achille, nel punto in cui si sente pulsare l’arteria tibiale posteriore) che tonifica e regola il Qi renale ed epatico e purifica il Calore;
ZU SAN LI (tre distanze del basso, localizzato sotto il bordo inferiore della rotula a lato della cresta tibiale anteriore) che regola e tonifica Stomaco e Milza, tonifica il Qi e il Sangue;
Sono associabili i punti del Sistema Auricolare di Fegato, Milza, Rene e
SHENMEN.
Si effettua un ciclo terapeutico di 10 applicazioni da eseguire 2 volte alla settimana, sospendibile al momento del termine della sintomatologia dolorosa.

NATUROPATIA
Consigli dietetici
Alimenti consigliai l’Assumere quotidianamente 1-2 litri di acqua minerale naturale (utilizzarla anche per cucinare).
Integrare la dieta abituale con alimenti ricchi di calcio (quando i crampi sono provocati da una sua carenza), come latte e latticini biologici, pesci con la lisca (acciughe, sardine), tofu, legumi e verdure fresche e di stagione.
Se i crampi sono provocati da un deficit di vitamine Bl e B5, biotina e magnesio, aumentare il consumo di fegato di manzo, germe di grano, lievito di birra, maiale, grano in chicchi, farina di segale, salmone, semi di girasole, soia essiccata (sotto forma di bistecche, spezzatino e granulo), aragosta, carne, gorgonzola, lenticchie, piselli, noci, uova, carne di vitello, maiale, agnello, pollo, pesce, banane, ortaggi a foglia verde, areali integrali, mandorle, nocciole e cacao.
Alimenti da evitare Eliminare (fino a miglioramento del quadro clinico) i salumi, gli insaccati, la carne conservata, la crusca, lo zucchero e le farine raffinate, gli alimenti addizionati con additivi, i prodotti industriali contenenti acidi grassi trans, i dadi da brodo, le bibite, le bevande alcoliche, il caffè e il tè nero.

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno;
Calcio 800-1000 mg al giorno e Vitamina D 10 mcg al giorno (per crampi provocati da una carenza di calcio);
Vitamina E 10 mg al giorno e Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti (in caso di crampi notturni);
Vitamina C 200 mg al giorno;
Coenzima Q10 30 mg al giorno;
Inositolo 1 g al giorno;
Fosforo 800-1200 mg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Potassio aumentare l’apporto di legumi secchi, cioccolato fondente (con almeno l’80% di cacao), noci, nocciole, mandorle, pinoli, pistacchi, salsa e polpa di pomodoro, farina di soia biologica;
Olio di pesce 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali.


I crampi muscolari sono caratterizzati da un’improvvisa contrazione muscolare, che suscita un’intensa sensazione di . Solitamente si manifestano in più riprese, sono comuni nel corso del ciclo mestruale e/o durante l’esercizio fisico. Nella maggior parte dei casi regrediscono spontaneamente e raramente rappresentano il sintomo di deficit nutrizionali, come per esempio una carenza di magnesio. In questo caso, può essere utile assumere, circa un’ora prima del riposo notturno, un preparato a base di latte di mandorle (50 mi), latte d’avena (25 mi), olio essenziale di lavanda (5 gocce), olio di noci di prima spremitura a freddo (10 ml) e olio essenziale d’arancio (3 gocce).
Nei casi in cui prevale una componente ansiosa, o la causa scatenante è rappresentata da uno stress psico/fisico particolarmente intenso e prolungato, possono essere somministrati: Passiflora (TM, 10-15 gocce due/tre volte al giorno), Valeriana (TM, 15-20 gocce due volte al giorno),
Melissa (TM, 15 gocce due volte al giorno) e Melliloto (TM, 10-15 gocce due volte al giorno).

Se i crampi rappresentano un sintomo della disidratazione (per esempio, estate a causa di un’eccessiva sudorazione), può essere utile sorseggiare nel corso della giornata un infuso preparato con Ortica (2 cucchiaini), getulla (3 cucchiaini), Rosmarino ( 1 cucchiaino), Rosa canina (3 cucchiaini) e Artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens, 1 cucchiaino). Miscelare le erbe, versarvi 1000 mi di acqua bollente, coprire, lasciare riposare per circa 15 minuti, filtrare, dolcificare con una piccola quantità di miele vergine integrale di castagno, oppure di fiori d’arancio; versare in una bottiglia di vetro e consumare il primo bicchiere al mattino a digiuno e l’ultimo circa 30 minuti prima del riposo notturno.
Negli adulti (in assenza di patologie tiroidee), può essere utile assumere 20 gocce di alga Spirulina al mattino, a digiuno (circa 15 minuti prima di colazione), ricca di sali minerali (tra cui ferro, fosforo, calcio, manganese, magnesio, zinco, potassio), vitamine, , carotenoidi, acidi
grassi essenziali.

Originally posted 2014-10-10 13:39:31.