Articoli

Idrosadenite 180x180 - Idrosadenite

Idrosadenite

Qualunque tumefazione nella regione mammaria o in quella ascellare genera immediatamente ansia e preoccupazione. E proprio l’ è una delle affezioni che più spesso viene equivocata da chi ne è affetto. È una dermatite, chiamata anche “ascesso sudorale dell’adulto”. Causata, nella stragrande maggioranza dei casi, dallo Stophylococcus oureus, l’infezione colpisce le ghiandole sudoripare localizzate in corrispondenza dell’ascella, dell’areola mammaria, dell’area perineale e pubica. Il disturbo si manifesta inizialmente con la comparsa di uno o più noduli rotondeggianti, sottocutanei, di pochi millimetri di diametro. Risultano piuttosto dolenti e ricoperti da un’area di pelle normale oppure arrossata. Tali formazioni nodulari possono in seguito riassorbirsi in maniera del tutto spontanea, o, al contrario, aumentare di dimensioni: allora finiscono per manifestarsi in superficie ed evolvere in un ascesso (nel qual caso la cute si assottiglia e infine si ulcera, con la fuoriuscita di materiale purulento). Non è infrequente che il disturbo diventi cronico per la diffusione del processo infettivo ad altre ghiandole. Inoltre, sono possibili le ricadute.


È un’infezione suppurativa causata dallo stafilococco aureo che si manifesta inizialmente con un nodulo sottocutaneo duro, doloroso, ricoperto da pelle normale o arrossata: questa formazione tende a formare pus e coinvolgere la pelle, aprendosi poi all’esterno con emissione di pus denso. Si può avere la formazione di piastroni per confluenza di noduli vicini. Il decorso della malattia è lento, con possibilità di recidive, anche per la presenza di fattori favorenti: fenomeni macerativi e uso di deodoranti.

Terapia topica e
La terapia si basa su un’accurata pulizia con preparazioni antisettiche. In presenza di numerose lesioni, gli saranno usati per via generale a dosaggio pieno e per un congruo periodo di tempo. Nelle forme croniche è opportuno far guidare la terapia dall’antibiogramma. È utile evitare una eccessiva sudorazione, con indumenti leggeri che permettano la normale traspirazione.


Il omeopatico iniziato nella prima fase infiammatoria delFidrosadenite ascellare ne può facilitare il riassorbimento, mentre nella fase successiva accelera l’evoluzione fino alla maturazione completa e all’incisione chirurgica. I medicinali omeopatici specifici dell’idrosadenite sono costituiti da Juglans regia, Juglans cinerea e Rana bufo. È bene ricordare la regola posologica generale in base alla quale le basse diluizioni omeopatiche (5 CH) accelerano il processo suppurativo, le alte (15 – 30 CH) la frenano, mentre le medie (7 – 9 CH) sono ambivalenti.

Inizio
Belladonna 7 CH 5 granuli ogni 2 ore, se è presente tumefazione calda, arrossata con pulsante.
Ferrum phosphoricum e Pyrogenium 7 CH 5 granuli alternati ogni 2 ore.

Suppurazione acuta
Rana bufo 5 CH 5 granuli ogni 3-4 ore. È il preparato ottenuto dalle ghiandole parotidi del rospo da usare in caso di linfangite con strie di arrossamento lungo il braccio.
Heparsulfur È il medicinale specifico delle suppurazioni acute. Si consiglia la diluizione 5 CH ogni 2 ore, per favorire la suppurazione o la diluizione 30 CH ogni 2 ore, per frenare l’evoluzione del processo suppurativo.
Juglans regia 5 CH 5 granuli 3 volte al dì. Il preparato omeopatico ottenuto dal noce è specifico per il trattamento dell’idrosadenite suppurata o con tendenza alla suppurazione.
Mercurius solubilis Suppurazioni localizzate al cavo orale. Si consiglia la diluizione 5 CH ogni 2 ore, quando l’ascesso è già formato per favorire la suppurazione oppure 30 CH ogni 2 ore, per frenare la suppurazione.
Pyrogenium 7 CH 5 granuli, 3 volte al dì.

