Articoli

Sinusite 180x180 - Sinusite

Sinusite

La è un’infiammazione dei seni paranasali, ossia di quelle strutture cave che si trovano attorno alle fosse nasali. Alleggeriscono la scatola cranica, tutelano il cervello da eventuali traumi e depurano l’aria inspirata, producendo muco che imbriglia germi, batteri o polveri irritanti. Se il drenaggio del muco è ostacolato per cause meccaniche o di altra natura, i microrganismi tendono a ristagnare all’interno dei seni generando un’infiammazione della mucosa. Poiché i seni paranasali comunicano con le fosse nasali attraverso minuti orifizi, è sufficiente una lieve riduzione del loro calibro per alterare la ventilazione e il drenaggio. Quest’ostruzione può essere determinata tipicamente dall’infiammazione della mucosa del naso di natura infettiva (virale o batterica) o allergica. Non a caso la rappresenta caratteristicamente la complicanza di una rinite acuta (raffreddore) o cronica (di natura allergica). Anche le alterazioni delle strutture nasali compromettono il normale transito dell’aria e il corretto drenaggio delle secrezioni (per esempio, le varianti anatomiche del setto nasale e dei turbinati, le sporgenze ossee all’interno del naso). L’ostruzione dei fori di passaggio può anche essere determinata dalla presenza di polipi nasali. I sintomi della sono variabili, visto che il processo infiammatorio può essere acuto o cronico. Nella forma acuta predomina il , in genere localizzato in corrispondenza del seno colpito dalla patologia: si avranno pertanto mal di testa che s’irradia al volto,  agli occhi, senso di intontimento, pressione alla faccia, ostruzione nasale con secrezioni giallastre che colano nella gola. La comparsa della febbre con brividi indica che l’infezione si è estesa al di fuori del seno. La cronica mostra invece sintomi più sfumati ma di lunga durata, fondamentalmente caratterizzati da un senso di pesantezza alla fronte o all’occhio e lateralmente al naso.

ANATOMIA
I seni paranasali sono cavità scavate nello spessore delle ossa craniche e del massiccio facciale, e si aprono nelle fosse nasali, Si distinguono in: seni mascellari, presenti nelle ossa mascellari; seni frontali, situati nell’osso frontale; seni etmoidali, in quell’osso chiamato etmoide (in corrispondenza della radice del naso e tra le due orbite) e seno sfenoidale, collocato nell’osso sfenoide, che costituisce la parte preponderante della base del cranio.

Identificare le sostanze che creano allergia
Sostanze presenti nell’ambiente o nell’ possono provocare allergia. Grassi animali e burro possono a volte provocare difficoltà respiratoria lieve e cronica nei soggetti predisposti a sinusite. È opportuno provare a
eliminare il burro dalla dieta per 21 giorni e controllare se si verificano miglioramenti.
Potenziare il
Alimentazione sana e variata e dosi adeguate di zinco e vitamina C aiutano a evitare le infezioni. L’esercizio fisico regolare e la diminuzione dello stress mantengono in buone condizioni il Sistema Immunitario.
Pulizia delle vie aeree superiori
Alcune sostanze inalate come la menta in spray nasale, così come i soffumigi, riducono l’infiammazione e favoriscono l’eliminazione del muco.
Antibiotici
Amoxicillina, eritromicina e sulfamidici sono antibiotici utili nel della sinusite: se non si verificano miglioramenti dopo una settimana è opportuno tentare antibiotici più potenti come augmentin o levofloxacina. La durata della terapia antibiotica dovrebbe essere di almeno 14 giorni; nei casi cronici si prescrivono cicli di 4/8 settimane.
Attenzione!
Una possibile complicanza della sinusite chiamata cellulite periorbitaria richiede l’immediato intervento del medico: l’infezione può a volte coinvolgere il cervello, ed è necessario il ricovero ospedaliero immediato.

Solitamente la prescrizione omeopatica nella terapia della sinusite in fase acuta si avvale di Hepar sulfur e Pyrogenium, somministrati in alternanza. La prevalenza di una sintomatologia dolorosa o delle secrezioni consentirà di personalizzare il trattamento. Nelle forme croniche è consigliabile rivolgersi al medico omeopata di fiducia per stabilire il tratta-mento di fondo. Va ricordato che è consigliabile evitare l’uso di diluizioni omeopatiche elevate nelle prime fasi della sinusite, per non provocare l’arresto delle secrezioni.

Dolore
Belladonna 5CH5 granuli, ogni 4 ore. Sinusite in fase iniziale. Dolore violento, pulsante. Ostruzione nasale.
Lachesis 5CH5 granuli, 3 volte al dì. Ostruzione nasale. Per facilitare la ripresa dell’eliminazione delle secrezioni. Dolore intenso frontale a livello dei seni paranasali e congestione facciale, dopo l’arresto di una rinorrea purulenta.

Suppurazione (secrezione scarsa)
Hydrastis 5 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Ostruzione nasale con secrezioni dense e vischiose, giallastre, irritanti, in un soggetto prostrato e dimagrito.
Kali bichromicum 5CH5 granuli, 3 volte al dì. Secrezioni scarse muco-purulente, vischiose, aderenti. Aggravamento con il freddo umido e miglioramento con il calore. Soggetto in buone condizioni generali.
Mercurius solubilis 5CH5 granuli, 3 volte al dì. Sinusite frontale con scolo muco-purulento verdastro accompagnato da forte irritazione delle mucose.

Suppurazione (secrezione abbondante)
Hepar sulfur 9,12,15,30 CH una monodose al dì, nell’ordine indicato. Il passaggio dalle diluizioni più basse a quelle più elevate evita l’arresto di eliminazione delle secrezioni.
Pyrogenium 7 CH 5 granuli, 1 al dì. Da prescrivere sistematicamente, in associazione ad Hepar sulfur.

Sinusite cronica
Silicea 15 CH 5 granuli, una volta al dì. Sinusite recidivante o cronica.
Diversamente da Hepar sulfur, che è considerato il medicinale omeopatico dei processi suppurativi acuti, Silicea è adatto alle forme di suppurazione recidivante o cronica in condizioni di immunodepressione.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

Secondo la Medicina tradizionale cinese questa patologia infiammatoria può essere provocata da Vento freddo, Vento caldo del Polmone, Calore della Vescica Biliare, Umidità-Calore della Milza, deficit di Qi del Polmone e della Milza.

Lo scopo della terapia è di disperdere gli agenti patogeni esterni, riarmonizzare e riequilibrare le funzionalità degli organi coinvolti nel disturbocioè Polmone, Milza e Vescica Biliare, oltre che a controllare i sintomi associati che possono essere cefalea, rinorrea, anosmia, ostruzioni nasali.
Punti importanti per questo tipo di terapia sono:
FENG CHI;
CHI ZE;
HE GU;
YIN TANG;
YING XIANG;
LIE QUE;
TAI CHONG;
YANG LING QUAN;
GONG SUN;
TAI XI;
TAI YUAN;
SAN YIN JIAO;
ZU SAN LI.
Si consiglia un ciclo di 10 applicazioni da effettuare almeno 2 volte alla settimana.

cinese
Formula: SU ZI JIANG QI TANG
Fructus Perillae……………………….9g
Rizoma Pinelliae………………………9 g
Radix Angeicae Sinensis…………………6 g
Radix Glycyrrhizae Uralensis…………….6g
Radix Peucedani………………………6g
Cortex Magnoliae……………………..6 g
Cortex Cinnamomi……………………3 g
Rizoma Zingiberis Officinalis…………….6 g
Fructus Ziziphi Jujubae…………………3 g
Posologia: Utilizzare come decotto. Assumere 500 mi in piccole dosi 20 giorni.

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Aumentare il consumo quotidiano dei cibi ricchi di vitamina C, come agrumi, kiwi, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavoli, crescione, fragole, rosa canina (il frutto), mango, papaia, patate, pepe verde, pomodori, ribes nero, spinaci.
Dare la preferenza ai prodotti biologici, al pesce pescato in mare, alle uova, latticini e carni provenienti da animali allevati all’aperto, non sottopoti a terapie ormonali e/o antibiotiche e alimentati con mangimi biologici.
Nella fase acuta aumentare l’apporto di latte di soia, di riso e/o d’avena, dei dessert di riso e/o di soia, dello yogurt di soia e del tofu in sostituzione del latte e dei latticini.
Alimenti da evitare Eliminare per almeno due mesi lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, la caffeina, gli alcolici, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans, la carne e il pesce di allevamento, per la presenza di residui di pesticidi, fertilizzanti e che possono compromettere le funzioni immunitarie, rallentando così il processo di guarigione.

Nella fase acuta, evitare il consumo di latte intero, formaggi stagionati, burro, mascarpone, panna e gelati alle creme, che potrebbero aumentare la produzione di muco, aggravando così i sintomi.
Integrazione alimentare
Calcio (durante la fase acuta, in cui viene limitato il consumo di latticini) Bambini da 1 a 6 anni: 800 mg al giorno. Bambini da 7 a 10 anni: 1 g al giorno. Adulti (30-60 anni): 800 mg al giorno. Anziani: 1000 mg al giorno. Donne in menopausa (in assenza di terapia ormonale sostitutiva): 1200-1500 mg al giorno;
Complesso B 25 mg al giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Rame 2 mg al giorno;
Selenio 80 mcg al giorno;
Zinco 20-25 mg al giorno;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo): 2 opercoli al giorno lontano dai pasti.

FITOTERAPIA

Grazie alla presenza di composti ad azione “antibiotico-simile” l’Echinacea angustifolia (Echinacea), sotto forma di TM, nella dose di 20 gocce due volte al giorno, dopo i pasti (dimezzare la dose nei ragazzi al di sotto dei 12 anni d’età), può essere usata alla comparsa dei primi sintomi. È consigliabile effettuare il trattamento fino al miglioramento del quadro clinico. È controindicata nei pazienti affetti da asma, leucemia, patologie autoimmuni, HIV, diabete mellito e in gravidanza.
Nei casi di infezione virale, può essere somministrato l’estratto secco di Andrographis panicolata nella dose di 6 g al giorno (dimezzare la dose nei bambini al di sotto dei 14 anni) in un’unica somministrazione la mattina a digiuno, circa 30 minuti prima di colazione. Si consiglia di proseguire la terapia fino alla scomparsa dei sintomi. È controindicata in gravidanza. È importante tenere presente che non si devono superare le dosi consigliate, per evitare lo sviluppo di disturbi gastrici, come nausea e vomito.
Se in anamnesi sono presenti allergie respiratorie, può essere utilizzato il Ribes Nigrum 1 DH Gemme, nella dose di 50 gocce, in un’unica somministrazione, la mattina a digiuno, circa 20 minuti prima di colazione. II trattamento deve essere proseguito fino alla completa scomparsa dei sintomi (dimezzare la dose negli individui al di sotto dei 12 anni d’età).
Per potenziarne l’azione può essere associato a un infuso preparato con petali (30%) e frutti (70%) di Rosa canina e 200 mi di acqua minerale naturale.
Per le sue proprietà balsamiche e per facilitare l’espulsione del muco a livello dei seni paranasali interessati può essere utilizzato l’estratto fluido di Pinus sylvestris (Pino silvestre), nella dose di 20 gocce, due volte al giorno, lontano dai pasti. Nei bambini al di sotto dei 6 anni d’età è consigliabile usare il preparato per aerosol, nella dose di 20 gocce, privilegiando la mattina e la sera, poco prima del riposo notturno.

Originally posted 2014-10-09 14:37:49.

VERRUCHE 180x180 - VERRUCHE

VERRUCHE

Le sono lesioni cutanee di natura virale dovute al papillomavirus (HPV, Human papillomavirus). Questi agenti virali hanno una spiccata predilezione per i distretti cutanei e mucosi, che vengono stimolati a proliferare. Si riconoscono un centinaio di diversi tipi di HPV, ciascuno con una particolare preferenza per una determinata area anatomica. L’incidenza di queste
manifestazioni è massima nei bambini in età scolare e nei giovani adulti: le verruche in questione (dette volgari: costituiscono la forma più frequente) si localizzano sulla superficie dorsale delle mani e delle dita (più raramente sui palmi): si presentano come escrescenze rosee, dalle dimensioni variabili, caratterizzate da un aumentato spessore dell’epidermide. Le verruche possono essere anche plantari: quelle semplici sono lesioni tondeggianti, dai margini netti, dalla superficie indurita (ed eventualmente picchiettata di puntini nerastri: altro non sono che capillari occlusi da trombosi). Le verruche plantari a mosaico sono, invece, lesioni superficiali di piccole dimensioni, che tendono a confluire in una placca dura; di solito non risultano dolenti. Esistono poi verruche piane, che si presentano come lesioni appena rilevate, lisce di colore roseo-giallastro e di preferenza localizzate al volto, al dorso delle mani e alle ginocchia, con una disposizione lineare. Si ricordano, infine, le verruche filiformi,
frequenti nei maschi, più comunemente localizzate nella zona della barba.

