Articoli

Menopausa DISTURBI DELLA 180x144 - Menopausa, DISTURBI DELLA

Menopausa, DISTURBI DELLA

La segna la cessazione delle mestruazioni, perché si esaurisce la capacità ovulatoria dell’ovaio. Dunque, è la fine del periodo fertile della donna, nel cui organismo si arresta la produzione di estrogeni e progesterone, i due principali ormoni sessuali femminili. Ma si riduce anche la produzione del testosterone, che viene fabbricato anche nelle donne e costituisce l’ormone del desiderio” per eccellenza. I sintomi accusati sono molteplici: vampate di calore, disturbi dell’umore (ansietà, depressione), scomparsa del desiderio, disordini del sonno, tendenza a perdere la concentrazione o la memoria, sudorazioni notturne, artralgie a collo e spalle, mal di testa, secchezza vaginale e ridotta capacità di eccitazione. L’età media della naturale, o spontanea, è 50 anni, oscillando nella maggior parte delle donne tra i 48 e i 52 anni. La carenza di estrogeni e testosterone finisce per intaccare il benessere generale: ne risente il cervello (gli ormoni sessuali femminili alimentano le performance dei neuroni e governano l’equilibrio dei mediatori chimici da cui dipendono il tono dell’umore, il desiderio sessuale, la lucidità mentale) e soffrono l’apparato urogenitale (con conseguenze sulla vescica e l’ecosistema vaginale), il Sistema Cardiocircolatorio e l’apparato osteoarticolare: la perdita di densità ossea aumenta il rischio di osteoporosi, causando fratture e dolori.

DA SAPERE
La menopausa può anche essere precoce, comparire cioè in anticipo, prima dei 40 anni. Quando insorge spontaneamente si parla di POF, Premature Ovarian Foilure (nella cui genesi possono entrare in gioco molteplici fattori, dai deficit congeniti alle malattie autoimmunitarie; ma nella maggior parte dei casi, le cause restano ancora imprecisate). A volte, però, la comparsa di una menopausa precoce è la conseguenza di un trattamento medico: succede, per esempio, quando vengono asportate entrambe le ovaie (“ovariectomia bilaterale”), oppure nel corso di chemio o radioterapia. L’esaurimento ovarico precoce spontaneo ha un’incidenza dell’i % nelle donne sotto i 40 anni. La menopausa “iatrogena”, quella che subentra in seguito alle cure mediche (per patologie benigne e maligne) interessa il 3,4-4,5% delle donne sotto i 40 anni e fino al 15% di quelle tra i 40-45 anni.
Il fumo di sigaretta può anticipare la menopausa di circa due anni. Inoltre tende a peggiorare la frequenza e la gravità delle vampate di calore.

La menopausa è una fase fisiologica della vita: non ha la necessità di una terapia. È possibile, tuttavia, che si verifichino sintomi legati al calo degli estrogeni e alla reazione depressiva che talvolta può manifestarsi.
Stile di vita
L’alimentazione dovrebbe essere ricca di fibre e povera di grassi, con pochissimi grassi animali. L’esercizio aerobico per almeno 20 minuti ogni giorno aiuta a evitare l’eventuale aumento di peso. Sono utili le tecniche di rilassamento.
Terapia ormonale sostitutiva
Ribilanciare gli ormoni aiuta a ridurre la reazione ansioso/depressiva, le vampate di calore, la secchezza vaginale, la secchezza della pelle e il calo del desiderio. La terapia ormonale sostitutiva ha indubbi benefici e, se effettuata sotto controllo ginecologico e senologico, è da raccomandarsi in caso di menopausa sintomatica, cioè quando siano presenti sintomi fastidiosi oppure perdita di calcio dalle ossa (osteopenia, osteoporosi). Il tipo di terapia ormonale sostitutiva va definito sulla base delle esigenze e dei livelli ormonali determinati con l’esame del sangue.
Altri farmaci
La somministrazione di antidepressivi tipo inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) può essere utile per brevi periodi qualora la menopausa sia accompagnata da reazione depressiva: gli antidepressivi possono anche diminuire le vampate di calore. L’applicazione di gel o creme od ovuli vaginali è importante in caso di secchezza vaginale: questi prodotti possono o meno contenere ormoni.

