Articoli

Eczema 180x180 - Eczema

Eczema

L’ costituzionale (dermatite atopica) è un’infiammazione cronica della pelle, caratterizzata da un’esagerata reattività cutanea agli stimoli irritativi o immunologie!. Le manifestazioni variano con l’età, per cui esiste una dermatite atopica del lattante o della prima infanzia (fino a 2 anni), quella del bambino (fino a 10 anni) nonché dell’adolescenza e dell’adulto (dai 10 anni in su). Nel primo caso, le lesioni cutanee hanno un aspetto rosso vivo; macule eritematose confluenti in ampie chiazze, con fine desquamazione, ricoperte da squamo-croste, che tendono a localizzarsi in genere sul viso (fronte, guance e mento, ma risparmiando tipicamente la regione attorno alla bocca) e alle superfki estensorie degli arti; dopo i 2 anni, l’eruzione (che può rappresentare l’evoluzione della precedente forma o svilupparsi ex novo) si localizza principalmente alle pieghe dei gomiti e delle ginocchia, al collo, ai polsi, e nelle pieghe retroauricolari; in età adulta, infine, le lesioni si fanno ancora più infiltrate, ispessite (lichenificate) ed escoriate: le sedi più colpite sono le pieghe, le mani, il dorso dei piedi, il collo e il tronco. Dunque, la fase acuta è caratterizzata da vescicole, rossore, edema, essudazione e croste; quella cronica è contrassegnata dalla presenza di edemi e ispessimenti dell’epidermide. Spesso le lesioni s’infettano (fra gli agenti batterici, lo Staphylococcus aureus riveste il ruolo principale) e sono molto pruriginose (il prurito è un sintomo costante, in assenza del quale non è possibile porre diagnosi di dermatite atopica), l pazienti affetti da dermatite atopica in genere annoverano in famiglia un parente di l grado che accusa la medesima malattia, oppure asma o rinocongiuntivite allergica nel 50-70% dei casi.

MEDICINA CONVENZIONALE
Identificare le cause

Capire i motivi dell’eczema ed evitarli è la base per l’efficacia dei trattamenti. Le cause più comuni sono alimentari (grassi animali, burro, glutine) e ambientali (polvere, insetti, pelo ed escrementi di animali).


Gli acidi grassi essenziali (EPA/DHA o olio di pesce) diminuiscono la presenza di mediatori chimici dell’infiammazione nel corpo. È consigliabile mangiare pesce “grasso” due o tre volte a settimana o assumere 4 g di supplementi di omega 3 al giorno.

Mente e corpo
Meditare, rilassarsi, tenere un diario accurato delle emozioni, imparare a respirare profondamente: sono tutte procedure che hanno dimostrato di migliorare l’eczema.

Steroidi topici
Se l’infiammazione dura a lungo, l’applicazione di steroidi topici come l’idrocortisone e il triamcinolone acetonide può dare buoni risultati. Betametasone dipropionato e fluocinonide sono steroidi in crema più potenti che possono essere usati dopo che gli steroidi più leggeri non abbiano dato effetti positivi, È importante ricordare che anche le creme cortisoniche hanno effetti collaterali, quindi bisogna scegliere la crema meno potente che abbia dimostrato di dare risultati.

Farmaci
Prednisone orale o triamcinolone intramuscolare possono essere prescritti: gli effetti collaterali possibili sono l’alterazione immunitaria, sbalzi d’umore, aumento di peso, intolleranza agli zuccheri. Nei casi più refrattari alle terapie può rendersi necessaria la ciclosporina, un potente
agente chemioterapico (la sua azione può alterare il DNA delle cellule) che deve essere prescritto dallo specialista in casi estremi.

Antibiotici
A volte l’eczema si complica con un’infezione: nel 90% dei casi non è possibile identificare l’agente batterico responsabile a causa della normale contaminazione della pelle con stafilococco aureo. Lo stafilococco è comunque l’agente responsabile di queste infezioni nella maggior parte dei casi e lo streptococco pyogenes è simile in frequenza: il trattamento con antibiotici come eritromicina, cefalexina e dicloxacillina dovrebbe essere prescritto.

È molto importante usare creme emollienti e idratanti in buona quantità, anche negli intervalli liberi tra un’applicazione di cortisone e l’altra. Bisogna evitare i saponi detergenti contenenti profumo e le temperature troppo calde dell’acqua, ed è opportuno aggiungere olio da bagno nella vasca.

OME0PATIA
La scelta del medicinale omeopatico nel trattamento dell’eczema si basa sulle caratteristiche della lesione prevalente e sul modello reattivo del soggetto in esame. In questa parte si fa riferimento unicamente al trattamento sintomatico.