I CONDILOMI ACUMINATI
Sono l’espressione dell’infezione da papillomavirus nella regione genitale e costituiscono una frequente patologia a trasmissione sessuale. Si presentano come rilevatezze molli, biancastre, spesso multiple, che talora possono confluire in placche anche di grandi dimensioni. Nel maschio interessano in particolare il pene, e nella donna il vestibolo della vagina.

Cerotti
Esistono cerotti specifici per il delle verruche non dolorose: l’uso di questi cerotti e della pietra pomice permettono di rimuovere le verruche (ripetere il  finché la verruca non è stata tolta tutta).
Trattamenti topici
Per diverse settimane è utile applicare tretinoina in crema prima di andare a dormire. Si può anche usare una soluzione al 17% di acido salicilico, applicando poi un bendaggio. La crema di fluorouracile applicata ogni giorno per tre settimane può dare ottimi risultati, anche se la pelle può scurirsi con questo trattamento. Se nessuno di questi procedimenti da un
risultato, si può usare idrogeno liquido, oppure l’elettrocauterizzazione.
L’iniezione di bleomicina dentro la verruca è una terapia ulteriore da tentare in caso di fallimento degli altri approcci.
Chirurgia o laser
Se la verruca è molto grande e non risponde alle precedenti terapie è utile rivolgersi al medico per l’asportazione chirurgica che si esegue con diverse tecniche. L’approccio chirurgico richiede un po’ più di tempo per la guarigione.

Nell’approccio omeopatico delle verruche si distingue un trattamento con rimedi sintomatici (Antimonium crudum, Dulcamara, Nitricum acidum) associato a un trattamento di fondo (Calcarea carbonica, Thuya). Solitamente si utilizza Thuya occidentalis un tubo dose alla settimana in associazione con un rimedio sintomatico da assumere tutti i giorni, per almeno due mesi consecutivi.
Trattamento sintomatico
Antimonium crudum 7 CH 5 granuli, 2 volte al dì. Verruche cornee, dure, ipercheratosiche al dorso delle mani o alla pianta dei piedi. Talvolta le verruche sono numerose o recidivanti, soprattutto in soggetti forti mangiatori.
Berberis vulgaris 9 CH 5 granuli, 2 volte al dì. Verruche piane a livello delle mani, in particolare della punta delle dita.

Come rimedio principale: applicare un cataplasma a base di aglio finemente tritato, oppure frizionare la zona interessata con succo di aglio fresco. Per accelerare il processo di guarigione è consigliabile assumere l’estratto fluido di Medicago sativa (Alfalfa), nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua, due volte al giorno, privilegiando la via sublinguale.
Nei casi in cui il lamenta , nella zona interessata,può essere utile assumere VArtiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens) sotto forma di compresse gastroresistenti, nella dose di 1 cps (1,5 g), tre volte al giorno, dopo i pasti.
Per aiutare ad alleviare i sintomi può essere utilizzato l’estratto fluido di Agrimonia eupatoria, nella dose di 30 gocce, tre volte al giorno, diluite in 100 ml di acqua minerale naturale, oppure in spremuta di pompelmo rosa, circa 30 minuti prima dei pasti principali.
Per stimolare le difese immunitarie è consigliabile assumere il Geranium sanguineum (o Sanguinaria), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, due volte al giorno, lontano dai pasti.
Grazie alla presenza dei flavonoidi, ad azione antiossidante, può essere somministrata la Drosera, sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20-30 gocce, due/tre volte al giorno, lontano dai pasti.
Per aiutare a tenere sotto controllo il disturbo può essere associata, ai preparati fitoterapia, logoterapia, sotto forma di un composto a base di Rame-Oro-Argento, 1 monodose due volte la settimana (per esempio il lunedì e il giovedì).

 

Originally posted 2014-10-09 11:10:43.

Impotenza 180x180 - Impotenza

Impotenza

Le cause all’origine di un deficit dell’erezione possono essere fisiche e psichiche. E spesso entrambi questi elementi concorrono a causare il disagio. I fattori più frequentemente coinvolti sono di natura cardiovascolare.
Il deficit d’erezione può costituire infatti la spia di un’ipertensione che non ha manifestato ancora chiari segni di sé. S’è visto, a tal proposito, che la difficoltà a mantenere uno stato erettivo valido può addirittura anticipare di circa tre anni un infarto del miocardio o un attacco d’angina. Anche l’eccesso di colesterolo è un nemico dell’erezione. Pure il diabete può compromettere l’erezione e con diverse modalità: danneggiando la circolazione (“microangiopatia diabetica”), per il danno che la glicemia elevata -o mal controllata- provoca sulla parete dei vasi sanguigni, e ledendo le terminazioni nervose (“neuropatia diabetica”). Inoltre il diabete mal gestito, specie quello di tipo 2, si associa a sovrappeso, il che comporta a sua volta una serie di alterazioni ormonali nei livelli di testosterone, l’ormone maschile. Un più basso livello di questo ormone riduce il desiderio e rende più problematica l’erezione. Determinano la difficoltà parziale o totale a conservare l’erezione fino al completamento dell’attività sessuale anche fattori quali l’ansia, lo stress cronico o la depressione: quasi il 60% degli uomini con un problema erettivo manifesta anche una parallela depressione, che spiega l’irritabilità, il nervosismo, l’aggressività e la tendenza a mangiare (e a volte a bere) di più, quasi per compenso.


Il della disfunzione erettile dipende dalle cause.


I farmaci di uso più comune sono sildenafil, vardenafil e tutti aiutano a ottenere e mantenere l’erezione aumentando i livelli tissutali di ossido nitrico, un vasodilatatore chimico. Questi farmaci non devono essere assunti da persone che siano in terapia con nitrati per problemi di angina, visto il rischio di crolli pressori anche fatali. Va sempre assunta la dose più bassa di farmaco, soprattutto all’inizio, perché esiste il rischio di gravi effetti collaterali cardiaci in persone
già predisposte. L’iniezione intracavernosa di alprostadil è un altro possibile trattamento dell’: anche questo rimedio ha potenziali effetti cardiaci e andrebbe usato sotto controllo medico.

Stile di vita
Smettere di fumare, limitare il consumo di alcol, fare esercizio fisico regolare, riposare adeguatamente e ridurre il livello di stress aiutano a mantenere una migliore funzione erettile. Esistono esercizi che migliorano l’erezione: riguardano il pavimento pelvico e sono chiamati esercizi di Kegel, rinforzano gli stessi muscoli che si usano per interrompere la minzione. Assumere L-arginina, un aminoacido che aumenta la dilatazione dei vasi sanguigni, può essere utile nel trattamento della disfunzione erettile.

Rimedi meccanici
Uno strumento che si basa su una pompa per il vuoto è utile per mantenere l’erezione e ha qualche efficacia. Se tutti i rimedi già esposti non funzionano, la chirurgia può inserire una protesi peniena.


Agnus castus 15 CH 3 granuli al dì, nell’impotenza o nella frigidità. Ridurre la somministrazione in base al miglioramento ottenuto. L’estinzione del desiderio sessuale, l’impotenza completa e la frigidità. L’uomo è privo di stimoli sessuali, è triste, malinconico, indifferente, precocemente invecchiato. Riduzione del desiderio sessuale.
Caladium seguinum 15 CH 5 granuli una volta al dì. Diradare la somministrazione jn ^ase a| miglioramento. La mancanza di erezione onostante il desiderio. È indicato per soggetti inclini all’eccitazione sessuale e a pensieri lascivi, con eiaculazione senza erezione o coito seneiaculazione. Spesso sono concomitanti disturbi neurovegetativi, difficoltà di memoria e di concentrazione.
Graphites 9 CH 1-3 volte al dì. L’avversione per il rapporto sessuale.
Impotenza sessuale e frigidità in soggetti obesi con avversione completa per i rapporti sessuali. Solitamente si tratta di soggetti freddolosi, depressi, apatici, timorosi, indecisi, emotivi. Tendono alle manifestazioni cutanee e alla stipsi.
Lycopodium 30 CH una monodose alla settimana. L’impotenza precoce con desiderio conservato. Lycopodium è indicato, in particolare, in persone dall’aspetto precocemente invecchiato, di intelligenza vivace ma con scarsa fiducia in se stesse, suscettibili, autoritarie, talvolta colleriche. Dal punto di vista sessuale possono essere giovani adulti con riduzione dell’attività sessuale abituale, conseguente ad abusi sessuali o anziani con problemi di impotenza malgrado desiderio intenso con erezione.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Secondo la Medicina tradizionale cinese questo disturbo della libido può avere due componenti che lo caratterizzano e cioè un’alterazione funzionale che si manifesta nel deficit erettivo, legata soprattutto alla sfera psicologica e un’impotenza strumentale dovuta necessariamente ad anomalie anatomiche e a un ridotto apporto sanguigno dovuto a un ipofunzionalità del Sistema Circolatorio.
Le cause di tali alterazioni possono dipendere da un deficit di Yang di
Rene, un deficit di Qi di Cuore e Milza, dalle 7 Emozioni. Bisogna quindi tonificare lo Yang del Rene utilizzando la combinazione di punti:
GUAN YUAN (barriera dell’essenza vitale, localizzato 3 cun sotto l’ombelico) che tonifica il Qi renale, regola il Qi e favorisce la discesa dello Qi renale, regola il Qi e favorisce la discesa dello Yang;
MING MEN (porta della vita, localizzato sotto il processo spinoso di L2) che nutre il Sangue, tonifica i Reni, tonifica il Fegato, espelle il Vento e stimola la discesa del Qi;
SAN YIN JIAO (riunione dei tre Yin, localizzato 3 cun sopra l’apice del malleolo interno, dietro il bordo posteriore della tibia) che tonifica i Reni;
SHEN SHU (punto Shu del dorso del Rene, localizzato 1,5 cun a lato deirapofisi spinosa della II vertebra lombare) che regola e tonifica il Rene;
TAI XI (ruscello maggiore, localizzato fra l’apice del malleolo interno e il tendine di Achille, nel punto in cui si sente pulsare l’arteria tibiale posteriore) che tonifica e regola il Qi renale ed epatico e purifica il Calore.
Nell’impotenza da deficit del Qi di Cuore e Milza, lo stesso deve essere tonificato in modo da riequilibrare la circolazione:
MINGMEN;
PI SHU (punto Shu del dorso della Milza, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa dell’XI vertebra toracica) che mobilizza il Qi della Milza, regola e favorisce le funzioni di assimilazione, dissolve l’Umidità e regola il Sangue;
SHEN MEN (porta della coscienza, localizzato sulla piega traversa del polso), che tonifica e regola il Qi cardiale, purifica il Calore, favorisce la discesa dello Yang e rimuove le ostruzioni dal meridiano.
Per l’impotenza dovuta alle 7 Emozioni occorre la tonificazione del Qi del Rene, l’armonizzazione delle energie del Cuore e del Fegato e il rasserenamento dello Shen. I punti combinabili sono:
GAN SHU (punto Shu del dorso del Fegato, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa della IX vertebra toracica) che tonifica il Fegato e la Vescicola Biliare, purifica e dissolve PUmidità-Calore, regola il Qi ed elimina le stasi del Qi;
SHENMEN;
TAI CHONG (grande assalto, localizzato sul dorso del piede, nella depressione distale all’articolazione fra il I ed il II metatarso) che tonifica e regola il Fegato e la Vescicola Biliare, regola e raffredda il Sangue;
TAI XI;
XIN SHU (punto Shu del dorso del Cuore, localizzato 1,5 a lato dell’apofisi spinosa della V vertebra toracica) che regola il Cuore, calma lo Shen, regola il Sangue e il Qi.
Sono associabili punti del Sistema auricolare di Fegato, Apparato genitale, Sistema endocrino, Reni, Sottocorticale, Testicoli, Vescica biliare e
SHENMEN.
Un ciclo terapeutico di 10 applicazioni dovrebbe essere sufficiente per riequilibrare il quadro energetico.
Sono associabili punti del Sistema Auricolare di Fegato, apparato genitale, Sistema endocrino, Reni, Sottocorticale Testicole, Vescica Biliare, SHEN MEN.
La terapia prevede un ciclo di 10 apnlicarinni da effettuari con frequenza bisettimanale.

cinese
formula: Yl GUAN ]IAN
Radix Rehmaniae………………….30g
Fructus Lycii………… ………..12g
Radix Glehniae … ………………12g
Radix Ophiopogonis……………….10g
Radix Angelicae Sinensis………….10g
Fructus Meline Toosendan…………..5g
Posologia: 3 g al dì sotto forma di capsule o polvere per 30 giorni.