Se la menopausa è unica, varie sono le modalità di viverla. In omeopatia sono previste alcune tipologie diverse che corrispondono a differenti rimedi da prescrivere per prevenire e curare i disturbi della menopausa.
Graphites 9 CH 5 granuli al dì. La grafite è un rimedio omeopatico indicato soprattutto nelle donne obese, freddolose, con tendenza alle difficoltà digestive con flatulenza e stipsi cronica ed alle eruzioni cutanee trasudanti. Caratteristica è la lentezza generale e l’indifferenza.

A volte è presente una tendenza alla depressione e all’iperemotività.
Lachesis 9 CH o 15 CH 5 granuli, una volta al dì. Lachesis è un serpente dell’America tropicale il cui veleno viene utilizzato in omeopatia come rimedio centrale della menopausa. Di prescrizione sistematica nella menopausa chirurgica. Caratteristico è l’aggravamento di tutti i sintomi con la cessazione del flusso mestruale. È il medicinale delle vampate di calore. Il soggetto non sopporta gli abiti stretti e le costrizioni. Loquacità eccessiva. Tendenza alla tristezza, alla malinconia e al-
l’insonnia con sogni angosciosi.
Sepia 9 CH o 15 CH 5 granuli, una volta al dì. Il rimedio omeopatico è ricavato dall’inchiostro escreto dalla seppia. È indicato soprattutto in donne magre e brune con disturbi a livello epatico, genitale e urinario (prolasso, perdite, infezioni, incontinenza). Caratteristica è l’irascibilità, il pessimismo, la tendenza all’isolamento, fino all’indifferenza per tutto e per tutti.
Sulfur 9 CH 5 granuli, una volta al dì. È indicato nei fenomeni caratterizzati da congestione e nelle vampate di calore. Caratteristica è l’intolleranza al caldo con sensazione di bruciore in tutto il corpo, soprattutto ai piedi durante la notte.
Thuya occidentalis 9 o 15 CH 5 granuli, una volta al dì. La tuia è una pianta della famiglia delle Conifere indicata soprattutto in donne con tendenza all’obesità del tronco, freddolose, con tendenza alle formazioni tumorali benigne a livello cutaneo e alle infezioni urinarie e genitali.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

La Medicina tradizionale cinese tratta questo disturbo agendo sulla sintomatologia che accompagna questo stadio dell’organismo e distingue quattro cause principali che sono: eccesso di Yang del Fegato, deficit di Qi di Cuore e Milza,
deficit di Yin del Rene e deficit di Yang del Rene.
Lo scopo della terapia è quindi di disperdere l’eccesso di Yang, tonificare il Qi, lo Yin e lo Yang del Rene oltre a controllare appunto i sintomi associati quali ciclo abbondante, vampate di calore, stato ansioso, insonnia, astenia, meteorismo.
Punti importanti per la terapia in agopuntura possono essere:
BAI HUI;

FENG CHI;
TAI CHONG;
TAI XI;
PI SHU;
SAN YIN IIAO;
WEI SHU;
XIN SHU;
ZHONG WAN;
ZU SAN LI;
LAO GONG;
GUAN YUAN;
QI HAI.
Si consiglia un ciclo di 10 applicazioni da effettuare 2 volte alla settimana da ripetere dopo circa 30 giorni.
cinese
Formula: LIU WEI DI HUANG WAN
Radix Rehmaniae Preparate……………24 g
Fructus Corni Offìcinalis………………12 g
Rizoma Dioscorea…………………..12 g
Rizoma Alismatis……………………10 g
Cortex Moutan Radicis……………….10 g
Sclerotium Poria……………………lOg
Posologia: 2 g al dì sottoforma di capsule o polvere per 30 giorni.

