Articoli

OVAIO POLICISTICO 160x180 - OVAIO POLICISTICO

OVAIO POLICISTICO

La “micropolicistosi ovarica” – o sindrome dell’ – è una condizione caratterizzata da un malfunzionamento dell’ovaio: nel suo spessore si formano tante piccole cisti, piccole cavità ripiene di liquido (i follicoli ovarici che hanno una maturazione difficile). Il ciclo mestruale diventa irregolare (possono trascorrere anche molte settimane senza che si presenti una mestruazione), l’ovulazione può mancare causando infertilità, mentre aumenta la produzione di ormoni maschili (si parla di “iperandrogenismo”), che finiscono per agire negativamente sulla cute: da qui l’acne e l’aumento di peli (che, nelle sedi tipicamente femminili, causa l’ipertricosi, mentre, nei casi più severi, quando i peli compaiono in sedi maschili – sul mento, sopra il labbro superiore, sugli avambracci, nelle parte inferiore delle gambe e sull’addome – si parla di irsutismo). È un disturbo che ha radici genetiche (le parenti di primo grado delle donne affette da tale disagio hanno una probabilità del 51% di sviluppare il disturbo). Le pazienti sono spesso in sovrappeso o francamente obese. Il mezzo per confermare il sospetto della micropolicistosi ovarica è l’ecografia pelvica: la maggior parte delle donne affette da sindrome dell’ presenta un volume aumentato dell’ovaio e la presenza, negli strati superficiali, di almeno 10 follicoli con diametro di 2-9 millimetri. La micropolicistosi ovarica non è semplicemente un disagio ginecologico, ma un disturbo capace di ripercuotersi sulla salute complessiva e a lungo termine: le pazienci, infatti, mostrano una maggiore probabilità, rispetto alle altre, di sviluppare nel tempo problemi cardiovascolari, con alterazioni dei lipidi nel sangue (per esempio, eccesso di colesterolo), ipertensione e aterosclerosi.

DA SAPERE
• Attualmente si ritiene che un fattore cruciale nel determinare la micropolicistosi ovarica sia l’eccesso di insulina (“iperinsulinemia”): quest’ormone fabbricato dal pancreas provoca un aumento della produzione da parte dell’ipofisi di un ormone, l’LH, che stimola l’ovaio a produrre ormoni maschili; inoltre agisce aumentando il testosterone libero, la frazione dell’ormone biodisponibile per i tessuti.
• I padre o i fratelli delle pazienti mostrano spesso una calvizie precoce: ciò viene considerato il segno maschile della predisposizione genetica alla micropolicistosi nelle donne di famiglia.

Il trattamento include la perdita di peso se è presente sovrappeso: il diabete di tipo II spesso è concomitante con l’ovaio policistico e andrebbe curato.
Dieta ed esercizio fisico
Assumere un’alimentazione con molte fibre e pochi grassi animali. È molto importante fare almeno 20 minuti di esercizio aerobico al giorno.
Soppressione ormonale
Contraccettivi orali possono essere usati per ridurre la concentrazione di androgeni (ormoni maschili), spesso elevati in caso di ovaio policistico.
Lo spironolattone è un antagonista del recettore per gli androgeni che può essere aggiunto alla pillola anticoncezionale. Anche gli steroidi possono sopprimere gli androgeni. Il flutamide è un altro farmaco con analogo effetto.
Per aumentare la fertilità
La metformina, un antidiabetico orale, può essere usata per aumentare la fertilità: lo stesso dicasi per il clomifene. Un intervento chirurgico di resezione ovarica, che rimuove parte del tessuto ovarico, è un’opzione utile perché riduce la quantità di ormone prodotto qualora tutte le altre procedure non chirurgiche abbiano fallito nell’aumentare la fertilità.

La presenza di un ovaio policistico richiede la valutazione clinico-strumentale periodica ed il consiglio del medico specialista ginecologo. L’omeopatia può completare l’approccio convenzionale.
Ribes Nigrum Macerato glicerico 1 DH, 50 gocce, una volta al dì, al mattino al risveglio, per cicli di tre mesi di trattamento. Il
gemmoterapico è ottenuto dalle gemme di ribes nero, pianta della famiglia delle Saxifragacee. II ribes nero raggiunge la fama di “panacea universale” in un trattato di P. Bailly da Montaran (1712). Riacquistò notorietà all’inizio del XX secolo, fino a divenire la ‘perla della gemmoterapici per la sua attività antinfiammatoria, antiallergica e sinergizzante favorevole nei confronti degli altri gemmoterapici cui viene spesso associato e di cui ottimizza l’attività.

Rubus idaeus Macerato glicerico 1 DH, 50 gocce, una volta al dì, alla sera prima r’Poso notturno, per cicli di tre mesi. Si tratta del gemnioterapico ottenuto a partire dai giovani germogli di lampone, arbusto appartenente alla famiglia delle Rosacee con rizoma strisciante, ramificato e numerosi fusti eretti biennali. In Inghilterra la medicina popolare consigliava l’infuso di foglie nel mestruo doloroso e per ridurre le doglie del parto. In gemmoterapia si utilizza per i disturbi ormonali femminili, in quanto regolarizza Fattività ormonale dell’asse ipofisi-ovaio. Ha dunque proprietà riequilibrante endocrina e spasmolitica a livello uterino. Per tali ragioni Rubus idaeus viene utilizzato in numerose condizioni che comprendono il mestruo doloroso, le alterazioni del ciclo mestruale, la sindrome premestruale, le cisti ovariche ed il fibroma uterino.
Si consiglia di associare il gemmoterapico Ribes Nigrum.
Thuya 9 CH 5 granuli, una volta al dì, per un mese e passando ad un tubo dose alla settimana, per alcuni mesi. In omeopatia tuia viene utilizzata in numerose affezioni urogenitali recidivanti, come infezioni croniche, leucorrea, polipi, fibromi, cisti ovariche, ovariti sclerocistiche.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