Consigli dietetici

Alimenti consigliati Integrare la dieta abituale con alimenti ricchi di rame, selenio e zinco, come fegato, molluschi, avocado, uva essiccata, noci, arachidi, nocciole, germe di grano, cacao, miele, funghi, cereali integrali (in particolare la pasta), ortaggi a foglia verde, tonno, salmone, acciughe, carne, latticini “magri”, tuorlo d’uovo, lievito di birra, cavolo, broccoli, cipolle, cetrioli, sedano, tacchino, legumi, semi di sesamo e di girasole, lecitina di soia, sciroppo d’acero e zucchero di canna grezzo.
Privilegiare i cibi a elevato apporto di antiossidanti, come le patate americane, le albicocche, il melone, i frutti di bosco, le bacche della rosa canina, il succo di carota, gli agrumi, l’uva, le ciliegie, i limoni, le albicocche, il grano saraceno in chicchi, in fiocchi e in farina, gli spinaci, le crocifere.
Alimenti da evitare Evitare i prodotti a base di farine raffinate, il cioccolato, le bevande alcoliche, le carni provenienti da animali da allevamento e alimentati con mangimi industriali, i prodotti contenenti acidi grassi trans, gli alimenti addizionati con additivi, il caffè e il tè nero.

Integrazione alimentare
Vitamina B3 15-20 mg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Triptofano (si trasforma in serotonina) 260 mg al giorno;
Vitamina C (necessaria per la trasformazione del triptofano in serotonina) 200 mg al giorno;
Calcio 800-1000 mg in un’unica somministrazione al mattino prima di colazione;
Aumentare l’apporto di latte e latticini biologici, di pesci con la lisca (acciughe, sardine), di tofu, di verdure fresche e di stagione e di legumi;
Rame 2 mg al giorno;
Zinco 20-25 mg al giorno in un’unica somministrazione al mattino prima di colazione (lontano dalla vitamina C che ne ostacola l’assorbimento);
Colina 400 mg al giorno;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Germe di grano 1-3 cucchiaini al giorno;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno;
Olio di pesce (con almeno il 60% di EPA e DHA nel rapporto 40 a 20) 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali.

FITOTERAPIA
Per le sue proprietà “afrodisiache” può essere utilizzata la Noce di cola {Cola nitida), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua minerale naturale, tre volte al giorno lontano dai pasti.
Nei pazienti affetti da sindrome depressivo-ansiosa, può essere associato alla Scutellaria {Scutellaria baicalensis), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua minerale naturale, due volte al giorno lontano dai pasti.
Il Fucus vesiculosus (o Alga bruna, o Quercia marina), sotto forma di estratto fluido nella dose di 10-20 gocce diluite in poca acqua minerale naturale, due volte al giorno, lontano dai pasti, privilegiando la mattina a digiuno (appena svegli e alle ore 11.00), può aiutare a potenziare le
funzioni metaboliche, grazie alla presenza di iodio organico, come componente di aminoacidi iodurati e di iodio inorganico, di sali minerali e oligoelementi (come bromo, magnesio, sodio, potassio, silicio) e di vitamine (come A, Bl, B2, C, D). È controindicato nell’ipertiroidismo e negli adolescenti al di sotto dei 18 anni.
Nei pazienti ansiosi, o sottoposti a stress psico-fisici prolungati, può essere utilizzata YEscholtzia californica (parte aerea fiorita), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce due volte al giorno, lontano dai pasti» privilegiando le ore 18.00 e la sera, circa un’ora prima del riposo notturno.
Nei casi in cui il si presenta particolarmente agitato e irritabile può essere utilizzato l’olio essenziale d’Arancio, nella dose di 6 gocce emulsionate con un cucchiaino di olio di noce spremuto a freddo. Ingerire e tenere per qualche secondo sotto la lingua, quindi deglutire e assumere subito dopo 50 mi di latte di mandorle dolcificato con un cucchiaino di miele vergine integrale di lavanda.

Originally posted 2014-10-15 10:17:44.

Crosta lattea 180x180 - Crosta lattea

Crosta lattea

Si chiama così una dermatiteseborroico, disturbo assai comune nei lattanti. È dovuto a una esuberante secrezione di sebo, la sostanza oleosa emessa da specifiche ghiandole della pelle. A dispetto di quell’aggettivo, “lattea”, il disagio non è collegato all’allattamento materno o artificiale: l’etichetta sottolinea semplicemente il fatto che il bambino è ancora nutrito unicamente con il latte. Può manifestarsi fin dalle prime settimane di vita, e di norma guarisce alla fine del terzo mese. È un’eruzione caratterizzata dalla presenza di squame, giallastre e untuose, che prediligono in particolare il cuoio capelluto, ma può interessare anche le sopracciglia, le guance, le aree cutanee attorno al naso e quelle situate dietro i padiglioni auricolari. Un’altra sede, nel lattante, è pure la regione inguino-anale (in ciò contribuisce evidentemente l’irritazione da urine e feci alla quale può andare incontro il neonato nei suoi primi mesi). In genere, il disturbo si limita a poche lesioni
squamose sul cuoio capelluto; talora le croste abbracciano più sedi e possono coesistere arrossamenti ed essudazioni. Sebbene le squame della siano saldamente attaccate alla cute, esse non provocano alcun particolare fastidio al bambino (né prurito né irritabilità). Dunque, benché sia grande fonte di ansia per i genitori, è soltanto un’alterazione del profilo estetico del bimbo, assolutamente innocua. La non dipende dalle condizioni igieniche del lattante e non si tratta neppure di una malattia infettiva. Scompare senza lasciare traccia e senza minimamente interferire con la crescita dei capelli.


Il termine medico per la crosta lattea è dermatite seborroica: la causa precisa è ignota. È spesso presente il pityriosporum ovale> un lievito che cresce sulla pelle. La crosta lattea può avere una maggiore incidenza in alcune famiglie, ed è favorita dai climi freddi e secchi. Talvolta la presenza di crosta lattea è legata a deficit di zinco, di vitamina B, o a malattie che diminuiscono il numero delle cellule deputate a combattere le infezioni.

Shampoo
Di solito la guarigione avviene spontaneamente in un tempo da uno a otto mesi: viene facilitata con alcuni accorgimenti utili a eliminare le squame presenti e prevenire la formazione di nuove. Lavare la testa ogni due giorni con sostanze oleose per non irritare la cute già delicata. Sul cuoio capelluto passare del cotone imbevuto di olio di oliva o mandorle dolci o vaselina, oppure di emollienti specifici per la crosta lattea in vendita in farmacia che fluidificano il sebo e, ammorbidendo le croste, ne facilitano il distacco. A causa della localizzazione sullo scalpo e la persistenza dell’apertura della fontanella cranica, queste operazioni vanno eseguite con cautela, evitando pressioni indebite e soprattutto l’uso delle unghie per sollevare le croste ancora dure. Per rimuovere le croste è consigliabile, una volta applicato l’olio, passare delicatamente un pettinino a denti fitti tamponando poi con un panno. Infine tamponare con olio di borragine, utile per riequilibrare la produzione da parte delle ghiandole sebacee.

Shampoo medicato o crema
Se la situazione non si risolve si può scegliere uno shampoo (o una crema) con ketoconazolo. Prestare attenzione alla crema, che contiene solfiti e può provocare reazioni allergiche anche gravi. Evitare il contatto con gli occhi. In casi molto gravi può essere consigliato anche il ricorso a pomate o creme cortisoniche che devono essere, però, prescritte dal pediatra.


Per questa forma di eczema seborroico comune nel lattante, che interessa il cuoio capelluto, la zona intorno al naso e la regione frontale, l’omeopatia propone un approccio efficace e rapido, basato sulla somministrazione di rimedi costituzionali ad azione profonda.
Calcarea carbonica ostrearum (calcare d’ostrica) Carbonato di calcio e sali, ottenuti dallo strato medio del guscio d’ostrica. È il rimedio guida della costituzione carbonica caratterizzata da freddolosità, pallone lentezza, linfatismo, tendenza al sovrappeso (turbe della crescita: ritardo di dentizione, linguaggio, deambulazione; tendenza al linfatismo con ipertrofia di tonsille e adenoidi; manifestazioni catarrali recidivanti delle prime vie aeree; dermopatie: eritema gluteo, eczema di cuoio capelluto e viso).
Graphites 15 CH 5 granuli, inizialmente una volta al dì e successivamente a giorni alterni o una volta alla settimana: La polvere nera di grafite è uno dei rimedi omeopatici fondamentali per la cura di molte affezioni cutanee. Caratteristica è l’eruzione vescicolosa delle lesioni da cui trasuda un liquido giallo, appiccicoso, denso, filante, simile a miele. La localizzazione tipica delle lesioni è a livello del cuoio capelluto, delle palpebre, dietro i padiglioni auricolari. Graphites è adatto soprattutto a soggetti pallidi, lenti, freddolosi con tendenza al sovrappeso.
Lycopodium clavatum 9 CH 5 granuli una volta al dì, per due settimane consecutive. Il licopodio è uno dei rimedi omeopatici più importanti di tutta la farmacopea, utilizzato per la sua azione specifica a livello di pelle, fegato e metabolismo. Nel della crosta lattea viene spesso associato all’utilizzo di Calcarea carbonica ostrearum o Graphites.
Mezereum 9 CH 5 granuli una volta al dì. Il fiore di stecco è uno dei medicinali specifici dell’impetigine con prurito che muta sede con il grattamento, aggrava di notte con il calore del letto. Le eruzioni cutanee sono vescicolose, brucianti, intensamente pruriginose, contenenti liquido purulento, ricoperte da croste biancastre, spesse.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Non c’è una vera e propria cura secondo la Medicina tradizionale cinese, in quanto si ritiene questo fenomeno come una fase di passaggio e di crescita del bambino, che entro il primo anno di età va a risolversi naturalmente.
Si Possono comunque effettuare degli interventi locali, sia con agopuntura che con fitopreparati, soprattutto attraverso lavaggi con preparati a base di olio.


Consigli dietetici

( consigliata per la madre durante l’alattamento)
Alimenti consigliati Aumentare l’apporto quotidiano di liquidi sotto forma di acqua minerale naturale, succhi di frutta, tè verde giapponese.
Dare la preferenza agli alimenti ricchi di bioflavonoidi (limoni, uva, prugne, pompelmo, albicocche, ciliegie, more, bacche della rosa canina e grano saraceno), di beta-carotene (aumentare l’apporto quotidiano di nespole, albicocche fresche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci americane), di vitamina C (agrumi e kiwi) ed E (semi oleosi, cereali, frutta fresca e secca e ortaggi), che aiutano ad alleviare i sintomi dell’infiammazione, potenziando il .
Dare la preferenza agli alimenti a elevato apporto di acidi grassi omega-3, come Polio di lino e il pesce, in particolare salmone selvaggio, aringhe, merluzzo, sardine, acciughe, sgombro.
Privilegiare il kefir, lo yogurt naturale magro e il latte fermentato addizionati con batteri probiotici.
Integrare l’alimentazione con fiocchi e farina d’avena, borragine, ortica, trifoglio, maggiorana, germogli di alfa-alfa, prezzemolo, sedano, radice di zenzero fresca grattugiata, curcuma in polvere, cedro, limone, ananas fresco per le loro proprietà antinfiammatorie e mineralizzanti.
È consigliabile utilizzare preferibilmente alimenti biologici.
Per dolcificare usare piccole quantità di miele di acacia vergine integrale di produzione italiana.

Alimenti da evitare
I cibi a elevato apporto di acidi grassi saturi. I prodotti addizionati con additivi alimentari e/o contenenti grassi trans. Lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che ne sono ricchi.