Arrossamento
Apis mellifica 15 CH 5 granuli, anche ogni ora. Diradare in base al miglioramento. Edema bruciante trafittivo su cute secca, rugosa, rosata, a “buccia d’arancia”. Miglioramento con le applicazioni fredde.
Belladonna 5 CH 5 granuli, anche ogni ora. Diradare in base al miglioramento. Eruzione di un colore rosso intenso, brillante, irradiante calore.
Poumon-histamine 15 CH 5 granuli, anche ogni 10 minuti. È il preparato omeopatico da utilizzare sistematicamente nel trattamento dell’eczema. Diradare secondo miglioramento.

Eruzione
Croton tiglioti 9 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Vescicole molto piccole, confluenti, estremamente pruriginose e brucianti. Frequente localizzazione a livello della regione genitale.
Rhus toxicodendron 15 CH 5 granuli ogni 4 ore. Eruzioni di piccole vescicole, a capocchia di spillo, a contenuto limpido. Le vescicole compaiono su cute arrossata. Prurito migliorato con bagni caldi.

Trasudato/croste
Graphites 9 CH Contemporanea presenza di un trasudato giallo, vischioso, denso, come miele e croste giallo-oro o brune. Localizzazione elettiva in regione retroauricolare e periorale, alle pieghe di flessione e agli spazi interdigitali.
Mezereum 9 CH 5 granuli, 2 volte al dì. Spesso va associato a Hepar sulfur in alta diluizione. Vescicole piccole a contenuto opaco o purulento.
Impetigine. Presenza di chiazze brunastre nelle forme di vecchia data. Localizzazione elettiva a livello di viso, cuoio capelluto e dorso delle mani.

Desquamazione
Arsenicum album 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Desquamazione fine, furfuracea su cute pallida, fredda, rugosa, cartonata, fredda al contatto.
Alterazione profonda dello stato generale.
Arsenicum iodatum 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Desquamazione lamellare con lesioni da grattamento. Prurito migliorato con il fresco.
Eczema con sovrapposizione micotica.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Secondo la Medicina tradizionale cinese si tratta di un disturbo multifattoriale dovuto agli agenti patogeni esterni Vento, Umidità e Calore, a un deficit del Sistema
Circolatorio e del metabolismo idrico.
Lo scopo della terapia consiste nella dispersione degli agenti climatici in eccesso, tonificazione della Milza e dello Xue.

Agopuntura
Per disperdere gli agenti in eccesso punti importanti sono:
DA ZHUI (grande vertebra, localizzato sotto il processo spinoso di C7) che tonifica e regola il Qi della Milza, purifica il Fuoco e tonifica Fegato e Polmoni;
FENG LONG (abbondanza e prosperità, localizzato a metà tra il bordo inferiore della rotula e il vertice del malleolo esterno) che dissolve l’Umidità, mobilizza il Qi della Milza e dello Stomaco, calma lo Shen, favorisce la discesa dello Yang;
HE GU (fondo della valle, localizzato sul lato radiale dell’indice, all’altezza del punto medio del li metacarpo) che stimola la funzione di diffusione dei polmoni e tonifica il Qi;
QU CHI (stagno curvato, localizzato fra l’estremità laterale della piega traversa del gomito e Tepicondilo omerale) che regola e raffredda il Sangue;
SAN YIN JIAO (riunione dei tre Yin, localizzato 3 cun sopra l’apice del malleolo interno, dietro il bordo posteriore della tibia) che tonifica i Reni;
XUE HAI (mare del Sangue, localizzato 2 cun sopra il bordo superiore della rotula) che regola il Sangue.
Per riequilibrare il deficit di Xue si possono usare:
GE SHU (punto Shu del dorso del Diaframma, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa della VII vertebra toracica) che regola il Sangue, rimuove le ostruzioni e tonifica le condizioni di Vuoto;
SANYINJIAO;
XUE HAI;
ZU SAN LI (tre distanze del basso, localizzato sotto il bordo inferiore della rotula a lato della cresta tibiale anteriore) che regola e tonifica
Stomaco e Milza, tonifica il Qi e il Sangue.
Si consigliano 10 applicazioni da effettuare 2 volte alla settimana.

cinese
Formula: XIAO FENG SAN
Radix Angelicae Sinensis……………….6g
Radix Rehmaniae……………………….6g
Radix Ledebouriellae…………………..6g
Rizoma Anemarrhenae……………………6g
Radix Sophorae Flavescentis…………….6g
Semen Sesami………………………….6g
Herba Schizonopetae……………………6g
Rizoma Atractylodes……………………6g
Fructus Arcui Lappa……………………6g
Gypsum Fibrosum……………………….9g
Caulis Akebiae………………………4,5g
Radix Glycyrrhizae Uralensis………….4,5g
Posologia: 3 g al dì sottoforma di capsule o polvere per 30 giorni.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

