Articoli

Impetigine 180x180 - Impetigine

Impetigine

Rientra nell’ambito delle dermatiti batteriche, dovute essenzialmente allo Stophylococcus aureus e allo Streptococcus pyogenes. Le lesioni possono localizzarsi ovunque, ma interessano per lo più le zone scoperte: viso, collo, mani ed estremità. Spesso coinvolgono aree particolarmente umide, come la piega sotto il naso e la zona vicino alla bocca, oppure complicano le lesioni da grattamento in qualsiasi sede cutanea. L’ è caratterizzata dalla presenza di vescicole o bolle, ripiene di liquido sieroso, circondate da un alone eritematoso, arrossato; le lesioni in breve tempo si rompono e danno origine a croste di colore bruno-giallastro, il cui distacco lascia sulla cute sottostante un’area erosa superficialmente. Aspetto peculiare dell’infezione è l’alta contagiosità: tende infatti a diffondersi rapidamente, mediante autoinoculazione, con le dita o gli asciugamani. In pratica, il bam-
bino, alle prese con quest’eruzione, manipola le lesioni, che sono piuttosto pruriginose, e toccando altre zone del corpo finisce per estendere l’infezione alla periferia. E analogamente, altre persone possono essere contagiate. Il piccolo può contrarre le dermatite specialmente durante la stagione estiva, quando, con la sabbia o l’acqua del mare, infetta le sue piccole abrasioni cutanee. Raramente si osserva una compromissione delle condizioni generali.
L’evoluzione di questa dermatite è benigna, se affrontata immediatamente e adeguatamente. A volte possono permanere per qualche tempo delle alterazioni del colorito cutaneo. Le ricadute sono frequenti.

MEDICINA CONVENZIONALE
L’impetigine è un’infezione della pelle. Ne esistono due tipi: l’impetigine bollosa (con vescicole) e non bollosa.
Sono entrambe causate dal batterio stafilococco aureo.
Molti medici decidono di trattare l’impetigine con prodotti da banco, ma a volte sono necessari farmaci.

Antibiotici
Si prescrivono antibiotici locali sotto forma di creme o di farmaci orali: il tipo di antibiotico dipende dall’estensione del rash cutaneo e dall’ambiente di vita. Gli antibiotici orali prevengono l’estendersi del rash meglio dei farmaci topici. L’antibiotico topico usato più frequentemente è la
mupirocina: la probabilità di successo è superiore al 90% con una somministrazione due volte al giorno in un periodo di due settimane. Se il rash cutaneo è molto esteso si usa l’eritromicina, di solito per un periodo di 7 giorni. Talvolta i batteri diventano resistenti all’eritromicina: si usa quindi una cefalosporina. Penicillina e amoxicillina non si usano perché l’impetigine è resistente a questi antibiotici. I sintomi di solito si risolvono in 7/10 giorni.

Sapone antibatterico
Lavarsi con sapone antibatterico e ammorbidire l’area affetta con compresse umide migliora il benefico effetto degli antibiotici. Una buona igiene è molto importante.

OMEOPATIA
Uno degli schemi terapeutici che si sono dimostrati utili nel trattamento dell’impetigine con preparati omeopatici si basa sull’associazione di tre rimedi principali (Graphites, Hepar sulphur, Mezereum) e sulla prescrizione di Sulfur iodatum.

Trattamento sintomatico
Graphites 5 CH – Hepar sulphur 5 CH – Mezereum 5 CH 5 granuli di ciascuno in alternanza, tre volte al dì. Ridurre in base al miglioramento.
La grafite (Graphites) è carbone minerale con tracce di ferro, alluminio, silicio, fluoro, bromo, utilizzato in omeopatia per le forme di eczema topico o atopico caratterizzato dalla presenza di vescicole trasudanti con liquido giallastro simile a miele. Possono essere presenti altri segni
caratteristici, anche se non obbligatori, come freddolosità pronunciata, tendenza al sovrappeso e alla stipsi.
Il solfuro impuro di calcio (Hepar sulphur) è il preparato omeopatico utilizzato in tutti i fenomeni suppurativi a livello della pelle e delle mucose (foruncolosi, ascesso, impetigine). Caratteristica di questo rimedio è l’ipersensibilità al , al contatto e al freddo. Le manifestazioni patologiche peggiorano con il freddo e d’inverno.
Il fiore di stecco (Mezereum) è una pianta della famiglia delle Timelacee, nota in omeopatia anche come “il mercurio vegetale” per la somiglianza delle indicazioni terapeutiche con Mercurius. È considerato uno dei medicinali specifici dell’impetigine con prurito che muta sede con il grattamento, aggrava di notte con il calore del letto. Le eruzioni cutanee sono vescicolose, brucianti, intensamente pruriginose, contenenti liquido purulento, ricoperte da croste biancastre, spesse. Queste eruzioni possono comparire a crisi e sono localizzate soprattutto sul volto, al cuoio capelluto e al dorso delle mani. Le diluizioni più basse (5CH), utilizzate secondo necessità, sembrano essere le più efficaci.

Trattamento di fondo
Sulfur iodatum 15 CH una monodose alla settimana. Diradare in base al miglioramento. Lo ioduro di zolfo è adatto alle affezioni cutanee croniche con tendenza alla suppurazione.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Questo disturbo, come ogni patologia legata a un’infezione da agente esterno, secondo la Medicina tradizionale cinese deve essere trattato con lo scopo di riattivare e rinforzare il Sistema Immunitario.
Infatti una continua debilitazione dovuta all’aggressione di agenti patogeni esogeni esporrebbe notevolmente l’organismo a successive infezioni.