Suppurazione recidivante
Juglans cinerea 5 CH 5 granuli, da una a tre volte al dì. Il preparato ottenuto dal noce americano è adatto sia al trattamento dell’idrosadenite acuta sia delle forme recidivanti.
Lachesis 9 CH 5 granuli, 4 volte al dì, se il processo suppurativo è bloccato e si associa a dolore acuto.
Silicea 15 o 30 CH 5 granuli, una volta al dì o una monodose una volta alla settimana, in presenza di suppurazione recidivante associata a immunodepressione.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Secondo la Medicina tradizionale cinese questo disturbo è provocato da un deficit di drenaggio a livello delle ghiandole sudoripare dovuto a un deficit funzionale del Fegato e da un’alterazione a carico della cute, il cui organo responsabile è il Polmone.

Agopuntura
Lo scopo della terapia è di riequilibrare la funzionalità del Fegato e del
Polmone e punti importanti sono:
CHENG JIANG (ricettacolo della saliva, localizzato nella depressione al centro del solco mento-labiale) che tonifica e regola il Fegato sottomettendo il Vento;
CHI ZE (palude del piede, localizzato sulla piega cubitale, sul lato radiale del tendine del muscolo bicipite) che stabilizza il Qi del Polmone della Milza, favorisce la discesa del Qi del Polmone, tonifica lo Yin olmonare e stabilizza lo Yin renale;
HE GU (fondo della valle, localizzato sul lato radiale dell’indice, all’altezza del punto medio del II metacarpo) che stimola la funzione di diffusione dei polmoni e tonifica il Qi;
TAl XI (ruscello maggiore, localizzato fra l’apice del malleolo interno e il tendine di Achille, nel punto in cui si sente pulsare l’arteria tibiale posteriore) che tonifica e regola il Qi renale ed epatico e purifica il Calore;
QU QUAN (sorgente tortuosa, localizzato all’estremità mediale della piega di flessione del ginocchio) che tonifica e regola il Qi epatico, espelle il
Vento, regola il Sangue, rinforza muscoli e tendini e tonifica lo Yin epatico.
Si consiglia un ciclo di 10 applicazioni da eseguire 2 volte alla settimana.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

Alimenti consigliati Privilegiare i cibi a elevato apporto di antiossidanti, come le patate americane, le albicocche, il melone, i frutti di bosco, le bacche della rosa canina, il succo di carota, gli agrumi, l’uva, le ciliegie, i limoni, le albicocche, il grano saraceno in chicchi, in fiocchi e in farina, gli spinaci, le crocifere.
Integrare la dieta abituale con i cibi ricchi di acidi grassi omega-6 e omega-3, come l’olio di noci e di lino e il pesce, in particolare salmone selvaggio, aringhe, merluzzo, sardine, acciughe, sgombro.
Aumentare l’assunzione di PABA, privilegiando le uova, il fegato, il germe di grano, il lievito di birra.
Aumentare l’apporto quotidiano di liquidi, sotto forma di acqua minerale naturale (utilizzarla anche per cucinare), succhi di frutta, centrifugati di frutta e/o verdura diluiti con acqua.
Alimenti da evitare Evitare i prodotti a base di farine raffinate, il cioccolato, le bevande alcoliche, le carni provenienti da animali da allevamento e alimentati con mangimi industriali, i prodotti contenenti acidi grassi trans, gli alimenti addizionati con additivi, il caffè e il tè nero.
Limitare l’apporto di zucchero (saccarosio) e dei cibi che lo contengono (come i dolciumi, le bibite, i gelati).

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno;
C 200 mg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Selenio 80 mcg al giorno;
Zinco 20-25 mg al giorno;
Olio di pesce 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
PABA (acidopara-aminobenzoico) 50 mg al giorno;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Germe di grano 1-3 cucchiaini al giorno.