Alimenti consigliati Se il processo infettivo/infiammatorio tende frequentemente a recidivare è necessario limitare il consumo di carne e di pesce di allevamento, uova e latticini non biologici, perché contengono residui di pesticidi, fertilizzanti e farmaci che possono compromettere le funzioni del Sistema Immunitario e di conseguenza rendere il , soprattutto se di giovane età, più vulnerabile agli attacchi dei germi patogeni.
Integrare l’alimentazione con borragine, ortica, maggiorana, germogli di alfa-alfa, prezzemolo, sedano, radice di zenzero fresca grattugiata, curcuma in polvere, cedro, limone, ananas fresco per le loro proprietà antinfiammatorie e mineralizzanti.
Dare la preferenza alla frutta e alla verdura fresca, biologica e di stagione, associare noci, nocciole, pinoli, mandorle, avocado e semi oleosi per completare l’apporto di vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti con acidi grassi essenziali. Integrare la dieta abituale con kefir e yogurt
naturale arricchito con batteri probiotici. Assumere quotidianamente 1-2 litri di acqua minerale naturale (utilizzarla anche per cucinare).
Alimenti da evitare Evitare salumi, insaccati, cibi fritti, burro, panna, spezie fino al miglioramento del quadro clinico del paziente.
Eliminare i cibi a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, il caffè, il tè nero, gli alcolici, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans, che possono ostacolare Passorbimento di vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti e/o aggravare i sintomi.

Integrazione alimentare
Beta-carotene aumentare l’apporto quotidiano di nespole, albicocche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci (americane). Se associato alla vitamina C e ai bioflavonoidi (50-100mg in un’unica somministrazione) ostacola il diffondersi dell’infezione.
Vitamina C 200 mg al giorno;
Complesso B 25 mg al giorno» in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
Biotina 50 mcg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Zinco 20-25 mg al giorno in un’unica somministrazione al mattino prima di colazione;
Rame 2 mg al giorno;
Colina 400 mg al giorno;
PABA (acido para-aminobenzoico) 50 mg al giorno
Inositolo 1 g al giorno;
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg.

FITOTERAPIA
La fitoterapia può aiutare ad alleviare i sintomi, in particolare l’arrossamento, l’irritazione cutanea e il prurito. Nel primo caso è utile applicare un olio di
Achillea preparato con 400 g di fiori freschi e 1000 mi di olio di mandorle dolci (lasciare macerare per un mese, in un contenitore a chiusura ermetica, al riparo dalla luce e da fonti di calore). Frizionare la zona cutanea interessata tre-quattro volte al giorno, evitando di farlo prima dell’esposizione solare.
Per alleviare l’irritazione cutanea (soprattutto se estesa) e il prurito, può essere utile ricorrere all’idroterapia. In una capiente terrina, mescolare 200 g di farina d’avena, 80 g di crusca d’avena, 150 mi di olio di mandorle dolci, 70 mi di olio di lino, 200 mi di infuso di Malva (fiori e foglie), 150 mi di infuso di Camomilla (40%) e di Equiseto (60%), 10 gocce di olio essenziale di Lavanda e 50 gocce di TM di Hamamelis virginiana ( Amamelide). Portare 8 litri di acqua minerale naturale a ebol-
lizione, spegnere la fiamma, versare la farina e la crusca d’avena, mescolare, coprire con un coperchio e lasciare riposare per 30-40 minuti.
Filtrare, unire la restante parte dei composti, emulsionare e versare nell’acqua del bagno. Rimanere nella vasca per 20-25 minuti, massaggiando delicatamente le zone cutanee interessate. Praticare questo trattamento 2-3 volte la settimana e/o fino alla scomparsa dei sintomi. È molto efficace nei bambini al di sotto dei 6 anni d’età.
Per aiutare la rigenerazione cutanea può essere utile massaggiare delicatamente la zona interessata con un gel ad elevata concentrazione di Aloe (99,9%).
Nei pazienti adulti con anamnesi positiva per allergie alimentari e/o respiratorie può essere utile somministrare la Bardana (sotto forma di TM, 25 gocce, due volte al giorno lontano dai pasti), associata al Ribes
Nigrum ( I DH Gemme, 50 gocce al mattino a digiuno e 50 gocce la sera, prima del riposo notturno, diluite in poca acqua oligominerale) e alla Viola tricolor (o Viola del pensiero, TM, 25 gocce, due volte al giorno, lontano dai pasti).

Originally posted 2014-10-13 09:37:17.