Articoli

ipoglicemia 180x180 - Ipoglicemia

Ipoglicemia

La glicemia indica la concentrazione del glucosio nel sangue e viene mantenuta tra i 70 e i 120 (milligrammi/decilitro) grazie a un complesso meccanismo ormonale, nervoso e cellulare. La caduta al di sotto dei limiti della norma può verificarsi per svariate evenienze. La terapia del diabete con l’insulina rappresenta la ragione più frequente d’, e tra gli eventi che precipitano questa crisi di zuccheri figurano il troppo esercizio fisico, il diminuito introito di calorie oppure un errore nel dosaggio dell’insulina. L’alcol, associato al digiuno protratto, è un altro importante fattore capace di scatenare . Questa condizione può poi manifestarsi nei pazienti con malattie epatiche e in presenza di un insulinoma (una neoplasia che trae origine dalle cellule del pancreas incaricate di fabbricare insulina). I sintomi che caratterizzano una condizione di sono fondamentalmente dovuti a due fattori: da un lato, l’insufficiente apporto di zuccheri al cervello, e, dall’altro, l’attivazione, in via riflessa, del Sistema Nervoso simpatico. Così ecco la cefalea, l’incapacità di concentrarsi, l’affaticamento, i disturbi visivi, le convulsioni e l’alterazione della coscienza; inoltre affiorano anche tremori, sudorazione profusa, accelerazione del battito cardiaco e spiccata sensazione di fame. Una particolare sindrome benigna è quella che viene chiamata “ reattiva”: consiste nella comparsa di un insieme di disturbi riferibili a una (tremori, sudorazione, palpitazioni) poche ore dopo l’ingestione di cibo.

FISIOLOGIA
• Il nostro cervello ha un bisogno obbligato di zucchero: per funzionare necessita di 6 grammi di glucosio ogni ora.
• L’aumento degli zuccheri dopo i pasti stimola la secrezione d’insulina nel pancreas, ormone che consente l’assorbimento del glucosio da parte delle cellule. Ma la sua attività provocherebbe uno stato di ipoglicemia se non intervenissero il glucagone – ulteriore ormone secreto dalla ghiandola pancreatica soprattutto dopo un pasto ricco in proteine – o altri attori ormonali come il cortisolo e l’adrenalina, che innalzano nuovamente i livelli glicemici.

Stile dì vita
L’ipoglicemia che si manifesta nella persona sana viene trattata con adeguamenti dello stile di vita: è importante ottenere un equilibrio tra ciò che si mangia e ciò che si usa per l’attività fisica. È opportuno mangiare pasti ricchi di proteine, con eventuali spuntini, con carboidrati ricchi di fibre e con basso indice glicemico. Evitare zuccheri semplici, carboidrati semplici e pasti abbondanti. Evitare i dolci.
Supplementi
Alcuni minerali, come cromo e vanadio, regolano la glicemia: possono essere aggiunti alla dieta attraverso multivitaminici o con supplementi specifici.
Esercizio fisico
Fare esercizio fisico entro un’ora da un pasto leggero o da uno spuntino povero di zuccheri. Ridurre lo stress: è fonte di sbalzi glicemici.
Somministrare glucosio
Se un diabetico sviluppa ipoglicemia a causa di un eccesso di insulina o di altro farmaco somministrare immediatamente glucosio: fare bere un succo di frutta o, in casi gravi, fare un’iniezione di glucagone.

La diminuzione dei livelli degli zuccheri nel sangue comporta la comparsa di senso di fame e intensa debolezza con sudorazione e malessere che richiede una valutazione clinico-laboratoristica per escludere la presenza di un diabete mellito. Spesso la condizione di ipoglicemia è la conseguenza del consumo prevalente di alimenti a base di zuccheri semplici a rapido assorbimento che comportano una risposta insulinica responsabile del calo della glicemia. I rimedi omeopatici possono solo completare l’approccio basato sulla modificazione delle abitudini alimentari e dello stile di vita. Tra i rimedi più frequentemente indicati è opportuno ricordare Cocculus indicus, Lycopodium clavatum, Natrum muriaticum, Nux vomica.
Cocculus indicus 9CH5 granuli, 1 -3 volte al dì. Grande spossatezza con la caratteristica sensazione di debolezza muscolare e incapacità a reggere la testa, la schiena o le ginocchia. È indicato in particolare per la facile esauribilità muscolare, la stanchezza e la sudorazione della crisi ipoglicemica.
Lycopodium clavatum 9 CH 5 granuli, da 1 a 3 volte al dì. Turbe dispeptiche con senso di sazietà già dopo i primi bocconi, meteorismo con intolleranza per le costrizioni a livello addominale, congestione del viso dopo il pasto. Ama le bevande calde e desidera i dolci. Non digerisce aglio e cipolle.
Natrum muriaticum 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì, diradando in base al miglioramento. Caratteristica di tale rimedio è il dimagrimento concentrato a livello della parte alta del corpo e l’aggravamento verso le ore 10 del mattino, in conseguenza della crisi ipoglicemica per cui è costretto a fare uno spuntino.
Nux vomica 9 CH 5 granuli, da 1 a 3 volte al dì. Turbe dispeptiche in persone sedentarie con sonnolenza post-prandiale, migliorata da un sonno breve. Il soggetto desidera alcolici, amari, cibi piccanti, condimenti forti, caffè. La noce vomica è adatta a condizioni di ipoglicemia dominate da ipereccitabilità in persone attive ma dallo stile di vita sedentario con
manifestazioni di tipo spasmodico e difficoltà digestive.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