Consigli dietetici
Alimenti consigliati È consigliabile seguire un regime alimentare equilibrato, basato su un maggior apporto di fibre e a bassa percentuale di acidi grassi saturi, privilegiando i prodotti fermentati, come lo yogurt, il kefir e 1 crauti, i semi germogliati (ricchi di enzimi digestivi), il pane preparato con farine integrali macinate a pietra e a lievitazione naturale, i cereali
integrali in chicchi, i legumi, gli ortaggi, la frutta fresca biologica, come mele e pere (consumate con la buccia), albicocche, ananas, banane, prugne, arance e pompelmi (non eliminare la “pellicina bianca”), la carne bianca, il pesce pescato in mare, le uova biologiche (non più di due/tre alla settimana) e piccole quantità di olio extravergine d’oliva spremuto a freddo e di miele vergine integrale (in sostituzione dello zucchero.
Aumentare il consumo di cibi ricchi di triptofano, come il latte, le patate cotte in forno con la buccia, i semi di girasole, le zuppe di pomodoro fresco, i prodotti a base di cereali integrali, la polpa di zucca gialla, le rape e il cavolo.
Assumere quotidianamente 2-3 litri di acqua minerale naturale.
Incrementare gli alimenti ricchi di bioflavonoidi, beta-carotene, vitamina C ed E.
Alimenti da evitare Eliminare i cibi a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, le fritture, i piatti dei fast-food, gli alcolici (escluso il vino rosso prodotto artigianalmente: un bicchiere al giorno per gli uomini, mezzo bicchiere al giorno per le donne), i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi
grassi trans.
Limitare il consumo di caffeina, carni bovine, frattaglie, salumi, formaggi (escluso il Parmigiano reggiano), panna, burro e strutto.
Integrazione alimentare
Complesso B 25 mgal giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
Boro (migliora il metabolismo delle ossa e l’utilizzo del calcio): aumentare Tapporto quotidiano di cereali integrali e di prodotti a base di farine integrali macinate a pietra, legumi, frutta fresca, verdure a foglia larga e noci;
Calcio 800-1000 mg al giorno;
Cromo 230-240 mcg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Selenio 80 mcg al giorno;
Enzimi proteolitici 2 compresse al giorno lontano dai pasti;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Germe di grano 1 -3 cucchiaini al giorno;
Olio dipesce 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg.

FITOTERAPIA

Per combattere le vampate di calore e la fragilità capillare, somministrare l’estratto fluido di Hamamelis virginiana (Amamelide), nella dose di 15-20 gocce per tre volte al giorno, diluite in un bicchiere di acqua minerale naturale a basso apporto di sodio, e a elevato contenuto di calcio e magnesio, lontano dai pasti, privilegiando la mattina a digiuno, il
pomeriggio ( tra le 17.00 c le 18.00) e la sera, circa 30 minuti prima del riposo notturno. Oppure unire 30 gocce di estratto fluido a un litro di infuso di Equiseto e sorseggiare nel corso della giornata. VEquiseto, grazie alla sua azione drenante, facilita l’eliminazione dei liquidi e contribuisce ad alleviare la sensazione di “gonfiore”che spesso affligge le donne in menopausa. Associato d\YAmamelide, aiuta a proteggere la parete dei vasi sanguigni e a prevenire le vene varicose e a tenere sotto controllo le teleangectasie, l’osteoporosi, l’artrosi e la ritenzione idrica.
Per alleviare i disturbi psichici, come la depressione, l’ansia e l’irritabilità, le palpitazioni, i disturbi della concentrazione e della memoria, l’insonnia e l’aumentata sudorazione notturna, può essere utilizzata la Cimicifuga racemosa, sotto forma di estratto secco, nella dose di 20 mg, due volte al giorno, privilegiando la mattina a digiuno e la sera, poco prima del riposo notturno. È consigliabile non superare la dose prescritta, per evitare l’insorgenza di cefalea. Il preparato non deve essere utilizzato nelle pazienti affette da neoplasia mammaria estrogeno-dipendente.
Per alleviare la ritenzione idrica può essere utile consumare un infuso di Achillea, preparato con 30-50 g di foglie e sommità Morite essiccate (oppure 200 g di fresche) e 1000 mi di acqua minerale naturale. Sorseggiare lentamente, e a temperatura ambiente, nel corso della giornata, privilegiando la mattina (bere circa 500 mi di infuso) e riservando 150 mi la sera, circa 30 minuti prima del riposo notturno.
Per alleviare i disturbi psico-vegetativi, come le vampate, l’irritabilità, il deficit di memoria e/o di concentrazione, può essere utilizzato l’Hypericum perforatum, sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, tre volte al giorno lontano dai pasti.

Originally posted 2014-10-13 11:32:45.