Articoli

Ansia 180x180 - Ansia

Ansia

È un sentimento di pena cronica, di pericolo mal definito, di catastrofe imminente, al quale non è possibile sottrarsi. L’ si accompagna pressoché costantemente a una serie di fisici che finiscono per coinvolgere qualsiasi organo: sensazione di soffocamento o di respiro accelerato, tachcardia, extrasistoli, secchezza della bocca, intestinali, minzione frequente, tremori, ma anche ronzii auricolari e della sensibilità, il disturbo d’ più frequente è la fobia semplice: sono paure fuori dall’ordinario, irrazionali, nei confronti di oggetti o situazioni particolari (ragni, un tragitto in seggiovia, lo stare in mezzo alla folla). Il disturbo da attacchi di panico è quello che più di ogni altro spinge la persona a consultare il medico. Si chiama invece GAD, ovvero il disturbo d’ generalizzata, quella condizione ansiosa persistente in cui il paziente non riesce a controllare la sua eccessiva preoccupazione, accusando irrequietezza motoria, agitazione, stanchezza, facile affaticabilità e disturbi del sonno. L’ contraddistingue anche il disturbo os-
sessivo-compulsivo, in cui lo stato ansioso si manifesta allorché la persona cerca di opporsi alle sue ossessioni (pensieri, idee, impulsi senza senso e assurdi) o alle proprie compulsioni (che sono quei comportamenti ripetitivi ed eseguiti secondo certe regole in risposta a una ossessione). Infine, l’ansia caratterizza anche il disturbo post-traumatico da stress: insorge in seguito a un evento traumatico dal forte impatto emotivo per il paziente (un grave pericolo per se stesso o per le persone care), che così accusa una pervasiva paura e tende a rivivere ripetutamente dentro di sé quel tragico evento, mostrando irritabilità, scoppi d’ira, scarso interesse verso l’ambiente e gli altri e una ridotta visione delle prospettive future.

MEDICINA CONVENZIONALE
Il convenzionale consiste nell’alleviare i sintomi acuti dell’ansia migliorando la qualità di vita e ridurre il rischio di autodanneggiamento o danneggiamento altrui.

– Alimentazione e estilo de vita
Evitare caffeina, alcol, nicotina e farmaci che contengano efedrina. L’integrazione dietetica con l’aminoacido fenilalanina può essere utile; anche 300 mg di aspartato di magnesio al giorno (divisi in tre dosi) possono alleviare l’ansia. È necessario individuare le cause ambientali, familiari,
lavorative di stress per ridurre i fattori scatenanti.

– Benzodiazepine
Il trattamento farmacologico dell’ansia dipende dalla severità dei sintomi. Se l’ansia limita molto la vita, le benzodiazepine vengono usate a bassa dose per periodi di tempo limitati. I farmaci più usati sono alprazolam (al massimo per quattro/sei settimane), clonazepam o diazepam.

– Altri farmaci
Gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRRI) possono trovare impiego nella terapia dell’ansia, come l’antidepressivo venlafaxina.
Il buspirone ha la medesima efficacia delle benzodiazepine, ma impiega più tempo ad agire. I beta bloccanti riducono i sintomi fisici dell’ansia (tachicardia).

– Altre terapie
Terapia cognitiva comportamentale, psicoterapia e gruppi di supporto sono molto utili per controllare i disturbi di ansia.

OMEOPATIA
In omeopatia si distinguono i medicinali ad azione stomatica e quelli ad azione più profonda e lenta.

– Trattamento sintomatico
Argentum nitricum 15 CHS granuli, 1-3 volte al dì. È specifico per l’attività febbrile con ansia di anticipazione. Il soggetto ha un’attività febbrile costante con precipitazione e frenesia. Ha spesso manifestazioni a livello gastrointestinale con difficoltà digestive e diarrea, soprattutto in relazione a stress. Gelsemium 9 CH 5 granuli, 1 -3 volte al dì, oppure 30 CH 1 dose, una settimana prima c la vigilia di una prova, un esame o un intervento. Ansia prima di una prova e crisi di panico. Il soggetto è obnubilato, gelato dalla paura, senza memoria per impossibilità di concentrarsi, avverte un affaticamento muscolare generale, talvolta associato a tremori. Lamenta cefalea, sensazione di vertigine o di svenimento, diplopia o disturbi visivi.
Ignatia 30 CH 5 granuli, 1 -3 volte al dì. Crisi d’ansia con irritabilità, palpitazioni, dispnea sospirosa, senso di nodo alla gola, insonnia. Umore variabile. Nux vomica 15-30 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Ipereccitabilità e ipersensibilità in persone attive ma sedentarie. II soggetto è spesso irascibile e impulsivo. Difficoltà digestive in persone attive, ma sedentarie. Desiderio di alcolici e cibi piccanti. Lingua con patina bianco-giallastra. Insonnia con difficoltà ad addormentarsi e sonno agitato.