La Medicina tradizionale cinese tratta questo tipo di disturbo esclusivamente se le cisti sono di natura liquida, favorendone così il riassorbimento.
Punti importanti per la terapia possono essere:
GUAN YUAN;
ZHONG JI;
TAI YUAN;
QU QUAN;
YIN GU;
Y1N LING QUAN;
Sono associabili i punti del Sistema Auricolare di Ovaio e SHEN.
Si consiglia un ciclo terapeutico di 10 applicazioni da effettuare almeno 2 volte alla settimana.
cinese
Formula: SHENG HUA WAN
Radix Angelicae Sinensis………………25 g
Rhizoma Ligustici ChuanXiong………….9 g

Semen Persicae………………………6 g
Rizoma Zingiberis Offìcinalis……………2 g
Radix Glycyrrhizae Uralensis……………2 g
Posologia: 3 g al dì sottoforma di capsule o polvere per 30 giorni


Consigli dietetici
Alimenti consigliati Seguire un regime dietetico vegetariano, privilegiando cereali integrali in chicchi e legumi (sempre associati, nello stesso pasto), prodotti da forno a base di farine integrali macinate a pietra e a lievitazione naturale, soia e derivati, frutta e verdura fresche e di stagione e piccole quantità di latte e latticini “magri” pesce pescato in mare e carne magra biologica.
Incrementare l’assunzione di acido folico (o vitamina B9), sotto forma di legumi, orzo, riso, arance, pomodori, asparagi, finocchi, spinaci, lattuga, indivia, prezzemolo, cavoli, cavolini di Bruxelles, germe di grano, soia e derivati (privilegiare le cotture al vapore e al cartoccio per diminuire le perdite).
Integrare la dieta abituale con buone fonti di rame e zinco, come avocado, uva essiccata, arachidi, nocciole, cacao, miele, funghi, ortaggi a foglia verde, germe di grano, lievito di birra, noci, tacchino, fegato, carne, tuorlo d’uovo, pesce, molluschi, latte e derivati, noci, cereali integrali, legumi, verdure, semi di sesamo e di girasole, lecitina di soia, sciroppo d’acero e zucchero di canna grezzo.
Alimenti da evitare Eliminare i cibi a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, gli alcolici (escluso il vino rosso: 1 bicchiere al giorno per gli uomini, mezzo bicchiere per le donne), i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans.
Limitare e/o evitare gli alimenti ricchi di acidi grassi saturi (burro, panna, formaggi, salumi, insaccati, carne bovina) e il caffè (soprattutto se preparato con la moka).
Integrazione alimentare
Vitamina E 10 mg al giorno;
Cromo 230-240 mcg al giorno;
Molibdeno 50 mcg al giorno;

Selenio 80 mcg al giorno;
Triptofano 260 mg al giorno;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Colina 400 mg al giorno;
Olio di pesce (con almeno il 60% di EPA e DHA nel rapporto 40 a
20): 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
Licopene 22 mg/die (250 mi di salsa di pomodoro in scatola ne con-
tiene 37 mg);
Inositolo 1 g al giorno.

FITOTERAPIA

Per tenere sotto controllo il disturbo può essere utilizzato l’estratto liposterolico delle bacche di Serenoa repens (Palma nana)y nella dose di 160 mg (di estratto liposterolico), due volte al giorno, la mattina circa 30 minuti prima di colazione e la sera, 60-90 minuti dopo il pasto, con 100 mi di acqua oligominerale. In alternativa possono essere utilizzate le bacche crude, nella dose di 10 grammi, due volte al giorno, lontano dai pasti. È preferibile assumerle con succo puro di mirtillo, o centrifugato di carota, diluito con acqua minerale naturale a elevato apporto di magnesio.
Se è associata l’obesità o il sovrappeso, può essere somministrato il Fucus Vesiculosus (o Alga bruna, o Quercia marina), sotto forma di estratto fluido nella dose di 10-20 gocce diluite in poca acqua minerale naturale, due al giorno, lontano dai pasti, privilegiando la mattina a digiuno (appena svegli e alle ore 11.00). È controindicato nell’ipertiroidismo e negli adolescenti al di sotto dei 18 anni.
Nei casi in cui si manifesta la depressione può essere utilizzato l’Hypericum perforatum, sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, tre volte al giorno lontano dai pasti, tenere sotto controllo i sintomi può essere utilizzato l’estratto fluido di Amamelide (Hamamelis virginiana), nella dose di 15-20 gocce, fluite in poca acqua minerale naturale, tre volte al giorno, prima dei Pasti.
Grazie alla presenza dei flavonoidi l’estratto fluido di Liquirizia (Glycyrrhizaglabra), nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua minerale naturale, due volte al giorno, dopo i pasti, può essere utilizzato per alleviare gli spasmi della muscolatura addominale in corrispondenza dell’ovaio interessato. È controindicato nei pazienti affetti da diabete mellito, ipertensione arteriosa, tachicardia, sindrome premestruale, di, sturbi epato-biliari e renali. È importante tenere presente che vi possono essere interazioni con i farmaci diuretici e con la digitale. È consigliabile non superare le dosi indicate al fine di evitare l’insorgenza di diarrea acuta.

Originally posted 2014-10-13 09:18:46.