Se il fattore scatenante è rappresentato da un’infezione virale, può essere somministrato l’estratto secco di Andrographispanicolata (estratto dalle foglie e dalla parte aerea), nella dose di 6 g al giorno in un’unica somministrazione la mattina a digiuno, circa 30 minuti prima di colazione. Si consiglia di proseguire la terapia fino alla scomparsa dei sintomi. È controindicata in gravidanza. È importante non superare le dosi consigliate, per evitare lo sviluppo di disturbi gastrici, come nausea e vomito.
In caso di frequenti recidive, può essere somministrato il Ribes Nigrum 1
DH Gemme, nella dose di 50 gocce, in un’unica somministrazione, la mattina a digiuno, circa 20 minuti prima di colazione. Grazie alla sua azione “cortisone-simile”, aiuta a combattere l’infiammazione a carico della ghiandola sudoripara interessata.
In presenza di un’infezione batterica, oppure a scopo preventivo, può essere utilizzata YEchinacea angusti/olia (Echinacea), sotto forma di estratto secco, nella dose di 200 mg per tre volte al giorno, dopo i pasti (dimezzare la dose negli individui al di sotto dei 14 anni d’età). È consigliabile effettuare il trattamento per almeno sei giorni e/o fino al miglioramento del quadro clinico. Se necessario, ripetere il trattamento dopo 15 giorni dalla sospensione del prodotto. È controindicata nei pazienti affetti da asma, leucemia, patologie autoimmuni, HIV, diabete mellito e in gravidanza.
Per potenziare le difese immunitarie, grazie alla presenza di flavonoidi, sali minerali e vitamine, può essere somministrata YAvena sativa (parte aerea e cariossidi germinati/semi), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, tre volte al giorno, lontano dai pasti.

Originally posted 2014-10-15 09:35:49.

Crosta lattea 180x180 - Crosta lattea

Crosta lattea

Si chiama così una dermatiteseborroico, disturbo assai comune nei lattanti. È dovuto a una esuberante secrezione di sebo, la sostanza oleosa emessa da specifiche ghiandole della pelle. A dispetto di quell’aggettivo, “lattea”, il disagio non è collegato all’allattamento materno o artificiale: l’etichetta sottolinea semplicemente il fatto che il bambino è ancora nutrito unicamente con il latte. Può manifestarsi fin dalle prime settimane di vita, e di norma guarisce alla fine del terzo mese. È un’eruzione caratterizzata dalla presenza di squame, giallastre e untuose, che prediligono in particolare il cuoio capelluto, ma può interessare anche le sopracciglia, le guance, le aree cutanee attorno al naso e quelle situate dietro i padiglioni auricolari. Un’altra sede, nel lattante, è pure la regione inguino-anale (in ciò contribuisce evidentemente l’irritazione da urine e feci alla quale può andare incontro il neonato nei suoi primi mesi). In genere, il disturbo si limita a poche lesioni
squamose sul cuoio capelluto; talora le croste abbracciano più sedi e possono coesistere arrossamenti ed essudazioni. Sebbene le squame della siano saldamente attaccate alla cute, esse non provocano alcun particolare fastidio al bambino (né prurito né irritabilità). Dunque, benché sia grande fonte di ansia per i genitori, è soltanto un’alterazione del profilo estetico del bimbo, assolutamente innocua. La non dipende dalle condizioni igieniche del lattante e non si tratta neppure di una malattia infettiva. Scompare senza lasciare traccia e senza minimamente interferire con la crescita dei capelli.


Il termine medico per la crosta lattea è dermatite seborroica: la causa precisa è ignota. È spesso presente il pityriosporum ovale> un lievito che cresce sulla pelle. La crosta lattea può avere una maggiore incidenza in alcune famiglie, ed è favorita dai climi freddi e secchi. Talvolta la presenza di crosta lattea è legata a deficit di zinco, di B, o a malattie che diminuiscono il numero delle cellule deputate a combattere le infezioni.