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno;
Vitamina B3 15-20 mg al giorno;
Vitamina B6 1,5-2 mg al giorno;
Vitamina B5 10 mg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Manganese 5 mg al giorno;
PABA (acido para-aminobenzoico) 50 mg al giorno;
licopcne 22 mg al giorno (250 mi di salsa di pomodoro in scatolane continene37mg);
Enzimi proteolitici 2 compresse al giorno;
fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo): 2 opercoli al giorno lontano dai pasti;
Lecitina di soia (pura al 100%): 1-3 cucchiaini al giorno;
Germedigrano 1-3 cucchiaini al giorno;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno;
Selenio 80 mcg al giorno la sera prima del riposo notturno;
Zinco 20-25 mg al giorno.


È caratterizzata da un eczema/squamoso a livello del cuoio capelluto, con cute arrossata e presenza di un’aumentata secrezione sebacea.
Come trattamento locale può essere utilizzato Volto di Camomilla (mettere i fiori di camomilla in un barattolo di vetro a chiusura ermetica, coprirli con olio di mandorle dolci e lasciare riposare per 15-20 giorni, al riparo dalla luce e da fonti di calore. Filtrare) per massaggiare la zona interessata tre-quattro volte al giorno.
Per ridurre l’infiammazione cutanea (l’arrossamento) possono essere usati, in forma topica, l’olio di Enotera (massaggiare delicatamente con la punta delle dita, effettuando movimenti in senso orario per almeno 10 minuti, tre-quattro volte al giorno) e il latte di mandorle, emulsionato con l’olio di lino e di germe di grano, entrambi di prima spremitura a freddo (a 30 mi di latte di mandorle, unire 10 mi di olio di lino e 5 mi di olio di germe di grano).
Nei casi in cui è presente una componente allergica (alimentare o da contatto), può essere utile massaggiare la zona interessata con un composto a base di unguento di Ippocastano, miscelato con olio di mandorle dolci, atte d’avena e Ribes Nigrum (in una ciotola mescolare 25 g di unguento con mezzo cucchiaino di olio di mandorle, 1 cucchiaino di latte d’avena e 5 gocce di Tintura Madre di Ribes Nigrum).
Se l’eczema si estende all’attaccatura dei capelli, interessando anche la zona sopraciliare, può essere usato per via topica un olio alla Calendula preparato con 30 g di fiori secchi di calendula, 30 g di fiori secchi di camomilla, 300 mi di olio di mandorle dolci, 25 mi di olio di enotera (meu
tere i fiori in un barattolo di vetro a chiusura ermetica, aggiungere l’olio di mandorle e di enotera e lasciare riposare per circa un mese al riparo dalla luce e da fonti di calore. Filtrare). Massaggiare delicatamente la zona interessata tre-quattro volte al giorno, in particolare la sera prima del riposo notturno.

Originally posted 2014-10-10 14:08:05.

Coliche intestinali 180x180 - Coliche intestinali

Coliche intestinali

Una vasta schiera di stimoli può scatenare un addominale: le modificazioni metaboliche di un tessuto, la distensione della parete dei visceri cavi, la contrazione spastica della muscolatura viscerale, la compressione delle strutture nervose… Il che compare al bordo costale destro è dovuto di solito a una calcolosi biliare. È la “colica epatica”: una morsa che “stringe e molla ripetutamente”, e, come una cintura, raggiunge la zona dorsale sotto la scapola destra, il a sbarra trasversale, infittivo con frequente irradiazione alla zona sottocostale sinistra e alla schie-
na, fa ipotizzare una pancreatite: spesso il assume una posizione seduta, col tronco flesso in avanti e le ginocchia rialzate. La gastroenterite acuta e i disturbi del colon sono frequente causa di dolori crampiformi, anche violenti, nel mesogastrio (la parte dell’addome che corrisponde alla regione ombelicale). La diverticolite acuta è la tipica causa di dolore al fianco sinistro, ma una sintomatologia dolorosa in questa sede è spesso da collegare alla presenza di un colon irritabile (popolarmente indicato col termine “colite spastica”), alla base del quale vi sono frequenti e disarmonici spasmi della muscolatura del colon associati a un movimento intestinale alterato. Un dolore addominale diffuso, in una persona in condizioni generali buone, suggerisce in genere un’infezione intestinale acuta o una sindrome del colon irritabile. L’appendicite acuta resta la prima ipotesi di un dolore localizzato in corrispondenza del fianco destro.


Le coliche possono essere fenomeni leggeri e temporanei e conseguire a errori alimentari. Un’accurata
anamnesi permette di capire se la causa delle coliche sia stata di tipo alimentare o se sia da sospettarsi un’infezione oppure una patologia intestinale complessa: per questo è opportuno consultare un medico.è opportuno consultare un medico.
Dieta
Aggiungere al cibo due cucchiai da tavola di psillio ogni giorno (può essere aggiunto all’insalata oppure ai cereali). Consumare cibi ricchi di fibre e bere molta acqua: questa abitudine alimentare e molto utile nel lungo periodo per ridurre il rischio di nuove coliche. £ bene evitare zuccheri, glutine, burro e derivati, ma soprattutto e importante capire quale cibo sia stato irritante. Il tè nero allevia i periodi di diarrea e il bifido probiotico mantiene la flora batterica intestinale.

Ridurre lo stress
È opportuno osservare il riposo. Le coliche vengono peggiorate dallo stress, quindi la riduzione degli eventi stressanti (o della reazione a tali eventi) è fondamentale.


Per trattare la diarrea si usa il loperamide; se la diarrea è particolarmente intensa la prescrizione di solito è Alosetron (usato con cautela). In caso di infezione intestinale il medico prescrive l’antibiotico più adatto. In caso di dolore intenso usare antispastici.


Il omeopatico della crisi dolorosa della colica intestinale deve essere messo in atto esclusivamente in attesa di una valutazione medica e comunque soltanto quando è nota l’origine della sintomatologia. II fosfato di Magnesio (Magnesia phosphorica) è il rimedio da utilizzare in maniera pressoché sistematica.
Belladonna 9 o 15 CH 5 granuli, al ritmo delle crisi dolorose. La Belladonna è il medicinale omeopatico utilizzato nei processi infiammatori localizzati o generalizzati con iperestesia sensoriale generale, spasmi viscerali improvvisi con dolore intenso, talora associati a febbre. La somministrazione di Belladonna deve essere eseguita sotto controllo medico.
Colocynthis 9 o 15 CH 5 granuli anche ogni mezz’ora nel dolore intenso. Diradare in base al miglioramento. La coloquintide o cetriolo amaro è una pianta della famiglia delle Cucurbitacee, utilizzata in omeopatia per i dolori crampiformi, che obbligano a piegarsi in due e che vengono migliorati con pressione forte e il calore. Ha caratteristiche
molto simili a Magnesia phosphorica, di cui è particolarmente ricca.
Magnesia phosphorica 9 CH 5 granuli, anche ogni 15 minuti, diradando la somministrazione in base al risultato favorevole. Il fosfato di magnesio è il rimedio omeopatico dei dolori spasmodici e crampiformi, migliorati con la pressione forte, piegato in due e con il calore. Il dolore si presenta come fitte all’inizio e termine bruschi.
Momordica balsamina 5 CH 5 granuli al dì. La margosa è una pianta della famiglia delle Cucurbitacee, cui appartengono anche Bryonia e
ColocynthiSy indicata nella sintomatologia dolorosa acuta del colon sinistro. Può essere utilizzata anche in associazione con rimedi di fondo per la cura di colonpatie recidivanti o croniche.
Nux vomica 7 CH 5 granuli. In attesa della valutazione medica, nel sospetto di una subocclusione o occlusione intestinale. La noce vomica è il rimedio omeopatico della colica addominale associata a nausea con sensibilità accentuata della regione epatica in soggetti che hanno abusato di alcolici, caffè e cibi piccanti.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
La Medicina tradizionale cinese tratta questo disturbo con Io scopo di lenire il dolore dovuto agli spasmi per iperestensione delle pareti addominali, quindi controllare la muscolatura delle pareti intestinali e regolare la circolazione.
Punti importanti per la terapia di Agopuntura Medica sono:
TIEN SHU (cerniera celeste, localizzato 2 cun a lato dell’ombelico) che regola la circolazione dell’Energia negli Intestini, regola il Qi ed elimina le stasi;
NEI GUAN (barriera interna, localizzato sopra la piega traversa del polso fra i tendini) che tonifica il Cuore e la Milza, regola il Qi, lenisce il dolore, espelle e dissolve Vento e Calore;
ZU SAN LI (tre distanze del basso, localizzato sotto il bordo inferiore della rotula a lato della cresta tibiale anteriore) che regola e tonifica
Stomaco e Milza, tonifica il Qi e il Sangue;
XIA JU XU (grande vuoto inferiore, localizzato a metà della tibia) che tonifica l’Energia difensiva e il Qi del Rene;
SHAN JU XU (grande vuoto superiore, localizzato 6 cun sotto il bordo inferiore della rotula) che regola lo Stomaco e gli Intestini, purifica e raffredda l’Umidità-Calore ed elimina stasi;
TAI XI (ruscello maggiore, localizzato fra l’apice del malleolo interno e il tendine di Achille, nel punto in cui si sente pulsare l’arteria tibiale posteriore) che tonifica e regola il Qi renale ed epatico e purifica il Calore;
TAI CHONG (grande assalto, localizzato sul dorso del piede, nella depressione distale all’articolazione fra il I e il II metatarso) che tonifica e regola il Fegato e la Vescicola Biliare, regola e raffredda il Sangue.
È consigliabile un trattamento terapeutico di 10 applicazioni da eseguire per 2 volte alla settimana fino alla scomparsa della sintomatologia.


Formula: TONG XIEYAO FANG
Rizoma Atractylodes Macrocephalae………9g
Radix Paeoniae Alba…………………..6g
Pericarpium Citri Reticulatae………..4,5g
Radix Ledebourielìae………………….6g
Posologia: 2 g al dì sotto forma di capsule o polvere per 30 giorni.


Consigli dietetici
Alimenti consigliati Se le coliche tendono frequentemente a recidivare è necessario potenziare il privilegiando i cibi ricchi di vitamine, di sali minerali e di sostanze antiossidanti e limitare drasticamente il consumo di carne e pesce di allevamento, per la presenza di residui di pesticidi, fertilizzanti e farmaci che possono compromettere le funzioni immunitarie e di conseguenza rendere il paziente, soprattutto se di giovane età, più vulnerabile agli attacchi dei germi patogeni.
È consigliabile consumare frutta e verdura biologica esclusivamente sotto forma di centrifugato, oppure di succhi per ridurre l’apporto di fibre che possono aggravare la sintomatologia del paziente.
Alimenti da evitare Durante la fase acuta evitare di consumare legumi, crusca, cereali integrali e prodotti da forno con lievito chimico (dare la preferenza alle preparazioni biologiche a lievitazione naturale).
Per combattere l’infiammazione della mucosa intestinale eliminare (fino a miglioramento del quadro clinico) latte intero e formaggi (a eccezione della ricotta e dei fiocchi di latte), uova, crocifere, mais, pomodori, agrumi, semi e frutta secca, pesche, pere, prugne, susine, succo di mela non filtrato.
Eliminare (per almeno sei mesi) i salumi, gli insaccati, la carne conservata, la crusca, lo zucchero e le farine raffinate, gli alimenti addizionati con additivi, i prodotti industriali contenenti acidi grassi trans, i dadi da brodo, le bibite, le bevande alcoliche, il caffè e il tè nero.

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Calcio 800-1000 mg al giorno;
Selenio 80 mcg al giorno;
Colina 400 mg al giorno;
Cloro 5 g al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Potassio aumentare l’apporto di legumi secchi, cioccolato fondente (con almeno 1*80% di cacao), noci, nocciole, mandorle, pinoli, pistacchi, salsa e polpa di pomodoro, farina di soia biologica;
Olio di pesce (con almeno il 60% di EPA e DHA nel rapporto 40 a 20): 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo): 2 opercoli al giorno lontano dai pasti;
Enzimiproteolitici 2 compresse al giorno lontano dai pasti;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Germe di grano 1-3 cucchiaini al giorno.