La Medicina tradizionale cinese tratta questo disturbo considerando le alterazioni che avvengono a livello degli organi Polmone, Stomaco, Reni e Milza-Pancreas.
Lo scopo della terapia è di ripristinare un equilibrio nelle funzionalità dei suddetti organi e di controllare quelli che
possono essere i sintomi associati quali debolezza, vertigini, ipotensione.
Punti importanti per questo tipo di applicazione possono essere: GE SHU (punto Shu del dorso del diaframma, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofìsi spinosa della VII vertebra toracica) che regola il Sangue, rimuove le ostruzioni e tonifica le condizioni di Vuoto;
XIN SHU (punto Shu del dorso del Cuore, localizzato 1,5 a lato dell’apofisi spinosa della V vertebra toracica) che regola il Cuore, calma lo Shen, regola il Sangue e il Qi;
ZHONG WAN (epigastrio centrale, localizzato 4 cun sopra l’ombelico) che regola lo Stomaco, dissolve l’Umidità e favorisce la discesa dell’Energia che circola controcorrente;

WEI SHU (punto Shu del dorso dello Stomaco, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofìsi spinosa della XII vertebra toracica) che tonifica e regola lo Stomaco e dissolve l’Umidità;
NEI TING (cortile interno, localizzato 0,5 cun dietro il bordo della membrana interdigitale, fra II e III dito del piede) che regola il Qi e blocca il dolore;
SAN YIN JIAO (riunione dei tre Yin, localizzato 3 cun sopra l’apice del malleolo interno, dietro il bordo posteriore della tibia) che tonifica i Reni;
GUAN YUAN (barriera dell’essenza vitale, localizzato 3 cun sotto l’ombelico) che tonifica il Qi renale, regola il Qi e favorisce la discesa del Qi renale, regola il Qi e favorisce la discesa dello Yang;
FU LIU (corrente di ritorno, localizzato in una depressione sul bordo anteriore del tendine di Achille) che tonifica lo Yin renale, regolando il bilancio dei liquidi, l’Energia nutritiva e il Sangue;
Si consiglia un ciclo terapeutico di 10 applicazioni da effettuare almeno 2 volte alla settimana.

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Aumentare l’apporto quotidiano di acqua minerale naturale.
Privilegiare i cibi a basso indice glicemico (affinché le oscillazioni della glicemia avvengano in modo graduale), come i cereali integrali (in chicchi e in fiocchi, escluso il riso, a eccezione del Basmati), il pane e prodotti da forno preparati con farina integrale di segale macinata a pietra e crusca d’avena e lievito naturale, legumi e verdure fresche (escluse le patate), consumate preferibilmente crude.
Dare la preferenza alle fonti proteiche animali, sotto forma di pesce pescato in mare (esclusi i crostacei), uova, carne magra biologica, latticini a basso apporto di lipidi, come crescenza, ricotta, fiocchi di latte, scamorza, yogurt naturale addizionato con probiotici e kefir.
Incrementare il consumo di alimenti ricchi di bioflavonoidi, come spinaci, broccoli, sardine, fagioli di soia, noci, mandorle, semi di girasole, di sesamo, di zucca, di lino.
Alimenti da evitare Eliminare i cibi a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, la caffeina, i piatti dei fast-food, gli alcolici, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans.
Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
Acido folico (o vitamina B9) 200 mcg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Manganese 5 mg al giorno;
Rame 2 mg al giorno;
Zinco 20-25 mg al giorno;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al gio»rno;
Germe di grano 1-3 cucchiaini a colazione nel latte © nello yogurt;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattimo a digiuno;
Enzimi proteolitici 2 compresse al giorno lontano dlai pasti;
Olio di pesce (con almeno il 60% di EPA e DHA ntel rapporto 40 a 20): 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali.

Per la presenza di flavonoidi, sali numerali, vitamine, glucidi, saponine e alcaloidi può essene utile assumere l’Avena sativa (parte aerea e cariosside germinati/semi), sotto forma di estratto fluido, nellai dose di 20 gocce, tre volte al giorno, lontano dai pasti.
Nei casi in cui il disturbo è correlato a problemi digestiivi (per esempio a carico del fegato), che possono causare un deficit degl’assorbimento dei glucidi, può essere utile assumere il Taraxacum offficinalis (Tarassaco, o “Dente di leone”), sotto forma di TM, nella dtose di 25 gocce, due volte al giorno, circa 20 minuti prima dei pasti prrincipali, diluite in poca acqua oligominerale con aggiunta di alcune? gocce di succo d’arancia fresco, oppure di pompelmo rosa, per faciliitarne l’assorbimento.
Se le crisi ipoglicemiche sono correlate a una condizicone di iponutrizione e/o di inappetenza può essere utilizzata la Pappa ÌReale, assunta al mattino a digiuno (circa 20 minuti prima di colazione)), per via sublinguale, nella dose di 100-300 mg (per i bambini al di sotttto dei 12 anni è consigliabile dimezzare il dosaggio) in un’unica somministrazione.
Eventualmente associata al Polline, somministrato al mattino, prima d’i colazione ( 1 cucchiaio per gli adulti, I cucchiaino per i bambini al di sotto dei 12 anni), sciolto nel latte tiepido, o in una tisana a base di rosa canina, eventualmente dolcificato con un cucchiaino di miele vergine integrale di produzione italiana; e al Fieno greco, sotto forma di semi polverizzati, nella dose di 1 cucchiaino, due volte al giorno, prima dei pasti principali.

Originally posted 2014-10-15 09:07:22.