Shampoo
Di solito la guarigione avviene spontaneamente in un tempo da uno a otto mesi: viene facilitata con alcuni accorgimenti utili a eliminare le squame presenti e prevenire la formazione di nuove. Lavare la testa ogni due giorni con sostanze oleose per non irritare la cute già delicata. Sul cuoio capelluto passare del cotone imbevuto di olio di oliva o mandorle dolci o vaselina, oppure di emollienti specifici per la crosta lattea in vendita in farmacia che fluidificano il sebo e, ammorbidendo le croste, ne facilitano il distacco. A causa della localizzazione sullo scalpo e la persistenza dell’apertura della fontanella cranica, queste operazioni vanno eseguite con cautela, evitando pressioni indebite e soprattutto l’uso delle unghie per sollevare le croste ancora dure. Per rimuovere le croste è consigliabile, una volta applicato l’olio, passare delicatamente un pettinino a denti fitti tamponando poi con un panno. Infine tamponare con olio di borragine, utile per riequilibrare la produzione da parte delle ghiandole sebacee.

Shampoo medicato o crema
Se la situazione non si risolve si può scegliere uno shampoo (o una crema) con ketoconazolo. Prestare attenzione alla crema, che contiene solfiti e può provocare reazioni allergiche anche gravi. Evitare il contatto con gli occhi. In casi molto gravi può essere consigliato anche il ricorso a pomate o creme cortisoniche che devono essere, però, prescritte dal pediatra.


Per questa forma di eczema seborroico comune nel lattante, che interessa il cuoio capelluto, la zona intorno al naso e la regione frontale, l’omeopatia propone un approccio efficace e rapido, basato sulla somministrazione di rimedi costituzionali ad azione profonda.
Calcarea carbonica ostrearum (calcare d’ostrica) Carbonato di calcio e sali, ottenuti dallo strato medio del guscio d’ostrica. È il rimedio guida della costituzione carbonica caratterizzata da freddolosità, pallone lentezza, linfatismo, tendenza al sovrappeso (turbe della crescita: ritardo di dentizione, linguaggio, deambulazione; tendenza al linfatismo con ipertrofia di tonsille e adenoidi; manifestazioni catarrali recidivanti delle prime vie aeree; dermopatie: eritema gluteo, eczema di cuoio capelluto e viso).
Graphites 15 CH 5 granuli, inizialmente una volta al dì e successivamente a giorni alterni o una volta alla settimana: La polvere nera di grafite è uno dei rimedi omeopatici fondamentali per la cura di molte affezioni cutanee. Caratteristica è l’eruzione vescicolosa delle lesioni da cui trasuda un liquido giallo, appiccicoso, denso, filante, simile a miele. La localizzazione tipica delle lesioni è a livello del cuoio capelluto, delle palpebre, dietro i padiglioni auricolari. Graphites è adatto soprattutto a soggetti pallidi, lenti, freddolosi con tendenza al sovrappeso.
Lycopodium clavatum 9 CH 5 granuli una volta al dì, per due settimane consecutive. Il licopodio è uno dei rimedi omeopatici più importanti di tutta la farmacopea, utilizzato per la sua azione specifica a livello di pelle, fegato e metabolismo. Nel della crosta lattea viene spesso associato all’utilizzo di Calcarea carbonica ostrearum o Graphites.
Mezereum 9 CH 5 granuli una volta al dì. Il fiore di stecco è uno dei medicinali specifici dell’impetigine con prurito che muta sede con il grattamento, aggrava di notte con il calore del letto. Le eruzioni cutanee sono vescicolose, brucianti, intensamente pruriginose, contenenti liquido purulento, ricoperte da croste biancastre, spesse.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Non c’è una vera e propria cura secondo la Medicina tradizionale cinese, in quanto si ritiene questo fenomeno come una fase di passaggio e di crescita del bambino, che entro il primo anno di età va a risolversi naturalmente.
Si Possono comunque effettuare degli interventi locali, sia con agopuntura che con fitopreparati, soprattutto attraverso lavaggi con preparati a base di olio.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