FITOTERAPIA
Quando le coliche sono di breve durata, non particolarmente dolorose e non accompagnate da febbre si possono utilizzare diversi rimedi a base di erbe medicinali. Il primo è la Piscidia (Piscidia erythrina) da usare come estratto secco, che ha un’attività farmacologica soprattutto di tipo antispastico sulla muscolatura liscia del tratto gastrointestinale, anche se rimane tuttora una terapia empirica, cioè in cui non esistono prove scientifiche chiare di efficacia. Anche l’olio essenziale di Menta ha delle importanti attività antispastiche per cui può essere utilizzato con
successo nelle coliche addominali, ma se prescritto puro va usato a bassi dosaggi e in capsule gastroresistenti, perchè può danneggiare la mucosa gastrointestinale determinando anche reflusso gastroesofageo ed esofagite. Un’altra pianta medicinale utile soprattutto nei soggetti ansiosi è la
Passiflora incarnata che presenta una specifica attività ansiolitica e antispastica, per cui dosaggi specifici si utilizzano anche nei pazienti affetti da colon irritabile. Nel caso la colica dia origine a sintomi persistenti e tenda a diventare cronica si somministrano anche estratti secchi standardizzati di Carciofo. Se invece ci sono malattie infiammatori intestinali, un preparato appropriato può essere l’estratto di Curcuma longa per la sua ben nota attività antinfiammatoria sul tratto gastrointestinale; a cui si possono associare estratti a base di polisaccaridi di Aloe vera al fine di avere un’azione riepitelizzante sulla mucosa gastrointestinale.

Originally posted 2014-10-10 09:30:53.

Parotite 180x180 - Parotite

Parotite

Si tratta di una malattia infettiva virale che produce un’infiammazione a carico della parotide (la grossa ghiandola salivare collocata tra l’orecchio e la branca montante della mandibola), del Sistema Nervoso centrale, del testicolo e del pancreas. L’età più colpita è l’infanzia, ma anche gli adulti possono venire coinvolti da questa malattia, che finisce per risultare più grave per il pericolo di una orchite, capace di causare sterilità. Il contagio avviene per via diretta, attraverso le microgocciole di saliva (emesse con la tosse e gli starnuti o parlando a distanza ravvicinata). Dopo un periodo d’incubazione variabile dai 10 ai 24 giorni, ecco comparire un complesso di sintomi: febbre e malessere generale, con vomito e mal di testa; dolori dietro l’orecchio, seguiti dalla comparsa di una tumefazione nella regione parotidea (il si esacerba durante la deglutizione e la masticazione; inoltre, l’entità dell’ingrossamento è vario e provoca lo spostamento verso l’esterno del lobulo dell’orecchio: da qui la popolare etichetta di “orecchioni”); gonfiore anche a carico delle ghiandole sotto la mandibola e la lingua. Circa un terzo (ma secondo alcuni anche il 40-50%) delle infezioni da virus parotitico non si manifesta in forma clinicamente evidente, ma soltanto con una sintomatologia non specifica a carico delle vie respiratorie. Le complicanze coinvolgono il compartimento nervoso, con la possibile comparsa di un’irritazione delle meningi (mal di testa, vomito, rigidità della nuca); febbre elevata e dolori allo scroto segnalano la comparsa di un’orchite; la potrebbe persino scatenare una pancreatite, che determina un violento dolore addominale con vomito, febbre e prostrazione; la malattia può poi produrre gravi lesioni all’apparato uditivo: costituisce la prima causa di sordità acquisita nell’infanzia (coinvolgendo 5 casi ogni 100.000 casi di malattia). La , che è molto contagiosa, lascia una immunità assoluta e permanente.

CONTAGIO
Il periodo di contagiosità, in cui la malattia può essere trasmessa dalle persone infette (con o senza sintomi manifesti) a quelle suscettibili, va da 6-7 giorni prima a 9 giorni dopo la comparsa della tumefazione delle ghiandole salivari; l’infettività è massima nelle 48 ore che precedono tale comparsa.

Il primo dovrebbe essere la vaccinazione: più del 90% degli adulti è stato vaccinato contro la parotite. Nel sospetto di una parotite è opportuno consultare un medico: la parotite è una malattia virale con decorso spontaneamente benigno, tuttavia è opportuno verificare che non siano presenti altre patologie. Una parte fondamentale della terapia si basa sul riposo a letto e sull’idratazione: è importante bere tanta acqua, come in tutte le infezioni virali.
Acetaminofene
Il farmaco di prima scelta contro la febbre e il dolore è l’acetaminofene.
Per l’edema testicolare
Negli adolescenti o adulti con parotite, in particolare di sesso maschile, possono verificarsi dolori ed edemi articolari e dolori e gonfiori ai testicoli: a volte si prescrive prednisolone per risolvere questa complicanza. Se il dolore testicolare è molto intenso esistono particolari sospensori che alleviano i sintomi. Un farmaco noto come interferone alfa 2b è stato usato per prevenire l’infertilità negli uomini con edema testicolare da parotite.

Il medicinale omeopatico specifico per il trattamento della parotite è Mercurius solubilis o Phytolacca, nota anche come ‘mercurio vegetale’ per le indicazioni terapeutiche simili. Alcuni rimedi sono utili per prevenire o controllare le eventuali complicanze della parotite. In ogni caso è necessaria la valutazione del medico.
Prevenzione
Mercurius solubilis 9CH5 granuli, 1 volta al dì, per 2-3 settimane, in caso di epidemia.
Esordio
Belladonna 9 CH 5 granuli, inizialmente anche ogni 3 ore. Esordio brutale, molto doloroso. Localmente la pelle è arrossata e calda. La bocca è secca. Spesso va prescritta in associazione con Mercurius solubilis.
Ferrumphosphoricum 9 CH 5 granuli, 2 volte al dì. Febbre poco elevata con fenomeni di congestione locale (dolore auricolare, tosse secca, alternanza di congestione e pallore a livello del viso).

Mercurius solubilis 9 CH 5 granuli, ogni 3 ore, alternando con Belladonna. Diradare in base al miglioramento,
parotite, l’Aercurius solubilis 9 CH 5 granuli, ogni 3 ore. Il mercurio solubile introdotto in omeopatia dallo stesso Hahnemann è considerato il rimedio specifico della parotite. Infiammazione della parotide e delle ghiandole salivari con saliva abbondante, densa, filante e fetida, con gusto metallico in bocca. Febbre con brividi e sudorazione fetida che non dà sollievo.
Phytolacca Decandra 9 CH 5 granuli, ogni 3 ore. Parotite associata ad arrossamento del faringe, adenopatia regionale e disfagia.
Pulsatilla 9 CH 5 granuli, 2 volte al dì, per una settimana, nella fase di risoluzione e per prevenire le complicanze. Parotite associata ad arrossamento della gola, dolore nella deglutizione, ingrossamento dei linfonodi regionali.
Complicanze
Apis 15 CH 5 granuli, anche ogni mezz’ora ora. Risentimento meningeo con cefalea intensa e rigidità nucale.
Phosphorus 15 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Prevenzione e cura di pancreatite, orchite, ovarite.
Trifolium repens 3 DH 20 gocce, 2 volte al dì. Viene utilizzato nel soggetto adulto per prevenire l’orchite.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

La Medicina tradizionale cinese tratta questo tipo di disturbo similarmente alla Medicina occidentale, ma nella parte terapeutica si distingue in quanto disperde gli agenti esterni Vento o Calore, mobilizza le energie sui –
Meridiani e naturalmente seda il dolore che può insorgere.
Punti importanti per questo tipo di terapia sono:
HE GU;
HA CHE;
WAIGUAN;
YI FENG;
ER JIAN.

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Dare la preferenza agli alimenti ricchi di bioflavonoidi, beta-carotene (nespole, albicocche fresche,
anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci americane), vitamina C (agrumi, kiwi, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavoli, crescione, fragole, rosa canina, mango, papaia, patate, pepe verde, pomodori, ribes nero, spinaci) ed E (semi oleosi, cereali, frutta e ortaggi), che aiutano ad alleviare i sintomi potenziando la funzionalità del Sistema Immunitario.
Alimenti da evitare Limitare e/o evitare (secondo l’intensità dei sintomi e il quadro clinico generale del ) il consumo di cibi a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, i prodotti da forno con aggiunta di lievito chimico e/o di birra, la caffeina, gli alcolici, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans, la carne e il pesce di allevamento, le uova e i latticini non biologici, per la presenza di residui di pesticidi, fertilizzanti e .
Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
Vitamina B1 1-1,5 mg al giorno;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus addophilus: 2 opercoli al giorno lontano dai pasti;
Enzimiproteolitici 2 compresse al giorno lontano dai pasti.

L’olio essenziale estratto dai semi di Finocchio sotto forma di estratto fluido nella dose di 20 gocce diluite in poca acqua minerale naturale, due volte al giorno, lontano dai pasti, può aiutare a tenere sotto controllo i sintomi.
Grazie alla sua azione immunostimolante può essere utilizzato il Faggio sotto forma di gem moderi va to, nella dose di 50 gocce al giorno, in un’unica somministrazione la mattina a digiuno. È consigliabile tenere, per pochi secondi, il preparato sotto la lingua, per facilitare l’assorbimento e potenziarne Fazione. Nei bambini al di sotto dei 12 anni è necessario dimezzare il dosaggio.
Nella fase acuta può essere somministrato l’estratto secco di Andrographispanicolata nella dose di 6 g in un’unica somministrazione la mattina a digiuno, circa 30 minuti prima di colazione. Si consiglia di proseguire la terapia fino alla scomparsa dei sintomi. È controindicata in gravidanza. È importante tenere presente che non si devono superare le dosi consigliate, per evitare lo sviluppo di disturbi gastrici, come nausea e vomito.
Per aiutare a combattere l’infezione, nei casi lievi, può essere somministrato il Timo (Thymus vulgaris), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, due volte al giorno, lontano dai pasti. Il preparato può presentare effetti collaterali, come coliche addominali e lipotimie. È controindicato nei pazienti affetti da scompenso cardiaco e da colite.
Per potenziare l’azione dei preparati fìtoterapici, associare l’estratto fluido di Rosa canina, nella dose di 20 gocce, diluite in 200 mi di spremuta di
Pompelmo rosa e/o d’arancia, due volte al giorno, lontano dai pasti.

Originally posted 2014-10-10 15:32:39.

ULCERA GASTRO DUODENALE 180x149 - ULCERA GASTRO-DUODENALE

ULCERA GASTRO-DUODENALE

L’ peptica è una perdita di sostanza che può interessare la mucosa dello stomaco ( gastrica) o del duodeno ( duodenale), quest’ultima più frequente della prima. Ormai è assodato che la causa principale di questa malattia è l’infezione da Helicobacter pylori. L’ peptica – gastrica e duodenale – è una malattia cronica la cui storia naturale è caratterizzata da cicatrizzazioni (anche spontaneamente) e ricadute successive, nonché dalla comparsa di complicazioni, come l’emorragia e la perforazione. Ebbene, eliminare il batterio in questione determina la guarigione pressoché definitiva della malattia e una drastica riduzione delle ricadute. Il sintomo classico è il epigastrico, cioè alla bocca dello stomaco. Nell’ulcera gastrica questo è sordo, compare precocemente subito dopo il pasto, o addirittura può peggiorare con l’ingestione del cibo; nell’ulcera duodenale, invece, il è bruciante, si manifesta a digiuno oppure durante la notte e tende ad attenuarsi con l’assunzione di cibo. In altri casi il disturbo doloroso non è così caratterizzato, eventualmente accompagnato o sostituito da altri
sintomi: senso di ripienezza, digestione lenta, inappetenza, nausea. L’altra causa più frequente di ulcera peptica è l’assunzione dei FANS, i antinfiammatori non steroidei, che possono danneggiare la parete gastrica sia direttamente, per il danno prodotto dal farmaco a contatto con la mucosa gastrica, sia attraverso una riduzione dei meccanismi di difesa.

DA SAPERE
• L’insieme dei disturbi che caratterizzano l’ulcera peptica è in genere intermittente, episodico, intervallato da periodi di benessere della durata di alcuni mesi, con riacutizzazione dei disagi che sono prevalentemente stagionali, in primavera e in
autunno.
• L’infezione da Helicobocter pylori viene acquisita precocemente durante l’infanzia e tende poi a persistere per tutta la vita.
• La predisposizione genetica, i fattori ambientali come il fumo e gli stress psicologici (da problemi familiari e sul lavoro) possono favorire lo sviluppo dell’ulcera nelle persone portatrici dell’infezione da Helicobocter pylori.
• È famosa la “dieta in bianco”, in passato largamente prescritta dai medici. Ma le odierne conoscenze sulle cause dell’ulcera e la disponibilità di farmaci assai potenti (capaci di contrastare la secrezione gastrica e il corteo dei sintomi) hanno ridimensionato drasticamente il ruolo dell’. Anche perché diete troppo ristrette possono soltanto peggiorare la condizione psicologica del ulceroso.