– Trattamento di fondo
Arsenicum album 15 CH 5 granuli, 1-3 volte al dì. Stato d’ansia e angoscia costante con caratteristiche ossessive. Spesso il soggetto è preciso, meticoloso, pignolo, avaro. Ha paura del buio, di rimanere solo, della morte. Presenta un aggravamento notturno. Lachesis 15 CH 5 granuli, una volta al dì. Ansia in menopausa. Tristezza e malinconia. Ansia e tristezza al mattino, allegria e laboriosità verso sera. Tendenza alla loquacità. Difficoltà a prendere sonno e sogni angosciosi. Vampate di calore. Intolleranza per le costrizioni e gli abiti aderenti. Phosphorus 15 CH 5 granuli, I -3 volte al dì. Ansietà e senso di oppressione con alternanza di eccitazione e depressione accent uate al crepuscolo e di sera. Paura dei temporali. Si tratta spesso di soggetti longilinei.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
L’applicazione della Medicina tradizionale cinese trova un ottimo riscontro nel trattamento di questo disturbo e in particolare gli organi interessati sono legato, Cuore e Milza.
L’agopuntura serve quindi a mobilizzare il Qi del Fegato, rasserenare lo Shen e disperdere Calore, si possono usare i punti:
SHEN MEN (porta della coscienza, localizzato sulla piega traversa del polso) che tonifica e regola il Qi cardiale, purifica il Calore, favorisce la discesa dello Yang e rimuove le ostruzioni dal meridiano;
XING JIAN (intervallo attivo, localizzato fra l’alluce e il II dito, 0,5 cun dietro il bordo della membrana interdigitale) che tonifica e regola il Fegato, raffredda il Sangue e purifica il Fuoco del Fegato;
ZU QIAO YIN (orifizio dello Yin, localizzato 0,1 cun dietro l’angolo ungueale laterale del IV dito) che tonifica il Fegato e la Vescicola Biliare, libera l’Esterno ed espelle il Vento;
FENG LONG (abbondanza e prosperità, localizzato a metà tra il bordo inferiore della rotula e il vertice del malleolo esterno) che dissolve l’Umidità, mobilizza il Qi della Milza e dello Stomaco, calma lo Shen, favorisce la discesa dello Yang;
DA LING (grande collina, localizzato al centro della piega traversa del polso fra i tendini) che calma lo Shen e purifica il Fuoco del Cuore;
TAI XI (ruscello maggiore, localizzato fra l’apice del malleolo interno e il tendine di Achille, nel punto in cui si sente pulsare l’arteria tibiale posteriore) che tonifica e regola il Qi renale ed epatico e purifica il Calore;
XIN SHU (punto Shu del dorso del Cuore, localizzato 1,5 a lato dell’apofìsi spinosa della V vertebra toracica) che regola il Cuore, calma lo
Shen, regola il Sangue e il Qi.
Se il deficit riguarda il Qi di Cuore e Milza punti importanti sono:
PI SHU (punto Shu del dorso della Milza, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa dell’XI vertebra toracica) che mobilizza il Qi della Milza, regola e favorisce le funzioni di assimilazione, dissolve l’Umidità e regola il Sangue;
SHEN MEN;
XINSHU;
DALING;
DAN SHU (punto Shu del dorso della Vescicola Biliare, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa della X vertebra toracica) che dissolve il
Calore nel Fegato e nella Vescicola Biliare, regola i Reni, tonifica lo Stomaco e rilassa il Diaframma;
QIU XU (piccola collina, localizzato in una depressione situata davanti e sotto il malleolo esterno) che elimina le stasi e le sindromi da Pieno del Fegato e della Vescicola Biliare.
Punti auricolari utilizzabili sono quelli di Cuore, Milza, Sottocorticale e SHEN MEN.
La terapia prevede 10 applicazioni da effettuare almeno 2 volte alla settimana, da ripetere dopo circa 30 giorni.

– Fitoterapia cinese
Formula: SUAN ZAO REN WAN
Semen Ziziphi Spinosae……………….18g
Radix Glycyrrhizae Uralensis…………..3g
Rizoma Anemarrhenae………………….lOg
Scletorium Poria…………………….10g
Rizoma Ligustici ChuanXiong……………5g
Posologia: Assumere 250 mi al mattino ed alla sera come decotto per 20 giorni.

