Articoli

LABBRA SCREPOLATE 180x176 - LABBRA SCREPOLATE

LABBRA SCREPOLATE

È un disagio comune, particolarmente legato agli stress climatici. In spiaggia, in montagna, il freddo intenso, pungente e spesso secco, il vento, la pioggia, le radiazioni ultraviolette del sole… Tutte condizioni che hanno un riflesso immediato sulle labbra, che si disidratano facilmente. Infatti, le labbra costituiscono un territorio cutaneo delicato, perché qui scarseggiano le ghiandole sebacee, cosicché il costante umettamento dei tessuti non viene adeguatamente assicurato. Di conseguenza, le labbra si possono seccare e screpolare. Naturalmente, lo stato d’idratazione delle labbra dipende anche dalle condizioni generali dell’organismo. Le infiammazioni vere e proprie che coinvolgono le labbra si chiamano cheiliti: si manifestano con gonfiore, fissurazioni o anche ulcerazioni lungo il bordo e agli angoli delle labbra, interessando più o meno estesamente la loro superficie. Le cause più frequenti vanno ricercate nell’eccessiva e prolungata esposizione ai raggi solari, alle condizioni climatiche rigide e ventose ma anche all’applicazione di prodotti cosmetici aggressivi e irritanti.

LA CHEILITE SOLARE
Detta anche cheilite attinteci, è l’infiammazione che colpisce soprattutto il labbro inferiore delle persone anziane dopo anni di esposizione alla luce solare. Inizialmente si osserva un lieve arrossamento con gonfiore, poi secchezza e desquamazione; successivamente la lesione diventa palpabile con la comparsa di rilevatezze o placche grigiastre, ragadi e talvolta vescicole ed erosioni.

Le sono trattate con creme emollienti e idratanti in pomata oppure in stick, e con adeguata idratazione della persona (bere molto). L’applicazione di creme e pomate idratanti deve essere regolare e accurata, soprattutto in caso di esposizione al sole, al freddo intenso e al vento, e dopo i bagni in mare. In alcuni casi le sono l’espressione di una malattia della pelle, che deve essere valutata dal medico per la somministrazione di terapie specifiche.

Alcuni rimedi omeopatici possono attenuare o risolvere la tendenza alla secchezza o alle ragadi a livello delle labbra. Abitualmente si consiglia l’uso di uno stick locale a base di Calendula per la sua attività protettiva quando le labbra sono secche, irritate o screpolate, eventualmente associato ad un trattamento per via generale.
Alumina 5 CH 5 granuli, 2 volte al dì. L’ossido di alluminio viene impiegato in omeopatia per la secchezza estrema della pelle, dei capelli e delle mucose. Caratteristica è la sensazione di secchezza generale delle mucose. La pelle è secca, rugosa, screpolata.
Calendula offìcinalis Applicazioni locali con uno stick a base di Calendula offìcinalis, spesso associata a vitamina A, vitamina E e sostanze idratanti. Per uso esterno la calendula manifesta un’azione antinfiammatoria, protettiva e lenitiva. È il consiglio abituale per il trattamento protettivo, idratante e lenitivo delle labbra secche, screpolate, arrossate o irritate dal freddo, dal vento e dal sole. L’applicazione va ripetuta in base alle necessità. Il preparato è adatto sia per i bambini che per gli adulti.
Natrum muriaticum 9 CH 5 granuli una volta al dì. Il sale marino è il rimedio da utilizzare quando le labbra sono secche e tendono a tagliarsi soprattutto quando fa freddo.
Nitricum acidum 9 CH 5 granuli 2 volte al dì. L’acido nitrico viene utilizzato in omeopatia nel trattamento delle ragadi dai contorni netti, facilmente sanguinanti, responsabili di dolori trafittivi a livello dell’angolo delle labbra (cheilite angolare).
Nux moschata 15 CH 5 granuli al risveglio. Il preparato omeopatico ottenuto dal seme di noce moscata, albero appartenente alla famiglia del- le Mynsticacee è particularmente adatto per le forme di secchezza principalmente a livello delle labbra e della bocca, accompagnata da secchezza degli occhi. Viene utilizzata nella secchezza conseguente all’uso di farmaci, in particolare ad attività antidepressiva. Talvolta si associa una sonnolenza anormale e invincibile.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

La Medicina tradizionale cinese non ha una particolare applicazione a riguardo di questo disturbo. È possibile l’uso di creme a livello locale a base di polvere di perle, che possono ammorbidire le labbra e ripristinare un corretta idratazione delle stesse.