Il convenzionale ha lo scopo di ridurre la recidiva ed eliminare il dolore: è molto importante interrompere l’eventuale uso di antinfiammatori non steroidei (FANS) ed eliminare l’infezione con H. Pylori spesso associata all’ulcera.
Attenzione!
Se è presente ulcera consultare subito il gastroenterologo in caso presenza di sangue nel vomito o nelle feci.
Stile di vita
Smettere di fumare e di bere alcolici è procedura fondamentale, così come evitare di assumere aspirina e FANS. È importante la riduzione dello stress, eventualmente con tecniche di respirazione e meditazione.
Trattamento dell’ulcera causata da H. Pylori
La presenza del batterio H. Pylori può essere determinata con esami del sangue: la terapia si basa su antibiotici e inibitori della pompa protonica come omeprazolo e bismuto. La combinazione di antibiotici è di solito amoxicillina, claritromicina e metronidazolo. Se il paziente sta assumendo FANS una copertura farmacologica con misoprostolo, che diminuisce l’acidità gastrica e protegge la mucosa dello stomaco, è raccomandabile.
Bloccanti H2
Per le ulcere non associate a H. Pylori o FANS, cimetidina e ranitidina (bloccanti H2) rappresentano la scelta.
Chirurgia
Per l’ulcera duodenale è possibile ricorrere a una vagotomia; le ulcere gastriche complicate che non abbiano risposto a trattamenti medici aggressivi vengono a volte trattate con gastrectomia subtotale.

L’approccio omeopatico permette di migliorare e risolvere la sintomatologia dolorosa digestiva con rimedi specifici, ma soprattutto di modificare le caratteristiche generali del soggetto che sono alla base della tendenza alla recidiva.
Argentum nitricum 9 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Rigurgiti, eruttazioni, nausea, vomito, in soggetti ansiosi e agitati. Il nitrato d’argento è il medicinale omeopatico della gastrite e dell’ulcera gastroduodenale in concomitanza con attività febbrile, ansia di anticipazione, paure.
Iris versicolor 9 CHS granuli, 3 volte al dì. Il preparato omeopatico ottenuto dal rizoma di iris è di prescrizione pressoché sistematica nel trattamento della gastrite e dell’ulcera gastrica caratterizzata da intensi bruciori gastrici e vomito acido. Caratteristica è la sensazione di bruciore a livello di bocca, stomaco, intestino e regione anale. È il rimedio di tutte le forme di dispepsie acide da ipercloridria. Spesso viene associato a
Sulfur nelle forme recidivanti o croniche.
Kali bichromicum 7 CH 5 granuli 2-3 volte al dì. Ulcera profonda ad aspetto circolare con i bordi netti, a stampo. Caratteristica è la sensazione di bruciore a livello gastrico e il desiderio di birra, mal tollerata. Il dolore può comparire immediatamente dopo il pasto o attenuarsi in seguito all’assunzione di cibo.
Nitricum acidutn 7 CH 5 granuli, 2 volte al dì. Ulcera gastrica lineare con fondo sottostante che tende a sanguinare facilmente durante l’indagine endoscopica. Da un punto di vista generale si tratta spesso di soggetti con tendenza alla depressione.
Nux vomica 9 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Tensione dolorosa con bruciori, nausea e rigurgito in persone sedentarie che desiderano alcolici, caffè, cibi piccanti, condimenti forti. La noce vomica è adatta a condizioni caratterizzate da ipereccitabilità e ipersensibilità in persone attive, ma dallo stile di vita sedentario con manifestazioni di tipo spasmodico e difficoltà digestive. La lingua è coperta da una patina bianco-giallastra nella parte posteriore.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

Secondo la Medicina tradizionale cinese questo disturbo può essere causato da una stasi di Qi, da una stasi di Xue,da un deficit di Qi di Stomaco da Fuocodi stomaco o da un deficit di Yin dello Stomaco. Lo scopo della terapia è principalmente mirato a riequilibrare le funzionalità dell’organo Stomaco, sedare il dolore e mobilizzare il Qi e lo Xue.
Nel caso di ulcera da stasi di Qi pnti importanti sono:
NEI GUAN;
QI MEN;
TAI CHONG;

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Seguire un regime dietetico a basso apporto di lipidi, privilegiando il pesce pescato in mare, il pollame allevato all’aperto, i latticini “magri”, cereali biologici non integrali (come orzo periato, farro decorticato, miglio, amaranto, riso Basmati) e i prodotti da forno a base di farine macinate a pietra e a lievitazione naturale, gli ortaggi freschi, la frutta di stagione, l’olio di noci, oppure extravergine d’oliva (in piccole quantità), di prima spremitura a freddo. È consigliabile consumare le verdure crude e la frutta fresca (dare la preferenza ai frutti al giusto grado di maturazione) a colazione e/o come spuntino, lontano dai pasti principali, associate a prodotti da forno non integrali, per facilitarne la digestione.
Distribuire il cibo in tre piccoli pasti principali e tre o quattro spuntini nel corso della giornata, aumentando il consumo di papaia, riso Basmati, pasta di kamut, patate cotte in forno con la buccia, latte fermentato, kefir, yogurt naturale magro arricchito con probiotici.
Alimenti da evitare Nella fase acuta eliminare lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, i cereali integrali, la crusca, i prodotti da forno a base di farine integrali e lievito chimico e/o di birra, i salumi e gli insaccati, i formaggi stagionati non biologici, la caffeina, gli alcolici, le spezie, i cibi piccanti, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans, la carne e il pesce di allevamento.

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
Vitamina B61,5-2 mg al giorno;
Vitamina B12 2-3 mcg al giorno (solo in caso di carenza);
Acido folico (o vitamina B9) 200 mcg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti;
Vitamina E10 mg al giorno;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Selenio 80 mcg al giorno;
Inositolo 1 g al giorno;
Triptofano 260 mg al giorno;
Enzimi proteolitici 2 compresse al giorno lontano dai pasti.

Per la presenza di flavonoidi, sali minerali (ferro, potassio), vitamina A e vitamine del gruppo B, può essere utile assumere l’estratto fluido di Gramigna (Agropyron repens), nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua minerale naturale, due volte al giorno, lontano dai pasti.
Nei pazienti ansiosi, o sottoposti a stress psico-fisici prolungati, per tenere sotto controllo i sintomi e il decorso della malattia, può essere utilizzata l’Escholtzia californica (parte aerea fiorita), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce due volte al giorno, dopo i pasti.
Per il suo contenuto di aminoacidi (come tiroxina, alanina, valina, triptofano, fenilalanina ecc.), sali minerali (quali ferro, sodio, potassio, calcio, magnesio, rame, cobalto, molibdeno ecc.), vitamine (del gruppo B, beta-carotene, C, D, E), isoflavoni, enzimi digestivi, clorofilla, lipidi e glucidi, è consigliabile assumere l’estratto fluido di Medicago sativa (Alfalfa), nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua, due volte al giorno, privilegiando la via sublinguale. Il trattamento può essere assunto per uno/due mesi ed eventualmente effettuato a cicli con un periodo di circa 15-20 giorni di sospensione, fino al miglioramento del quadro clinico e/o alla normalizzazione della gastroscopia.

Se il disturbo si manifesta nelle persone ansiose, è consigliabile associare ai preparati fitoterapia utilizzati, l’estratto fluido di Tiglio, nella dose di 20 gocce, due volte al giorno, lontano dai pasti. Grazie alla sua azione “calmante” e antiacida aiuta ad alleviare i sintomi e a tenere sotto controllo il decorso della malattia.
Per alleviare l’irritazione della mucosa gastrica, può essere utilizzato l’estratto fluido di Liquirizia (Glycyrrhiza glabra), nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua minerale naturale, due volte al giorno, dopo i pasti.
È controindicato nei pazienti affetti da diabete mellito, ipertensione arteriosa, tachicardia e sindrome premestruale, disturbi epato-biliari e renali. È importante tenere presente che vi possono essere interazioni con i farmaci diuretici e con la digitale. Non superare la dose indicata per evitare l’insorgenza di diarrea acuta. Non somministrare nei casi di ulcere sanguinanti.

 

Originally posted 2014-10-08 15:20:13.

Psoriasi 180x154 - Psoriasi

Psoriasi

La è una malattia infiammatoria cronica della pelle. Le cause non sono ancora del tutto conosciute: si ritiene che a determinare questa affezione concorrano svariati fattori, di tipo genetico, immunologico e ambientale. Le lesioni sono tipiche: si presentano in genere come chiazze arrossate ricoperte da squame biancastre. Queste presenze possono essere invalidanti per le ripercussioni psicologiche che comportano: le alterazioni cutanee finiscono per provocare imbarazzo e difficoltà nei rapporti sociali, sino a scatenare stati ansiosi e depressivi. Sebbene la possa coinvolgere qualunque parte del corpo, le regioni colpite con maggiore frequenza sono: l’interno dei gomiti e dietro le ginocchia, la zona lombo-sacrale, l’area tra i glutei, le unghie e il cuoio capelluto. Le lesioni psoriasiche non sono associate a e il prurito può comparire in alcune fasi della malattia. Molti studi clinici hanno segnalato come nel 30-40% dei casi la psoriasi si manifesti o tenda a peggiorare in concomitanza di eventi fortemente stressanti. La gran parte dei pazienti sviluppa le lesioni tra i 20 e i 30 anni. La psoriasi può assumere forme speciali: l’eritrodermia psoriasica è una variante particolarmente grave in cui la malattia è estesa a tutto il corpo, con lesioni dal rosso vivo al bordeaux ed edema; meno comune è la psoriasi pustolosa, contrassegnata dalla presenza di numerose pustole a capocchia di spillo di colorito bianco latte; piccole chiazze rotonde ovali disseminate su tutto il corpo caratterizzano la psoriasi guttata (compare in genere nei bimbi e nei giovani adulti, spesso dopo un mal di gola da streptococco); e c’è anche chi presenta una malattia reumatica infiammatoria cronica associata alla psoriasi (psoriasi artropatica) in cui coesistono mani e piedi gonfi arrossati e pelle secca e squamosa.

LUOGHI COMUNI
È assolutamente falsa l’opinione (purtroppo diffusa) che la psoriasi sia una malattia infettiva e contagiosa.

Eliminare le cause
Lo stress può scatenare gli episodi di psoriasi: di questo tenere conto per ridurre il rischio di recidiva. Alcuni possono provocare psoriasi: sono i beta-bloccanti, il litio, gli antimalarici. È utile eliminare il glutine e il burro dall’, talvolta i supplementi di vitamina D3 possono migliorare la situazione.
Esposizione al sole
Di solito i bagni di sole migliorano la psoriasi, a patto che si usi adeguata protezione. L’esposizione a UVB 3 volte alla settimana e PUVA orale (psoralene più A ultravioletti) 2 o 3 volte alla settimana sono efficaci.
Trattamenti topici
Fare un bagno tiepido ogni giorno con sapone senza detergenti e applicare lozioni prive di profumo e idratanti a ph adatto subito dopo il bagno. I corticosteroidi topici possono dare una breve remissione, ma la loro efficacia diminuisce con l’uso. La desquamazione può essere migliorata con acido salicilico al 2/10%.
Per psoriasi grave
Il metotrexate sistemico a 25 mg/settimana può essere utile nella psoriasi severa. È necessario il parere di uno specialista.

Il omeopatico può integrare l’approccio convenzionale nei confronti della psoriasi, soprattutto nel controllarne l’evoluzione grazie alla somministrazione di rimedi ad attività profonda. Vengono descritti solo alcuni dei medicinali utilizzati nella cura della psoriasi.
Arsenicum album 9CH5 granuli, 1 volta al dì. Il preparato omeopatico ottenuto dall’anidride arseniosa è di prima scelta nel trattamento della lesione psoriasica caratterizzata da secchezza, aspetto squamoso con desquamazione fine, furfuracea. Caratteristica è l’evoluzione cronica, influenzata favorevolmente dal sole e dalla stagione estiva. È adatto in particolare a soggetti ansiosi e agitati che disperano della possibilità di guarire.

Arsenicum iodatum 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Psoriasi con desquamazione lamellare. L’eruzione si manifesta in soggetti magri e deboli con pelle secca e fredda.
Graphites 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. È il rimedio delle forme di psoriasi localizzate a livello delle pieghe di flessione e con tendenza all’infezione, così come della localizzazione palmo-plantare o del cuoio capelluto. Spesso sono presenti le caratteristiche generali di tendenza al sovrappeso, alla stipsi e alla intensa freddolosità.
Sepia 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Psoriasi fissurata, facilmente sanguinante. Psoriasi localizzata a livello ungueale. Caratteristica è la marcata tendenza depressiva.
Sulfur 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì, da lunedì a venerdì, in associazione alla terapia convenzionale orale. Il medicinale omeopatico ottenuto dai fiori di zolfo manifesta un’azione profonda soprattutto nei soggetti con tendenza costituzionale a manifestazioni morbose periodiche che possono coesistere o manifestarsi in successione oppure in alternanza.
Generalmente si tratta di soggetti che hanno sempre caldo. Hanno tendenza alle alterazioni del metabolismo (diabete, gotta, obesità, calcolosi epatica e renale) e alla patologia cardiovascolare (ipertensione arteriosa, arteriosclerosi, infarto miocardico).

