Articoli

Rughe 180x180 - Rughe

Rughe

Una ruga è un solco lineare permanente della pelle, di profondità variabile. Si chiamano d’espressione, quelle causate al volto dalla trazione ripetitiva esercitata dai muscoli della faccia; affiorano già all’età di 30 anni e progressivamente diventano più profonde. Le si manifestano poi con l’invecchiamento cronologico, dovuto ai fattori genetici, ai processi metabolici e alle modificazioni ormonali che si verificano col passar del tempo, e che determinano una progressiva atrofia del derma, dell’ipoderma e delle strutture di sostegno (su cui va ad agire il continuo logorio della forza di gravità).
L’invecchiamento estrinseco o ambientale è invece determinato prevalentemente dall’esposizione alle radiazioni solari, che producono uno “stress ossidativo cronico” per l’azione dei famigerati “radicali liberi”, molecole altamente reattive (si parla di fotoinvecchiamento). Dunque, fattori intrinseci ed estrinseci agiscono sulla pelle: ovvero, sulla predisposizione costituzionale vanno ad agire gli elementi dell’ambiente esterno (come le radiazioni ultraviolette e gli stress atmosferici) nonché le caratteristiche dello stile di vita (regime alimentare, consumo di alcol, tabagismo, stress e farmaci). I segni del fotoinvecchiamento sono numerosi: formazione di rughe, alterazioni della pigmentazione, fragilità cutanea, ispessimento della pelle, teleangectasie (le minute dilatazioni che interessano la rete dei vasi sanguigni cutanei). Questi effetti cronici derivano dall’accumulo dei danni causati dalle esposizioni prolungate al sole e/o alle fonti artificiali di raggi ultravioletti, e risultano tanto più precoci e marcati quanto più la pelle è chiara o non adeguatamente protetta.

IL RUOLO DEL FUMO
La nicotina e gli altri fattori tossici contenuti nei prodotti della combustione del tabacco agiscono sulla salute della superficie cutanea in maniera complessa: riducono l’ossigenazione della pelle (perché producono un danno a carico dei vasi sanguigni), causando il colore “grigiastro” tipico dei forti fumatori; compromettono la produzione di collagene ed elastina da parte dei fibroblasti, riducendo quindi il turgore e l’elasticità della cute stessa; incrementano, infine, la vilnerabilità ai danni da raggi ultravioletti.

Creme
La crema va scelta in funzione di età, sesso, stagione e problema da correggere. È necessario adattarsi ai cambiamenti dei diversi perìodi della vita e alle conseguenti variazioni ormonali e fisiologiche. La progressiva diminuzione di acqua nei tessuti è uno dei fattori che determinano le rughe: la crema deve essere idratante, stimolare la formazione di nuovo collagene ed elastina e mantenere efficiente la microcircolazione. Va applicata più volte al giorno, ogni volta che si sente la pelle secca o la si vede opaca.
Terapie iter inopi astiche
I trattamenti sono di due tipi: quelli superficiali interessano solo l’epidermide, quelli profondi agiscono sul derma. Agendo sulla superficie della pelle si migliora la compattezza, si correggono le microrughe, si eliminano le macchie scure. Le metodiche che agiscono in profondità migliorano la struttura della pelle, aumentandone turgore ed elasticità, correggono le rughe marcate e le depressioni ai lati del naso, della bocca e del mento.
Terapie superficiali
Con il passare degli anni il ricambio delle cellule rallenta, e le cellule morte rendono la pelle ruvida e di un colore poco uniforme, i peeling sono quindi la soluzione ideale, anche per attenuare le cicatrici e possono essere chimici o laser.
Terapie profonde
I trattamenti che agiscono sul derma migliorano la struttura e restituiscono spessore agli assottigliamenti che caratterizzano le rughe. La sostanza più efficace è l’acido ialuronico usato a diverse concentrazioni a seconda del problema da risolvere.
Chirurgia
La chirurgia estetica può garantire ottimi risultati, ma ogni intervento va discusso con lo specialista.

Alcuni preparati omeopatici permettono di svolgere un’azione preventiva nei confronti delle manifestazioni dell’invecchiamento a livello cutaneo. In particolare si consiglia di utilizzare Sulfur e Thuya in associazione per cicli di due mesi, nei cambi stagionali.

Alumina 5 CH 5 granuli, 2 volte al dì. L’ossido di alluminio viene impiegato in omeopatia per la secchezza estrema della pelle, dei capelli e delle mucose. Caratteristica è la sensazione di secchezza generale delle mucose. La pelle è secca, rugosa, screpolata.
Arsenicum iodatum 9 CH 5 granuli, una volta al dì. Lo ioduro d’arsenico è il rimedio omeopatico dei giovani magri inclini alle infezioni respiratorie recidivanti, delle dermopatie squamose croniche. Segni caratteristici comprendono: debolezza estrema e dimagramento nonostante l’appetito conservato, la cute secca, pruriginosa con squame e lesioni da grattamento, i capelli secchi.
Cedrus libani M.G. 1DH 30-50 gocce, 1 -2 volte al dì, in un po’ d’acqua, un quarto d’ora prima del pasto. Si tratta propriamente di un gemmoderivato ottenuto dai giovani getti del cedro del Libano che si utilizza nelle affezioni dermatologiche con prurito e cute secca.
Radium bromatum 15 CH 5 granuli, una volta al dì. 11 bromuro di radio è adatto ai soggetti anziani con pelle secca, atrofica, pruriginosa.
È indicato anche per il di radiodermiti e di sclerodermia.
Sulfur 30 CH un tubo dose, una volta alla settimana. I fiori di zolfo svolgono una profonda azione drenante, utile per allontanare le scorie del metabolismo che tendono ad accumularsi nell’organismo.
Thuya occidentalis 15 o 30 CH un tubo dose, una volta alla settimana.
Il preparato omeopatico ottenuto dai ramoscelli di tuia, noto anche come ‘albero della vita’, viene utilizzato per numerose condizioni croniche cutanee o mucose. È considerato uno dei rimedi più indicati per i segni dell’invecchiamento cutaneo. Nel trattamento della secchezza della pelle solitamente se ne consiglia la somministrazione in associazione con Sulfur.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

