Articoli

IPERSENSIBILITÀ DENTALE 180x180 - IPERSENSIBILITÀ DENTALE

IPERSENSIBILITÀ DENTALE

È una reazione dolorosa del dente, acuta, improvvisa, provocata dall esposizione della dentina (la porzione dura del dente che circonda la polpa ed è ricoperta dallo smalto) a una variegata serie di stimoli. A scatenare il dolore può essere tipicamente il contatto con i cibi e le bevande calde o fredde, dolci o acidi. Spesso a provocare l’ sono i fenomeni di retrazione gengivale che caratterizzano la parodontopatia (la famosa “piorrea”): quando la placca batterica si accumula sul bordo gengivale, questa s’infiamma tendendo a scollarsi generando una “tasca”. Le malattie parodontali decorrono prevalentemente in maniera silenziosa: certi segni e sintomi caratteristici, però, devono allertare il paziente: il sanguinamento delle gengive durante lo spazzolamelo, la scopertura dei colletti dentali, il gonfiore a livello del margine gengivale, ma anche l’ agli sbalzi di temperatura. Quest’eccessiva sensibilità può anche derivare in seguito allo spazzolamento troppo vigoroso dei denti ed è un fenomeno frequente pure all’indomani di una seduta d’igiene orale o a uno sbancamento: si tratta comunque, nella maggior parte dei casi, di un fastidio che tende a regredire spontaneamente. Infine, denti sensibili possono essere la conseguenza di un inconsapevole digrignamento notturno (bruxismo): la compressione e lo sfregamento, esercitati inconsciamente durante la notte, possono causare una progressiva abrasione della parte superiore dei denti, che vengono praticamente “limati” da quest’azione innaturale.

DA SAPERE
La dentina è la componente quantitativamente più rilevante del dente. In corrispondenza della corona (la parte visibile del dente) essa è a contatto con lo smalto, del quale è molto meno dura, ed è rivestita dal cemento nella parte infissa. Costituisce la
struttura di sostegno del dente: di colore giallo avorio, è comprimibile ed elastica, in modo da assorbire lo sforzo della masticazione. Per i fenomeni di disidratazione dei tessuti si presenta, col passare degli anni, sempre meno permeabile, più dura e fragile. La dentina è percorsa da un complesso di canali (tubuli dentinali) comunicanti con la polpa nella quale si trovano i nervi.

L’ipersensibilità dentale è uno dei sintomi di un disturbo detto “parodontopatia”, cioè una malattia delle gengive e dei tessuti di sostegno dei denti. La base per la terapia è l’eliminazione meccanica della placca batterica, lo scopo ultimo è rendere migliore l’igiene della bocca e dei denti con le normali procedure messe in atto a casa.
Terapia
La pulitura del bordo gengivale, la lucidatura delle superfici dentali e l’apprendimento delle corrette norme di igiene orale rappresentano la base di partenza per ogni trattamento. Spesso questa fase è sufficiente per risolvere il problema. Se esiste una malattia parodontale moderata o severa si esegue una pulizia più profonda, di solito in anestesia locale, detta levigatura radicolare.
Chirurgia
In rari casi si deve eseguire l’eliminazione chirurgica delle tasche e dei difetti ossei della bocca.

Solo dopo aver stabilito la condizione di base responsabile dell’aumentata sensibilità dolorosa dentaria è possibile la scelta di un trattamento personalizzato capace di indurre una risposta favorevole.
Dolore da eruzione dentaria
Chatnomilla 15 CH 5 granuli durante le crisi dolorose. Eruzione dentaria dolorosa con salivazione abbondante ed irritabilità del bambino. Talvolta si associa febbre, dolore auricolare, bronchite catarrale o diarrea.