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

Si tratta di una patologia autoimmune e la Medicina tradizionale cinese distingue le sue possibili cause in Vento-Umidita-Calore e deficit di Xue.
Lo scopo della terapia è la dispersione degli agenti esterni, l’eliminazione del prurito, la dispersione del Vento interno e la mobilizzazione di Xue.
Si tratta di una terapia molto efficace che in circa 2 cicli riesce a diminuire la presenza cutanea delle lesioni di circa il 60/70%.
Punti importanti da utilizzare sono:
DAZHUI;
QUCHI;
XUE HAI;
YIN LING QUAN;
BAI CHONG WO;
FENG SHI;

GE SHU;
HE GU;
PI SHU;
SAN YIN JIAO;
ZU SAN LI.
Più i punti A SHI in corrispondenza delle lesioni e i punti del Sistema Auricolare di Polmoni, Simpatico, Sottocorticole, Surreni e SHEN MEN.
Si consiglia un ciclo di 10 applicazioni da ettettuare almeno 3 volte alla settimana da ripetere a distanza di 60/90 giorni.

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Aumentare l’apporto quotidiano di acqua minerale naturale, utilizzandola anche per cucinare e/o per preparare tè verde, infusi e decotti, per aumentare l’idratazione della pelle e alleviare la sintomatologia.
Incrementare il consumo di alimenti ricchi di acidi grassi omega-6 e omega-3, come gli oli di semi spremuti a freddo (soprattutto di noci e di lino) e il pesce, in particolare salmone selvaggio, aringhe, merluzzo, sardine, acciughe, sgombro.
Seguire una dieta equilibrata, con una percentuale di proteine adeguata al fabbisogno individuale, che privilegi i tagli di carne magra, il pollame, il pesce pescato in mare, le uova fresche, il latte e i latticini biologici, i germogli di soia e i legumi (consumati esclusivamente associati ai cereali integrali).

Dare la preferenza ai cibi a elevato contenuto di sostanze antiossidanti, come frutta c verdura fresche e biologiche, noci e semi oleosi, olio di lino e di noci spremuti a freddo, frutta secca e semi oleosi, salsa e polpa di pomodoro in scatola, centrifugati di carote, sedano e ortaggi a foglia verde scuro e succo puro di mirtillo.
Aumentare l’assunzione di PABA, privilegiando le uova, il fegato, il germe di grano, il lievito di birra.
Alimenti da evitare Kliminare (per almeno sei mesi) i salumi, gli insaccati, la carne conservata, la crusca, lo zucchero e le farine raffinate, i piatti dei fast-food, gli alimenti a elevata percentuale di sale, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o conlenenti acidi grassi trans, dadi da brodo, le bibite, gli alcolici, il caffè e il tè nero.
Nella fase acuta evitare formaggi stagionati, cioccolata, cacao, spinaci e rabarbaro.
Integrazione alimentare
Vitamina C 200 mg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti;
Hioiinu 50 mcg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Rame 2 mg al giorno;
Inositolo 1 g al giorno;
licopene 22 mg al giorno (250 mi di salsa di pomodoro in scatola ne
contiene 37 mg);
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg;
Olio di pesce (con almeno il 60% di EPA e DHA nel rapporto 40 a 20): 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo): 2 opercoli al giorno lontano dai pasti.

Nelle persone ansiose, nelle quali il disturbo può essere particolarmente fastidioso e frequente, può essere utilizzata l’Escholtzia californica (parte aerea fiorita), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce due volte al giorno, lontano dai pasti. Questo preparato fitoterapico può aiutare a tenere sotto controllo il problema, grazie alle sue proprietà sedative e calmanti sul Sistema Nervoso centrale.
Per la sua azione depurativa e rimineralizzante è consigliabile assumere l’estratto fluido di Medicago sativa (Alfalfa), nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua, due volte al giorno, lontano dai pasti. Il preparato può essere assunto per tre mesi ed eventualmente effettuato a cicli con un periodo di circa 15-20 giorni di sospensione.
Per alleviare la desquamazione e l’irritazione cutanea può essere utile massaggiare la zona interessata con un composto a base di unguento di Ippocastano (30%), miscelato latte d*Aventii! 10%), Ribes Nigrum (20%) e con olio alla Calendula (40%): preparato con 30 g di fiori secchi di calendula, 30 g di fiori secchi di camomilla, 300 ml di olio di mandorle dolci,
25 ml di olio di enotera (mettere i fiori in un barattolo di vetro a chiusura ermetica, aggiungere l’olio di mandorle e di enotera e lasciare riposare per circa un mese al riparo dalla luce e da fonti di calore. Filtrare).
In fase acuta, può essere utile somministrare l’estratto fluido di Hamamelis virginiana ( Amamclide), nella dose di 15-20 gocce per tre volte ai giorno, diluite in poca acqua oligominerale, lontano dai pasti. Ricca di tannini, mucillagini e colina, aiuta a combattere l’infiammazione.
Nei pazienti in cui la malattia interessa zone circoscritte del corpo, può essere preparata una pomata a base di infuso concentrato di Aparine (2 cucchiai di foglie e sommità fiorite, in 100 mi di acqua demineralizzata, portata a ebollizione; dopo 20 minuti di infusione, filtrare c lasciare raffreddare), 3-4 cucchiai, miscelati con 2 cucchiaini di olio di Iperico e 1 cucchiaino di centrifugato di carota biologica. Applicare, con un delicato massaggio, la pomata sulla cute e lasciare agire per circa 30 minuti.
Quindi, asportarla con un batuffolo di cotone inumidito con latte detergente alla Calendola^ sciacquare con acqua tiepida, asciugare e stendere un unguento a elevata concentrazione di Aloe.

Originally posted 2014-10-10 12:51:58.

Vene varicose 180x180 - Vene varicose

Vene varicose

Sono dilatazioni delle vene superficiali a carico degli arti inferiori. Per una predisposizione individuale e familiare, le pareti venose possono risultare intrinsecamente deboli, e tendono a dilatarsi sotto gli stimoli più vari (per esempio, la gravidanza o lo stare in piedi troppo a lungo, quando cioè le gambe devono sopportare una pressione sanguigna molto alta; anche il sovrappeso e l’obesità sono fattori importanti che condizionano in modo determinante la comparsa di ). Si crea un’incontinenza delle valvole, dislocate lungo il tragitto delle vene, e cruciali per consentire al sangue venoso di progredire dagli arti inferiori verso il cuore: quando non riescono più a chiudersi correttamente, la colonna sanguigna tende a “refluire”, cioè a tornare verso il basso, e a ristagnare. I sintomi sono rappresentati da un senso di tensione all’arto o agli arti colpiti; compare anche un gonfiore della caviglia nelle ore serali, e talora crampi notturni. Affiorano lo sfiancamento della vena (che nel gergo medico si chiama ectasia) e, nel tempo, una colorazione brunastra della pelle, con infiammazioni ricorrenti della cute e del tessuto sottocutaneo
(ipodermiti): effetto dovuto al ristagno di emoglobina – il pigmento contenuto nei globuli rossi – nei tessuti dell’arto. Il gonfiore dovuto alle vene varicose si accentua nel corso della giornata, riducendosi normalmente di notte, poiché la posizione sdraiata aiuta il ritorno del sangue in direzione del cuore.

ETIMOLOGIA
Il termine varix in latino significa storto, termine che fa riferimento al frequente aspetto serpiginoso che assume la vena colpita dalle varici.
COMPLICAZIONI
Se non viene adeguatamente trattata, la sintomatologia tipica di chi soffre di varici agli arti inferiori può portare, nel corso del tempo, ad alterazioni più gravi: alla comparsa di varicoflebiti, e nei casi più seri, a un’, lesione cutanea che compare nelle aree cutanee più fragili o dopo traumi sulla pelle dell’arto.

Prevenzione
La prevenzione è la base fondamentale per il delle vene varicose: stare in piedi troppo a lungo, la gravidanza e l’obesità aumentano molto il rischio. Le vene varicose sono anche ereditarie. Indossare calze elastiche durante il giorno e tenere il più possibile la gambe in alto è un buon metodo preventivo se si hanno fattori di rischio. La perdita di peso aiuta molto.
Vene varicose acute
Il trattamento prevede l’applicazione topica di corticosteroidi, soprattutto perché le vene varicose acute possono essere accompagnate da dermatite. È importante controllare che non si sviluppino infezioni.
Vene varicose croniche
La scleroterapia prevede l’iniezione di solfato di sodio per distruggere la vena: se non funziona si ricorre alla chirurgia che prevede diverse tecniche come la legatura, lo stripping e il laser.

Nel trattamento dell’insufficienza venosa degli arti inferiori sono indicati dei rimedi omeopatici con attività elettiva a livello di vasi venosi (Calcarea fluorica, Fluoricum acidum, Hamamelis virginiana. Pulsatilla).
Aesculus hippocastanum 5 CH 5 granuli, 2 volte al dì. Pesantezza agli arti inferiori. Emorroidi. Tendenza alla stasi venosa e alla lombalgia in soggetti sedentari.
Calcarea fluorica 5 CH5 granuli, 2 volte al dì. Le varici rappresentano una manifestazione non reversibile di cui è possibile stabilizzare l’evoluzione o sopprimere i disturbi funzionali. È il rimedio adatto per l’insufficienza venosa su base costituzionale e predisposizione familiare da deficit di tessuto elastico a livello della parete vascolare. Insufficienza venosa con varici. Ulcera varicosa. Eczema varicoso con cute anelastica, infiltrata, distrofica.
Fluoricum acidum 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Varici pruriginose con sensazione di bruciore alle gambe. Ulcere varicose con prurito intenso. Aggravamento con il calore. Miglioramento con il freddo e le applicazioni fredde.

Hamamelis virginiana 5 CH 5 granuli, 2 volte al dì. Vene congeste, turgide, sensibili e dolenti. Sensazione di indolenzimento locale, come da contusione o sensazione di vene che scoppiano. Comparsa di ecchimosi anche per traumi modesti. Caratteristico è l’aggravamento con il caldo.
Lachesis 9 CH 5 granuli, 2 volte al dì. Varici o ulcere varicose ipersensibili al contatto, di colorazione bluastra o viola. Senso di costrizione locale. Aggravamento con il calore.
Pulsatilla 7 CH 5 granuli, 2 volte al dì. Acrocianosi delle estremità che sono fredde e di aspetto marmoreo. Dilatazione dei capillari da rallentamento della circolazione periferica delle piccole vene, in giovani donne dalla carnagione chiara con tendenza alle manifestazioni catarrali. Tendenza ai geloni. Miglioramento camminando all’aria aperta.
Vipera 7 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Sensazione dolorosa come di vene che scoppiano e dolorabilità intensa al semplice contatto. Tromboflebite superficiale.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

La Medicina tradizionale cinese tramite l’uso di fitopreparati agisce in questo disturbo con due azioni, una consiste nella tonificazione delle pareti venose, la seconda nel controllare la dilatazione delle stesse.
cinese
Formula: SI WU WAN
Radix Rehmaniae Preparatae……………12 g
Radix Angelicae Sinensis……………….10 g
Radix Paeoniae Alba………………….10 g
Rizoma Ligustici ChuanXiong…………….6 g
Posologia: 2 g al dì sottoforma di capsule o polvere per 30 g

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Seguire un regime dietetico a basso apporto di lipidi, privilegiando il pesce pescato in mare, il pollame allevato all’aperto, i latticini “magri”, cereali semintegrali e i prodotti da forno a base di farine macinate a pietra e a lievitazione naturale, gli ortaggi freschi, la frutta di stagione, l’olio di noci, oppure extravergine d’oliva (in piccole quantità), di
prima spremitura a freddo.
Aumentare il consumo di alimenti ricchi di beta-carotene (nespole, albicocche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci americane), bioflavonoidi (limoni, uva, prugne, pompelmo, albicocche, ciliegie, more, bacche della rosa canina e grano saraceno), magnesio (banane, ortaggi a foglia verde, cereali integrali, noci, mandorle, nocciole, piselli, fagioli, soia e cacao) e potassio (legumi secchi, cioccolato fondente all’80% di cacao, noci, nocciole, mandorle, pinoli, pistacchi, salsa e polpa di pomodoro, farina di soia biologica).
Alimenti da evitare Eliminare per almeno tre mesi lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, le preparazioni a base di farine raffinate, i salumi e gli insaccati, i formaggi non biologici, la caffeina, gli alcolici, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti di grassi trans, le spezie e i cibi piccanti.
Limitare l’apporto del sale e degli alimenti che ne sono ricchi (leggere le etichette).
Evitare le carni provenienti da animali da allevamento e alimentati con mangimi industriali e i vegetali coltivati con i metodi tradizionali.
Integrazione alimentare
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Licopene 22 mg al giorno (250 mi di salsa di pomodoro in scatola ne contiene 37 mg);
Selenio 80 mcg al giorno;
Germe di grano 1-3 cucchiaini;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno;
Lecitina di soia (pura al 100%): 1-3 cucchiaini al giorno.