( consigliata per la madre durante l’alattamento)
Alimenti consigliati Aumentare l’apporto quotidiano di liquidi sotto forma di acqua minerale naturale, succhi di frutta, tè verde giapponese.
Dare la preferenza agli alimenti ricchi di bioflavonoidi (limoni, uva, prugne, pompelmo, albicocche, ciliegie, more, bacche della rosa canina e grano saraceno), di beta-carotene (aumentare l’apporto quotidiano di nespole, albicocche fresche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci americane), di vitamina C (agrumi e kiwi) ed E (semi oleosi, cereali, frutta fresca e secca e ortaggi), che aiutano ad alleviare i sintomi dell’infiammazione, potenziando il .
Dare la preferenza agli alimenti a elevato apporto di acidi grassi omega-3, come Polio di lino e il pesce, in particolare salmone selvaggio, aringhe, merluzzo, sardine, acciughe, sgombro.
Privilegiare il kefir, lo yogurt naturale magro e il latte fermentato addizionati con batteri probiotici.
Integrare l’alimentazione con fiocchi e farina d’avena, borragine, ortica, trifoglio, maggiorana, germogli di alfa-alfa, prezzemolo, sedano, radice di zenzero fresca grattugiata, curcuma in polvere, cedro, limone, ananas fresco per le loro proprietà antinfiammatorie e mineralizzanti.
È consigliabile utilizzare preferibilmente alimenti biologici.
Per dolcificare usare piccole quantità di miele di acacia vergine integrale di produzione italiana.

Alimenti da evitare
I cibi a elevato apporto di acidi grassi saturi. I prodotti addizionati con additivi alimentari e/o contenenti grassi trans. Lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che ne sono ricchi.

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno;
Vitamina B3 15-20 mg al giorno;
Vitamina B6 1,5-2 mg al giorno;
Vitamina B5 10 mg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Manganese 5 mg al giorno;
PABA (acido para-aminobenzoico) 50 mg al giorno;
licopcne 22 mg al giorno (250 mi di salsa di pomodoro in scatolane continene37mg);
Enzimi proteolitici 2 compresse al giorno;
fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo): 2 opercoli al giorno lontano dai pasti;
Lecitina di soia (pura al 100%): 1-3 cucchiaini al giorno;
Germedigrano 1-3 cucchiaini al giorno;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno;
Selenio 80 mcg al giorno la sera prima del riposo notturno;
Zinco 20-25 mg al giorno.


È caratterizzata da un eczema/squamoso a livello del cuoio capelluto, con cute arrossata e presenza di un’aumentata secrezione sebacea.
Come trattamento locale può essere utilizzato Volto di Camomilla (mettere i fiori di camomilla in un barattolo di vetro a chiusura ermetica, coprirli con olio di mandorle dolci e lasciare riposare per 15-20 giorni, al riparo dalla luce e da fonti di calore. Filtrare) per massaggiare la zona interessata tre-quattro volte al giorno.
Per ridurre l’infiammazione cutanea (l’arrossamento) possono essere usati, in forma topica, l’olio di Enotera (massaggiare delicatamente con la punta delle dita, effettuando movimenti in senso orario per almeno 10 minuti, tre-quattro volte al giorno) e il latte di mandorle, emulsionato con l’olio di lino e di germe di grano, entrambi di prima spremitura a freddo (a 30 mi di latte di mandorle, unire 10 mi di olio di lino e 5 mi di olio di germe di grano).
Nei casi in cui è presente una componente allergica (alimentare o da contatto), può essere utile massaggiare la zona interessata con un composto a base di unguento di Ippocastano, miscelato con olio di mandorle dolci, atte d’avena e Ribes Nigrum (in una ciotola mescolare 25 g di unguento con mezzo cucchiaino di olio di mandorle, 1 cucchiaino di latte d’avena e 5 gocce di Tintura Madre di Ribes Nigrum).
Se l’eczema si estende all’attaccatura dei capelli, interessando anche la zona sopraciliare, può essere usato per via topica un olio alla Calendula preparato con 30 g di fiori secchi di calendula, 30 g di fiori secchi di camomilla, 300 mi di olio di mandorle dolci, 25 mi di olio di enotera (meu
tere i fiori in un barattolo di vetro a chiusura ermetica, aggiungere l’olio di mandorle e di enotera e lasciare riposare per circa un mese al riparo dalla luce e da fonti di calore. Filtrare). Massaggiare delicatamente la zona interessata tre-quattro volte al giorno, in particolare la sera prima del riposo notturno.