Pulpite (dolore discontinuo, aggravato dal freddo)
Aconitum 15 CH 5 granuli, ogni ora. Dolore violento come scariche elettriche, aggravato di notte e dal freddo. Ansietà.
Arsenicum album 15 CH 5 granuli, ogni ora. Dolore urente aggravato di notte e migliorato dalle applicazioni calde. Alito fetido. Soggetto freddoloso, ansioso.
Belladonna 9 CH 5 granuli nella crisi dolorosa. Dolore dentario pulsante con tumefazione gengivale. Ascesso in fase iniziale.

Ascesso dentario (dolore continuo)
Mercurius solubilis 5 CH per favorire, 30 CH per inibire la suppurazione: 5 granuli, 3 volte al dì. Alito fetido, gusto metallico in bocca, scialorrea, adenopatia regionale, aggravamento con il calore.
Pyrogenium 7CH 5 granuli, 3 volte al dì, per inibire la suppurazione.

Dente del giudizio
Cheiranthus cheiri 5 CH 5 granuli nella crisi dolorosa. Dolore dentario del “dente del giudizio” o dolore dopo la sua estrazione. Trisma doloroso con incapacità di aprire la bocca.

Nevralgia dopo trattamento odontoiatrico
Arnica montana 7 CH 5 granuli al dì, per 3 giorni prima dell’intervento e 5 granuli anche ogni ora dopo l’intervento. Dolore dentario dopo trattamento odontoiatrico. Per ridurre sanguinamento, edema e dolore.
Hypericum perforatum 15 CH 5 granuli anche ogni ora. Nevralgia dentaria dopo trattamento odontoiatrico. Dolore insopportabile nella sede di iniezione dell’anestetico e lungo il nervo interessato dal trauma chirurgico.

Nevralgia da freddo
Aconitum 15 CH 5 granuli, ogni 2 ore. Insorgenza brutale dopo esposizione a freddo intenso.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

Secondo la Medicina tradizionale cinese questo disturbo è principalmente dovuto a Fuoco di Stomaco e di Fegato.
Nel caso di Fuoco di Stomaco la terapia mira a calmare il dolore provocato dall’infiammazione ma anche alla dispersione.
DA CHANG SHU (punto Shu del dorso del Grosso Intestino, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofìsi spinosa della IV vertebra lombare) che mobilizza il Qi del Grosso Intestino, fortifica la zona lombare e le ginocchia;
FENG LONG (abbondanza e prosperità, localizzato a metà tra il bordo inferiore della rotula e il vertice del malleolo esterno) che dissolve l’Umidità, mobilizza il Qi della Milza e dello Stomaco, calma lo Shen, favorisce la discesa dello Yang;
HE GU (fondo della valle, localizzato sul lato radiale dell’indice, all’aitezza del punto medio del II metacarpo) che stimola la funzione di dif- fusione dei Polmoni e tonifica il Qi;
NEI TING (cortile interno, localizzato 0,5 cun dietro il bordo della membrana interdigitale, fra II e III dito del piede) che regola il Qi e blocca il dolore;
WEI SHU (punto Shu del dorso dello Stomaco, localizzato 1,5 cun a lato deirapofisi spinosa della XII vertebra toracica) che tonifica e regola lo Stomaco e dissolve l’Umidità.
Nel caso di Fuoco di Fegato la terapia è sempre di dispersione e di controllo dei sintomi dolorosi:
HEGU;
JIA CHE (giuntura mandibolare, localizzato sopra l’angolo della mandibola, all’incrocio del prolungamento della commessura labiale) che espelle il Vento e rimuove le ostruzioni dal meridiano;
TAI CHONG (grande assalto, localizzato sul dorso del piede, nella depressione distale all’articolazione fra il I e il II metatarso) che tonifica e regola il Fegato e la Vescicola Biliare, regola e raffredda il Sangue;
XIA GUAN (cancello inferiore, localizzato sotto il bordo inferiore dell’arcata zigomatica) che tonifica e rinforza Milza, Polmone e Rene e rimuove le ostruzioni dal meridiano;
YANG LING QUAN (sorgente della collina Yang, localizzato nella depressione situata davanti alla testa del perone) che tonifica il Qi del Riscaldatore Medio e Inferiore, tonifica e regola la Milza, i Reni, il Fegato e la Vescicola Biliare e rinforza muscoli, tendini e ossa.
Punti del Sistema Auricolare Fegato Stomaco SHEN MEN.
cinese
Formula: QING WEI SAN
Radix Rehmaniae…………………..12 g
Radix Angelicae Sinensis……………….6 g
Rizoma Coptidis…………………….3 g
Cortex Moutan Radicis………………..9 g
Rizoma Cimicifuga…………………..3 g
Posologia: 3 g al dì sotto forma di capsule o polvere per 30 giorni.