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Aumentare l’apporto quotidiano di liquidi, sotto forma di acqua minerale naturale, succhi di frutta, centrifugati di verdura fresche, frullati a base di frutta e/o verdura con latte fermentato, yogurt intero naturale biologico arricchito con probiotici, oppure kefir.
Dare la preferenza ai prodotti biologici, al pesce pescato in mare, al latte (e derivati), alle uova e alle carni provenienti da animali allevati all’a- perto, non sottopoti a terapie ormonali e/o antibiotiche e alimentati con mangimi biologici.
Incrementare il consumo di alimenti ricchi di acidi grassi omega-6 e omega-3, come gli oli di semi spremuti a freddo (soprattutto di noci e di lino) e il pesce, in particolare salmone selvaggio, aringhe, merluzzo, sardine, acciughe, sgombro.
Integrare la dieta abituale con i cibi a elevato contenuto di ferro, come ostriche, fegato suino e bovino, carne, pesce, uova, legumi, cereali (in
Particolare i fiocchi d’avena), indivia, radicchio verde, spinaci, castagne. Prugne e fichi secchi, germe di grano, lievito di birra, cioccolato. alimenti da evitare Eliminare per almeno un mese i cibi a base di anne raffinate, Io zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, la caffeina, gli alcolici, la carne e il pesce di allevamento, per la presenza di residui di pesticidi, fertilizzanti e farmaci, che possono ostacolare l’assorbimento dei micronutrienti.
Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
Beta-carotene aumentare l’apporto quotidiano di nespole, albicocche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci (americane);
Acido folico (o vitamina B9) 200 mcg al giorno;
Vitamina C200 mg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Olio di pesce 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo): 2 opercoli al giorno lontano dai pasti;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Germe di grano 1 -3 cucchiaini a colazione nel latte o nello yogurt;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno;
PABA (acidopara-aminobenzoico) 50 mg al giorno.

Negli adulti (in assenza di patologie tiroidee), può essere utile assumere 20 gocce di alga Spirulina al mattino, a digiuno (circa 15 minuti prima di colazione), ricca di sali minerali (tra cui ferro, fosforo, calcio, manganese, magnesio, zinco, potassio), vitamine, aminoacidi, carotenoidi, acidi grassi essenziali.
Per la presenza di flavonoidi, sali minerali, vitamine, glucidi, saponine e alcaloidi può essere utilizzata YAvena sativa (parte aerea e cariossidi germinati/semi), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, tre volte al giorno, lontano dai pasti.
Per ammorbidire le labbra, prima del riposo notturno, può essere usata una miscela composta da crema alla Calendula ( 1 cucchiaino) e olio essenziale d’Arancio (6 gocce), cercando di massaggiare accuratamente, facilitare l’assorbimento dei principi attivi. Al mattino, dopo la pulizia del viso può essere applicato sulle labbra, l’olio di Camomilla (mettere i fiori di camomilla in un barattolo di vetro a chiusura ermetica, coprirli con olio di mandorle dolci e lasciare riposare per 15-20 giorni, al riparo dalla luce e da fonti di calore; filtrare). Ripetere il trattamento, tre-quattro volte al giorno. Evitare di effettuarlo prima dell’esposizione solare.
Nei casi in cui le labbra si presentano irritate può essere usato l’olio di
Enotera, eventualmente emulsionato con l’olio di lino e di germe di grano, entrambi di prima spremitura a freddo, ricchi di oli essenziali omega-3 e omega-6 e di vitamina E, ad azione antiossidante.
Per prevenire un’eventuale infiammazione delle labbra, può essere utile il Ribes Nigrum, sotto forma di 1 DH Gemme (50 gocce, in un’unica somministrazione la mattina a digiuno, diluite in 20 mi di succo puro di carota, oppure di mirtillo).

Originally posted 2014-10-14 09:55:19.