FITOTERAPIA

Molto utile risulta essere l’estratto fluido di Hamamelis virginiana (Amamelide), nella dose di 15-20 gocce per tre volte al giorno, diluite in un bicchiere di acqua minerale naturale a basso apporto di sodio, lontano dai pasti privilegiando la mattina a digiuno, il pomeriggio (tra le 17.00-18.00) e la sera, circa 30 minuti prima del riposo notturno. Oppure unire 50 gocce a un litro di acqua e sorseggiare nel corso della giornata.
Per la sua azione tonico-venosa, può essere somministrato l’estratto fluido di Achillea nella dose di 30 gocce, tre volte al giorno, diluite in 30 mi di succo puro di mirtillo, oppure di spremuta d’agrumi (arancia, pompelmo rosa e limone), lontano dai pasti, privilegiando la mattina a digiuno (circa 20 minuti prima di colazione) e la sera dopo 60-90 minuti dal pasto.
Un rimedio utile, nelle fasi iniziali della malattia, è rappresentato dal Calamo aromatico (Acorus calamus), per uso topico, con il quale effettuare frizioni rinfrescanti e tonificanti, tre/quattro volte al giorno.
Grazie alla presenza degli antocianosidi, flavonoidi, tannini e catechine, la Vitis vinifera (o Vite rossa), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce due volte al giorno, diluite in poca acqua, la mattina prima di colazione e nel pomeriggio, lontano dai pasti, può contribuire ad alleviare il disturbo e a tenere sotto controllo l’evoluzione della malattia (azione tonico-venosa, antiflogistica, capillaro-protettrice).

Per aiutare a tenere sotto controllo il decorso della malattia, può essere utilizzato l’estratto fluido di Amamelide (Hamamelis virginiana), nella dose di 15-20 gocce, diluite in poca acqua minerale naturale, tre volte al giorno, prima dei pasti.

Originally posted 2014-10-09 10:57:56.

SINGHIOZZO 180x180 - SINGHIOZZO

SINGHIOZZO

I è un movimento respiratorio spastico, un “tic” del diaframma che si contrae repentinamente. Il diaframma è il grosso muscolo a forma di cupola che separa la gabbia toracica da quella addominale, e che durante l’inspirazione si contrae abbassandosi (in questo modo la gabbia toracica si dilata e il volume dei polmoni aumenta) e si rilassa, sollevandosi, durante l’espirazione (cosicché le dimensioni della gabbia toracica si riducono e i polmoni si comprimono). Il si associa a una brusca e parziale chiusura della glottide, la porzione della laringe che contiene le corde vocali. Da qui, il caratteristico suono vocale che si ripete in modo ritmico e continuo. In genere il  non ha alcun significato patologico, se non in alcune affezioni neurologiche, polmonari e gastrointestinali.

LE CAUSE
Spesso non si conosce il motivo che scatena il singhiozzo. Possono causarlo facilmente la distensione dello stomaco prodotta dalla rapida o eccessiva ingestione di cibi e liquidi, un repentino abbassamento delle temperatura corporea (per il consumo di una bevanda bollente o gelata), le condizione di forte disagio che ci portano a deglutire ripetutamente e a ingoiare una quantità di aria superiore al normale.

Il singhiozzo non è un disturbo di per se stesso, ma può essere il sintomo di qualcosa di diverso: esistono terapie
per risolvere il singhiozzo, ma la ricerca delle cause è una procedura importante.
Rimedi comuni
Esistono diverse tecniche tramandate a livello popolare per risolvere il singhiozzo, ma ne esistono alcune dimostrate dalla scienza: una si chiama manovra di Valsalva che consiste nel chiudere la gola ed espirare con forza contro questa chiusura. Il riflesso oculocardiaco invece si basa sulla pressione lieve del globo oculare (a palpebra chiusa) per qualche secondo.

I farmaci usati per il singhiozzo sono di solito le benzodiazepine, gli anti-nausea (ondansetron), il metifenidato, gli anticonvulsivi, alcuni antipsicotici, alcuni antidepressivi, i bloccanti dei canali del calcio, la lidocaina, gli antiacidi e il baclofen.
Chirurgia
La chirurgia prevede la distruzione irreversibile del nervo frenico, il principale nervo collegato al diaframma: si tratta di un intervento molto recente da eseguirsi raramente, con effetti collaterali ignoti a lungo termine.

Viene proposto l’approccio al singhiozzo mediante rimedi omeopatici in base all’età e alle condizioni della comparsa di tale sintomo. Il suo persistere richiede una valutazione medica.
Lattanti e bambini
Cuprum metallicum 5CH5 granuli al ritmo della comparsa del singhiozzo. Il rame metallico viene ampiamente utilizzato in omeopatia per tutte le manifestazioni caratterizzate da spasmo della muscolatura sia liscia che striata, come crampi, spasmi e coliche. È il rimedio adatto alle forme di singhiozzo che migliorano bevendo acqua fredda. Nel singhiozzo che compare nel lattante dopo la poppata si consiglia di alternare Cuprum metallicum con Nux vomica.
Nux vomica 9 CH 5 granuli, alternati con il rimedio precedente, quando il singhiozzo è la conseguenza di un pasto abbondante.

Adulti
Hyoscyamus 9 CH5 granuli, alternando i 2 rimedi ogni 2 minuti, fino alla risoluzione del singhiozzo.
Magnesia phosphorica 9 CH 5 granuli, anche ogni 15 minuti, diradando la somministrazione in base al risultato favorevole. 1 granuli possono essere sciolti in poca acqua e somministrati secondo necessità. Il fosfato di magnesio è il rimedio omeopatico degli spasmi e dei dolori crampiformi, migliorati con la pressione forte, piegato in due e con il calore. Il singhiozzo si presenta con inizio e termine bruschi.
Nux vomica 9 CH 5 granuli, alternato con il rimedio precedente, quando il singhiozzo è la conseguenza di un pasto abbondante. Turbe dispeptiche in persone sedentarie con sonnolenza post-prandiale, migliorata da un sonno breve. Il soggetto desidera alcolici, amari, cibi piccanti, condimenti forti, caffè. La noce vomica è adatta a condizioni dominate da ipereccitabilità in persone attive, ma dallo stile di vita sedentario con manifestazioni di tipo spasmodico e difficoltà digestive.
Dopo intervento chirurgico
Hyoscyamus 75 CH 5 granuli, da ripetere in relazione al persistere o al ripetersi del singhiozzo, fino alla sua risoluzione. Il giusquiamo, pianta della famiglia delle Solanacee, è il rimedio elettivo per il singhiozzo che compare dopo un intervento.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

Secondo la Medicina tradizionale cinese questa contrazione involontaria può essere provocata da Freddo di Stomaco. Fuoco ili Stomaco, stasi di Qi di Fegato, deficit di Yang di Milza e Stomaco, deficit di Yin di Stomaco.
Lo scopo della terapia, oltre che sedare la contrazione diaframmatica, è l’armonizzazione degli organi coinvolti e la dispersione degli agenti esterni.
Punti importanti da utilizzare sono:
GE SHU
LIANG MEN
NEI GUAN
ZHONG WAN
ZU SAN LI
XIAN GU

TAI CHONG;
QI HAI;
TAI XI.
Molto efficace è il per il singhiozzo post-operatorio, effettuato nel caso di comparsa dei sintomo nell’immediato
Si consiglia un ciclo di 10 terapie da effettuare anche tutti i giorni
cinese
Formula: JU PI ZHU RU WAN
Pericarpium Citri Reticulatae…………….2 g
Caulis Bamboose……………. 2g
Rizoma Zingiberis Officinalis…………… 1,5 g
Radix Glycyrrhizae Uralensis…………….1 g
Radix Codonopsis Pilosulae…………….0,5 g
Posologia: 2 g al dì sottoforma di capsule o polvere per 20 giorni.

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Privilegiare gli alimenti a elevato apporto di vitamina B6, beta-carotene e vitamina E, come carne di pollo, tacchino e coniglio, fagioli, banane, formaggi freschi biologici (in particolare, ricotta, crescenza, fiocchi di latte), uova, cereali integrali biologici, ortaggi a foglia verde (soprattutto lattuga, cavolo, spinaci, bietole, prezzemolo, basilico), zucca gialla, carote, peperoni, pomodori, melone, albicocche, pesche gialle, fragole, ciliegie, frutti di bosco, papaia, mango e avocado, olio extravergine d’oliva e di girasole (spremuti a freddo e consumati preferibilmente a crudo).
Incrementare il consumo dei cibi ricchi di zinco, come le carni di agnello, maiale, manzo e tacchino, l’aringa, il tuorlo dell’uovo, i semi di sesamo e di girasole, i cereali integrali e i prodotti a base di farine integrali macinate a pietra, lo sciroppo d’acero, la soia e i suoi derivati.
Integrare la dieta abituale con buone fonti di triptofano, come fesa, di tacchino alla piastra, pesce cotto al vapore o in forno, latticini “magri.
Alimenti da evitare Salumi, insaccati, formaggi, burro, panna, spezie, zucchero (saccarosio) e alimenti che lo contengono, bibite, bevande gasate, caffè, tè, alcolici e tutti i prodotti a base di farine raffinate e/o di grassi idrogenati. Eliminare le carni provenienti da animali da allevamento e alimentati con mangimi industriali e i vegetali coltivati con i metodi tradizionali.

Integrazione alimentare
Vitamina B3 15-20 mg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Triptofano (si trasforma in serotonina) 260 mg al giorno;
Vitamina C (necessaria per la trasformazione del triptofano in serotonina): 200 mg al giorno;
Potassio aumentare l’apporto di legumi secchi, cioccolato fondente (80% di cacao), noci, nocciole, mandorle, pinoli, pistacchi, salsa e polpa di pomodoro, farina di soia biologica;
Calcio 800-1000 mg in un’unica somministrazione al mattino prima di colazione;
Olio di pesce 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
Colina 400 mg al giorno.

FITOTERAPIA

Nei casi in cui il sintomo è associato a disturbi digestivi (epatici e/o gastrici) può essere utilizzato il Taraxacum officinalis (Tarassaco), sotto forma di estratto fluido nella dose di 20-25 gocce, diluite in un bicchiere di spremuta di pompelmo rosa, oppure d’arancia, due/tre volte al giorno, poco prima dei pasti principali. È consigliabile non somministrare nei pazienti affetti da gastrite, peptica, litiasi biliare.
Nei casi in cui il disturbo è correlato alle neurotonie può essere assunta la Melissa officinalis (Melissa), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 15 gocce, tre volte al giorno, diluite in 100 mi di acqua minerale naturale, oppure di succo puro di mirtillo. È controindicata nelPipotiroidismo.
Se il manifesta ansia e irritabilità, quali sintomi collaterali, può essere utilizzata la Valeriana officinalis (Valeriana), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, due volte al giorno, diluite in poca acqua minerale naturale, prima dei pasti. Non superare le dosi indicate, in quanto dosaggi elevati e protratti per lunghi periodi possono facilitare l’insorgenza di cefalea, nausea, agitazione e gastrite.
Se il paziente lamenta nella zona epigastrica, si può assumere l’Artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens), sotto forma di compresse gastroresistenti, nella dose di 1 cps ( 1,5 g), tre volte al giorno, dopo i pasti.
Nelle crisi intense e prolungate, assumere 2 compresse, con un bicchiere di acqua minerale naturale a elevato apporto di calcio e magnesio.

Originally posted 2014-10-09 14:48:59.