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Aumentare l’apporto di alimenti ricchi di bioflavonoidi (limoni, uva, prugne, pompelmo, albicocche, ciliegie, more, bacche della rosa canina e grano saraceno) e di vitamina C (in particolare agrumi e kiwi).
Integrare la dieta quotidiana con cibi ricchi di vitamina A (come fegato, uova e latte) e/o di beta-carotene (nespole, albicocche fresche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci americane), privilegiando i prodotti biologici.
Dare la preferenza agli alimenti a elevato apporto di acidi grassi omega-6 e omega-3, come gli oli di semi spremuti a freddo (soprattutto di noci e di lino), il pesce, in particolare salmone selvaggio, aringhe, merluzzo, sardine, acciughe, sgombro.
Alimenti da evitare Eliminare i cibi a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, la caffeina, gli alcolici addizionati con additivi e/o contenenti acidi  grassi trans, che possono ostacolare l’assorbimento di vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti.
Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno;
Vitamina B3 15-20 mg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lonta-
no dai pasti;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Zinco 20-25 mg al giorno in un’unica somministrazione al mattino prima di colazione;
Lecitinadi soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Germe di grano 1-3 cucchiaini al giorno;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno.

FITOTERAPIA

Per alleviare il disturbo possono essere effettuati gargarismi con 50 mi di succo puro di pompelmo rosa biologico (oppure di spremuta fresca di agrumi), in cui è stato diluito l’estratto fluido di Anemone pulsatilla (anche conosciuta come “Erba del diavolo”), nella dose di 20 gocce, tre-quattro volte al giorno, lontano dai pasti. Non ingerire e tenere in bocca per almeno 2-3 minuti, prima di espellerlo.
Negli adulti (in assenza di patologie tiroidee), per aiutare a tenere sotto controllo il disturbo, può essere utile assumere 20 gocce di alga Spirulina, al mattino a digiuno (circa 15 minuti prima di colazione), ricca di sali minerali (tra cui ferro, fosforo, calcio, manganese, magnesio, zinco, potassio), vitamine, aminoacidi, carotenoidi, acidi grassi essenziali.
Per le sue proprietà antiossidanti, può essere somministrato il Ribes
Nigrum 1 DH Gemme, nella dose di 50 gocce, in un’unica somministrazione, la mattina a digiuno, circa 20 minuti prima di colazione.
Per migliorare la vascolarizzazione dei tessuti e alleviare il sintomo, può essere utilizzato l’estratto fluido di Ippocastano, nella dose di 20 gocce, diluite in 200 mi di succo puro di mirtillo, oppure di spremuta di pompelmo rosa, due volte al giorno, lontano dai pasti.
Nei casi in cui l’ipersensibilità dentale è particolarmente fastidiosa e il paziente lamenta dolore, può essere utile assumere l’Artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens), sotto forma di compresse gastroresistenti, nella dose di 1 cps (1,5 g), tre volte al giorno, dopo i pasti.
Per aiutare a tenere sotto controllo il disturbo può essere associata, ai preparati fitoterapia, l’oligoterapia sotto forma di un composto a base di Rame-Oro-Argento, 1 monodose due volte la settimana (per esempio il lunedì e il giovedì).

Originally posted 2014-10-15 09:45:04.