È possibile l’uso di aghi molto sottili interposti nel solco creato dalla ruga con lo scopo di tonificare il tessuto sottostante facendo cosi “riempire” la ruga stessa.
La terapia prevede un ciclo di 10 applicazioni da effettuare almeno 3 volte alla settimana.
cinese
Formula: ZHEN ZHU WAN
Margaritifera……………………….1 g
Posologia: 1 g al dì sotto forma di capsule o polvere per 30 giorni.

Consigli dietetici
Alimenti consigliati Aumentare l’apporto quotidiano di liquidi, sotto forma di acqua minerale naturale, succhi di frutta, centrifugati di verdure fresche, frullati a base di frutta e/o verdura con latte fermentato, yogurt intero naturale biologico, kefir, o latte d’avena, o di riso addizionato con calcio.
Incrementare il consumo di alimenti ricchi di acidi grassi omega-6 e omega-3, come gli oli di semi spremuti a freddo (soprattutto di noci e di lino) e il pesce, in particolare salmone selvaggio, aringhe, merluzzo, sardine, acciughe, sgombro.
Dare la preferenza ai prodotti biologici, ai frutti di bosco, agli ortaggi verde scuri, arancione e giallo, al pesce pescato in mare (in particolare al salmone selvatico), al latte (e derivati), alle uova e alle carni provenienti da animali allevati all’aperto, non sottopoti a terapie ormonali e/o antibiotiche e alimentati con mangimi biologici.
Alimenti da evitare Eliminare gli alimenti a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e le preparazioni che lo contengono, la caffeina, i prodotti dei fast-food, gli alcolici (a eccezione del vino rosso di produzione artigianale – un bicchiere al giorno per gli uomini, mezzo bicchiere al giorno per le donne), i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans.

Limitare gli alimenti a elevato contenuto di sale, come le fritture, i salumi, i formaggi (soprattutto quelli stagionati), i cornflakes, il pesce azzurro, il tonno in salamoia e tutti i prodotti in scatola (leggere le etichette).
Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno;
Acido folico (o vitamina B9) 200 mcg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Rame 2 mg al giorno;
Selenio 80 mcg al giorno;
Zinco 20-25 mg al giorno in un’unica somministrazione al mattino
Prima di colazione;
Olio di pesce (con almeno il 60% di EPA e DHA nel rapporto 40 a 20): 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg;
Germe di grano (non somministrare in caso di allergia o intolleranza al frumento): 1-3 cucchiaini a colazione nel latte o nello yogurt;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Licopene 22 mg al giorno (250 mi di salsa di pomodoro in scatola ne contiene 37 mg);
PABA (acidopara-aminobenzoico) 50 mg al giorno.

FITOTERAPIA

Prima del riposo notturno e dopo la pulizia del viso, usare una miscela composta da crema alla Calendula ( 1 cucchiaino) e olio essenziale d’Arancio (6 gocce), cercando di massaggiare bene le zone cutanee più danneggiate dalle rughe, evitando il contatto con gli occhi. In caso di pelle secca e disidratata applicare una maschera a base di polpa d’Arancia tritata e fiori di Malva (nel rapporto 2 a 1; frullare, unire 1-2 cucchiaini di olio di Enotera mescolare e stendere sul viso). Dopo circa 20 minuti di posa,
sciacquare con acqua tiepida e applicare una crema al burro di karaté, o massaggiare la cute per almeno 5 minuti con olio di mandorle dolci. Non utilizzare questa preparazione prima dell’esposizione solare.
Per il suo contenuto di aminoacidi (come tiroxina, alanina, valina, triptofano, fenilalanina ecc.), sali minerali (quali ferro, sodio, potassio, calcio, magnesio, rame, cobalto, molibdeno ecc.), vitamine (del gruppo B, beta-carotene, C, D, E), isoflavoni, enzimi digestivi, clorofilla, lipidi e glucidi, è consigliabile assumere l’estratto fluido di Medicaio sativa (Alfalfa), nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua oligominerale, due volte al giorno, lontano dai pasti. Il trattamento può essere assunto per tre mesi ed eventualmente effettuato a cicli con un periodo di circa 15-20 giorni di sospensione. Nei casi in cui le rughe si presentano particolarmente estese e profonde, può essere utile associare YAvena sativa (parte aerea e cariossidi germinati/semi), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, tre volte al giorno, lontano dai pasti.
Per migliorare la circolazione a livello dei tessuti sottocutanei e di conseguenza l’ossigenazione della cute, può essere somministrato l’estratto fluido di Ippocastano nella dose dì 20 gocce, diluite in 200 mi di succo puro di mirtillo, oppure di centrifugato di carota, due volte al giorno, preferibilmente la mattina a digiuno (circa 20 minuti prima della cola- zione) e la sera poco prima del riposo notturno.

Originally posted 2014-10-10 10:18:18.