Agopuntura
Punti importanti sono:
ZU SAN LI (tre distanze del basso, localizzato sotto il bordo inferiore della rotula a lato della cresta tibiale anteriore) che regola e tonifica Stomaco e Milza, tonifica il Qi e il Sangue;
SAN YIN JIAO (riunione dei tre Yin, localizzato 3 cun sopra l’apice del malleolo interno, dietro il bordo posteriore della tibia) che tonifica i Reni;
PI SHU (punto Shu del dorso della Milza, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa dell’XI vertebra toracica) che mobilizza il Qi della Milza, regola e favorisce le funzioni di assimilazione, dissolve l’Umidità e regola il Sangue;
XUE HAI (mare del Sangue, localizzato 2 cun sopra il bordo superiore della rotula) che regola il Sangue;
GAO HUANG (punto Shu dei centri vitali, localizzato 3 cun a lato dell’apofisi spinosa della IV vertebra toracica) che tonifica il Rene e il Fegato, regola il Qi del Polmone e rinvigorisce lo Shen;
QI HAI (mare del Qi, localizzato 1,5 cun sotto l’ombelico) che tonifica e regola i Reni e stimola la discesa dello Yang.
Si consiglia un ciclo di 10 applicazioni da eseguire 2 volte alla settimana.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

Alimenti consigliati Aumentare l’apporto quotidiano di liquidi, sotto forma di acqua minerale natura-
le (utilizzarla anche per cucinare), succhi di frutta, centrifugati di frutta e/o verdura diluiti con acqua.
Dare la preferenza agli alimenti ricchi di bioflavonoidi (limoni, uva, prugne, pompelmo, albicocche, ciliegie, more, bacche della rosa canina e grano saraceno), di beta-carotene (aumentare l’apporto quotidiano di nespole, albicocche fresche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci americane) di vitamina C (agrumi e kiwi) ed E (semi oleosi, cereali, frutta fresca e secca e ortaggi), che aiu-
tano ad alleviare i sintomi dell’infiammazione e a prevenire le infezioni potenziando la funzionalità del Sistema Immunitario.
Integrare la dieta abituale con latte fermentato, kefir e yogurt addizionato con probiotici.
Alimenti da evitare Evitare i prodotti a base di farine raffinate, il
cioccolato, le bevande alcoliche, le carni provenienti da animali da allevamento e alimentati con mangimi industriali, i prodotti contenenti acidi grassi trans, gli alimenti addizionati con additivi, il caffè e il tè nero.
Nella fase acuta eliminare lo zucchero (saccarosio) e i cibi che lo contengono (come i dolciumi, le bibite, i gelati).

Integrazione alimentare
(Le dosi prescritte non sono indicate per i bambini al di sotto dei 12 anni d’età, per i quali è indispensabile la prescrizione del medico curante).
Complesso B 25 mg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Vitamina £ 10 mg al giorno;
Rame 2 mg al giorno;
Selenio 80 mcg al giorno;
Zinco 20-25 mg al giorno;
PABA (acido para-aminobenzoico) 50 mg al giorno;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Germe di grano 1-3 cucchiaini al giorno;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno;
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg;
Olio di pesce 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali.


Grazie alla presenza dell’acido salicilico (il principio attivo dell’aspirina) e dei flavonoidi, YAchillea può essere utilizzata per combattere l’infezione e l’infiammazione. Somministrare l’estratto secco, sotto forma di compresse da 2 mg, tre volte al giorno, lontano dai pasti.
Nei bambini al di sotto dei sei anni d’età dimezzare la dose e somministrare una sola volta al giorno, prima di colazione.
Se l’eritema è particolarmente fastidioso (dolore e prurito in corrispondenza dell’eritema e/o delle vescicole) può essere preparato un cataplasma a base di estratto fluido di Achillea, mescolando 50 gocce in 30-50 mi di olio di Iperico. Bagnare una garza sterile e applicare sulla zona interessata, tre/quattro volte al giorno, per almeno 20 minuti.
Ripetere il trattamento per due/tre volte consecutive. Evitare l’esposizione solare durante il trattamento, perché può causare fotosensibilizzazione.
In alternativa, in caso di pelle grassa, può essere utilizzato un cataplasma con Argilla verde ventilata (mescolare con acqua fino ad ottenere un “fango” facilmente spalmabile. Completare con due teli di cotone e uno di lana. Lasciare agire per circa un paio d’ore, ripetere tre quattro volte al giorno) per facilitare il drenaggio dell’infezione.
In caso di frequenti recidive, può essere somministrato il Ribes Nigrum 1 DH Gemme, nella dose di 50 gocce, in un’unica somministrazione, la mattina a digiuno, circa 20 minuti prima di colazione. Grazie alla sua azione “cortisone-simile”, aiuta a combattere l’eritema cutaneo. Nei bambini al di sotto dei sei anni d’età dimezzare la dose.
Nei casi in cui l’infezione interessa oltre il volto anche le estremità (arti superiori e inferiori) è consigliabile somministrare YEchinacea angustifolia (Echinacea), sotto forma di estratto secco, nella dose di 100 mg per due-tre volte al giorno, dopo i pasti (dimezzare la dose nei bambini
al di sotto dei 6 anni d’età). Effettuare il trattamento per 5 giorni. Se necessario, ripetere il trattamento dopo 15 giorni dalla sospensione del prodotto. È controindicata nei pazienti affetti da asma, leucemia, patologie autoimmuni, HIV, diabete mellito tipo I.
L’Echinacea contiene un composto polifenolico particolarmente attivo nei confronti dello Staphylococcus aureus, che rappresenta l’agente patogeno più frequente (60% dei casi).

Originally posted 2014-10-15 09:48:26.