NATUROPATIA
– Consigli dietetici
Alimenti consigliati È consigliabile seguire un regime alimentare a basso indice glicemico per tenere sotto controllo gli abbassamenti della glicemia, che possono scatenare o intensificare una crisi d’ansia. È necessario distribuire gli alimenti in tre pasti e in tre piccoli spuntini (colazione-spuntino-pranzo-spuntino-cena-spuntino) privilegiando i cereali integrali in chicchi o in fiocchi (escluso il riso – tutti i tipi a eccezione del Basmati), che sono una buona fonte di vitamine del gruppo B e di magnesio (essenziale nella produzione di energia cellulare, un ottimo regolatore nella costruzione di ormoni e neurotrasmettitori, come la serotonina, la dopamina, l’insulina e l’adrenalina), le banane, gli ortaggi a foglia verde (il magnesio è un componente della clorofilla), le noci, le mandorle, le nocciole, i piselli, i fagioli, la soia e i suoi derivati ( latte, tofu e tempeh). Una dieta tendenzialmente vegetariana apporta maggiori quantità di magnesio rispetto a un’alimentazione basata sul consumo di carne e latticini. Integrare con frutta e verdura fresche biologiche, pesce pescato in mare, olio di lino e di noci spremuto a freddo, cacao puro biologico e miele di lavanda ( 1 -3 cucchiaini distribuiti nella giornata).
Alimenti da evitare Eliminare i prodotti a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che Io contengono (dolci, bibite, marmellate, cioccolata, caramelle ecc.), perché facilitano l’ipoglicemia e la conseguente crisi d’ansia, le bevande contenenti caffeina (caffè, coca cola e tutti i tipi di tè – a eccezione del kukicha: 1 tazza al giorno a colazione) e i cibi industriali addizionati con additivi, che ostacolano l’assorbimento di vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti.

– Integrazione alimentare
Vitamina B6 (regola il metabolismo dei glucidi, migliora la risposta allo stress e stimola le funzioni cerebrali): 1,5-2 mg al giorno;
Triptofano (si trasforma in serotonina): 260 mg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno;
Manganese 5 mg al giorno;
Cobalto (necessario per il corretto funzionamento del Sistema Nervoso): aumentare l’apporto quotidiano di bietole, cavolo, crescione, fichi (2 o 3 con una fetta di pane integrale di segale a lievitazione naturale a colazione, oppure come spuntino pomeridiano prima dell’attività sportiva), grano saraceno, lattuga, molluschi bivalve, ostriche, spinaci;
Olio di pesce (con almeno il 60% di EPA e DHA nel rapporto 40 a 20): 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali.

FITOTERAPIA
In ogni cultura popolare esiste l’abitudine alla “tisana rilassante” anzi qualunque tisana di per sé è ritenuta uno strumento terapeutico “ansiolitico” perché comunque coinvolge attivamente il paziente nella sua preparazione e quindi già questo contribuisce emotivamente. In medicina da sempre comunque sono state usate sostanze vegetali ad attività sedativa, più o meno importante,dalla Rawolfìa (Rawolfia serpentina) al Kavakava (Piper methysticum) entrambe piante oggi abbandonate. Esiste poi anche la possibilità di calmare le proprie ansie con la semplice vaporizzazione ambientale di essenza di Lavanda, senza quindi correre particolari rischi di effetti collaterali.
Quando l’ansia abbia invece le caratteristiche di un vero e proprio disturbo, o comunque quando sia responsabile di una costante difficoltà, senza tuttavia le caratteristiche di malattia grave ed invalidante, ecco che allora la fitoterapia può rappresentare un valido aiuto, difficilmente responsabile di dipendenza o effetti collaterali.
La Passiflora {Passiflora incarnata), molto simile alla varietà ornamentale, è la medicinale certamente di uso più tradizionale, sostanzialmente ben tollerata ed efficace nelle forme non gravi ( 15 gocce, 3 volte al giorno lontano dai pasti). È conosciuta anche come “il fiore della passio-
ne” ed i suoi estratti (idroalcolici e secchi) offrono un buon rimedio per le somatizzazioni a carico dell’apparato digerente (spasmi, diarrea ecc.).
La Tisana di Passiflora diventa anche più gradevole se associata alle foglie di Melissa (Melissa officinalis) dal gradevole aroma di limone (50% passiflora 50% melissa). I trattamenti generalmente non sono prolungati nel tempo.
Le manifestazioni ansiose dei soggetti con umore depresso risentono invece molto bene dell’associazione con estratti di Iperico (Hypericum perforatum) pianta ormai nota anche a molti psichiatri perché presenta la caratteristica di aumentare il livello di alcuni neurotrasmettitori (serotonina, dopamina e noradrenalina) nelle strutture cerebrali. Per questa pianta è indispensabile la prescrizione medica, questo perché anche se ben tollerata, presenta numerosi rischi di interazione con farmaci di sintesi, di alcuni dei quali può aumentarne gli effetti collaterali mentre di al-
tri ridurne drasticamente gli effetti positivi.
Quindi mai il fai-da-te.

Originally posted 2014-10-08 11:17:26.