Originally posted 2014-10-10 14:08:05.

Echinococcosi 180x180 - Echinococcosi

Echinococcosi

L’ è una malattia parassitaria diffusa in tutto il mondo, dovuta a un piccolo verme piatto chiamato Echinococcus granulosa, l principali portatori della malattia sono i cani (che vengono chiamati ospiti definitivi). Gli organismi che possono ammalarsi, particolarmente suscettibili a contrarre quest’infezione parassitaria, sono gli ospiti intermedi, ovvero l’uoma ma anche i suini, i bovini e gli ovini. Le uova del verme vengono diffuse con le feci dal cane nelle acque e sui terreni; ingerite quindi dall’uomo (attraverso il consumo di cibi infestati, come le verdure poco cotte) le uova si schiudono, liberando una larva che perfora la parete intestinale; questa approda nei vasi sanguigni e si distribuisce così agli organi. Nella stragrande maggioranza dei casi il parassita si arresta nel fegato o nei polmoni E nello spessore di questi tessuti genera una cisti (nptena di un liquido che ha un elevato potere di provocare forti reazioni allergiche del ): all’interno di essa andranno a
formarsi e a moltiplicarsi tante altre larve. I disturbi possono non manifestarsi per anni. In pratica, la natura e l’intensità delle manifestazioni cliniche dipendono dal numero di cisti presenti e dalla loro localizzazione ed evoluzione. La sintomatologia affiora per la sensibilizzazione allergica – dovuta all’assorbimento delle sostanze prodotte dal parassita – e dall’azione compressiva provocata dalla massa della cisti in espansione: ecco, allora, addominale, eventualmente associato a disturbi digestivi, colorazione giallastra della cute, febbre e manifestazioni simile all’orticaria. La complicazione più temibile è la rottura della cisti, che può avvenire all’interno della cavità addominale, nel torace o nelle vie biliari Non è raro che una cisti venga casualmente scoperta quando ci si sottopone a un’ecografia o a una radiografia.


La terapia dell’echinococcosi è chirurgica e i sono un supporto e un “rinforzo” per la chirurgia.

Chirurgia
Si rimuovono chirurgicamente le masse parassitarie, con resezioni di ampiezza variabile, dall’epatectomia parziale all’asportazione epatica totale seguita da trapianto di fegato; in ca-
si molto avanzati le masse non sono operabili. Il trapianto di fegato è indicato nei casi di grave insufficienza, ma è associato a un alto rìschio di recidiva, a partenza da residui parassitari non evidenziati durante l’intervento chirurgico.

Farmaci
La terapia con benzimidazolici (albendazolo e mebendazolo) può portare alla riduzione della dimensione delle masse, alla modificazione nella loro forma, al miglioramento delle condizioni generali anche dopo interventi di chirurgia non risolutivi. In alcuni casi si verìfica guari-
gione, quindi è buona norma far seguire all’intervento di resezione totale un periodo di almeno due anni di terapia farmacologica antiparassitaria: nei casi di intervento chirurgico non risolutivo la terapia può essere protratta per anni (anche per tutta la vita).


Si tratta di una forma di infestazione localizzata principalmente a livello polmonare o epatico per la quale esistono unicamante misure di tipo preventivo e di tipo chirurgico. Tuttavia il tema dell’echinococcosi si presta per considerare il ruolo dell’omeopatia nella prevenzione della recidiva delle parassitosi da un punto di vista generale. Vengono descritti alcuni dei rimedi omeopatici ad azione profonda capaci di rendere l’organismo più resistente nei confronti dei parassiti.
Calcarea carbonica ostearum 15 CH un tubo dose una volta alla settimana. Il calcare del guscio d’ostrica è adatto a soggetti generalmente sovrappeso, pallidi, linfatici, freddolosi, lenti con la tendenza alla sudorazione notturna a livello del capo e del collo. I vermi tendono a pullulare nella fase della luna piena.
Graphites 15 CH un tubo dose una volta alla settimana. La polvere nera di grafite è adatta soprattutto a soggetti pallidi» lenti, freddolosi con tendenza al sovrappeso, alla stipsi e alle manifestazioni cutanee.
Lycopodium clavatum 15 CH un tubo dose una volta alla settimana. Nella prevenzione delle parassitosi è indicato per i soggetti irritabili, sfiduciati con disturbi di tipo digestivo, tendenza alla stipsi, alle manifestazioni cutanee e dismetaboliche.
Psorinum 15 CH un tubo dose una volta alla settimana. È il rimedio dei soggetti freddolosi, magri con tendenza alle parassitosi e alle affezioni cutanee recidivanti.
Silicea 15 CH un tubo dose una volta alla settimana. La silice viene utilizzata soprattutto per soggetti magri, deboli, freddolosi, con tendenza alle infezioni recidivanti. Le verminosi manifestano una recrudescenza nella fase della luna nuova.
Sulfur 15 CH un tubo dose una volta alla settimana. È il rimedio ottenuto dai fiori di zolfo, ha un’azione profonda, soprattutto nei soggetti con tendenza costituzionale a manifestazioni morbose periodiche che possono coesistere o manifestarsi in successione oppure in alternanza. Sono soggetti estroversi, impulsivi, in continuo movimento, resistenti alla fatica con colorito rosso e cute calda.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Secondo la Medicina tradizionale cinese non vi sono trattamenti terapeutici in grado di controllare questo tipo di disturbo, anzi si consiglia l’uso della Medicina occidentale quale la terapia chirurgica.

NATUROPATIA
Consigli dietetici
Alimenti consigliati Assumere quotidianamente 1-2 litri di acqua minerale naturale (utilizzarla anche per cucinare).
Integrare la dieta abituale con alimenti ricchi di rame, selenio e zinco, come fegato, molluschi, avocado, uva essiccata, noci, arachidi, nocciole, germe di grano, cacao, miele, funghi, cereali integrali (in particolare la pasta), ortaggi a foglia verde, tonno, salmone, acciughe, carne, latticini “magri”, tuorlo d’uovo, lievito di birra, cavolo, broccoli, cipolle, cetrioli, sedano, tacchino, legumi, semi di sesamo e di girasole, lecitina di soia, sciroppo d’acero e zucchero di canna grezzo.
Per ridurre i sintomi e modificare positivamente il quadro clinico del paziente possono essere consumati preparati probiotici liofilizzati, oppure yogurt e/o latte fermentato arricchiti con fermenti probiotici. Questi microrganismi incrementano i benefici batteri intestinali, aumentando la sintesi di vitamine, in particolare del gruppo B, anche durante la terapia medica.
Alimenti da evitare Evitare salumi, insaccati, cibi fritti, burro, panna, spezie fino al miglioramento del quadro clinico del paziente Eliminare i cibi a base di farine raffinate. Io zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, il caffè, il tè nero, gli alcolici, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans, che possono ostacolare l’assorbimento di vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti e/o aggravare i sintomi.

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
Beta-carotene aumentare l’apporto quotidiano di nespole, albicocche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci (americane); li ioti fin 50 mcg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti e da bevande contenenti caffeina;
C 200 mg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo): 2 opercoli al giorno lontano dai pasti;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1 -3 cucchiaini al giorno;
Colina 400 mg al giorno;
Enzimiproteolitici 2 compresse al giorno lontano dai pasti.


Per regolarizzare la funzione epatica può essere utile assumere un prodotto a base di Aloe in compresse ( seguire la posologia indicata sulla confezione e/o prescritta dal medico curante). Per la presenza di aloine, saponine e acidi organici, “preserva” l’integrità degli cpatociti.
Il Boldo (Pneumus boldus) sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce due volte al giorno, preferibilmente al mattino a digiuno (circa 20 minuti prima di colazione) e la sera (circa due ore dopo il pasto), può essere somministrato nella fase acuta. Agisce come antielmintico, antiossi-
dante, depurativo e detossificante.
Dalla radice di Rafano ( Raphanus sativus niger) si estrae un olio essenziale solforato (contenente tiocianati d’allile), vitamine del gruppo B e vitamina C, enzimi (ossidasi e perossidasi). Grazie a queste sostanze, l’estratto fluido, assunto due volte al giorno, nella dose di 20 gocce, circa un’ora
prima dei pasti principali, migliora le funzioni degli epatociti e facilita l’eliminazione delle tossine.
Per la sua azione epatoprotettrice, antiossidante, antinfiammatoria, coleretica, “drenante” epato-biliare, grazie alla presenza di tlavonoidi, saponine, acidi polifenolici e di terpeni, può essere somministrata la Chrysanthellum americanum (o Camomilla d*Oro), sotto forma di estratto secco (compresse da 400 mg, due/tre volte al giorno, circa 30 minuti prima dei pasti principali), oppure di estratto fluido (2-3 cucchiai al giorno, prima dei pasti, diluiti in un bicchiere di acqua minerale naturale a elevato apporto di bicarbonato).

Originally posted 2014-10-13 09:25:32.

Dispesia 180x180 - Dispesia

Dispesia

È una sindrome caratterizzata dalla presenza di e/o fastidio (persistente o ricorrente) localizzato alla parte superiore dell’addome Fondamentalmente esistono due tipi di dispepsia: una dovuta ad alterazioni “organiche” (dispepsia secondaria), l’altra non collegata a cause specifiche (di-
spepsia idiopatica). Dunque, nel primo caso il disturbo riconosce come cause l’ulcera, il reflusso gastro-esofageo, le alterazioni dei movimenti dell’esofago, ma anche la calcolosi biliare, le sindromi da malassorbimento e le affezioni del pancreas. Nel secondo caso non è dimostrabile alcuna alterazione
rilevabile con le indagini diagnostiche di routine. Nella gestione di un dispeptico è fondamentale per il medico raccogliere una serie di cruciali indizi in base ai quali diventa possibile orientare correttamente diagnosi e terapia. Fondamentalmente gli elementi che possono orientare verso una patologia “fisica” sono: l’età dei pazienti superiore ai 45 anni (un periodo della vita in cui può essere più elevato il rischio di contrarre un tumore); la presenza di un ; il ricorso ai FANS, ossia ai antinfiammatori non steroidei (che notoriamente ledono la parete dello stomaco),
l’anemia e la febbre. Chi soffre di dispepsia può accusare un dolore simile a quello che caratterizza l’ulcera gastroduodenale (compare a volte a digiuno, sveglia il paziente di notte ed è periodico, con alti e bassi); oppure una sensazione spiacevole e fastidiosa, aggravata dall’assunzione dei pasti, che si associa con sazietà precoce, senso di pienezza dopo i pasti, nausea, sensazione di distenzione dei visceri nelle zone alte dell’addome.


La dispepsia è spesso sintomo di un’ulcera o di un prolungato con antinfiammatori non steroidei (FANS). Il si basa sull’identificazione delle cause: può essere necessaria una gastroscopia, soprattutto in pazienti di età superiore a 45 anni con dolore severo e non
facilmente dominabile. Pazienti di età inferiore a 45 anni dovrebbero ricercare l’eventuale batterio H. Pylori: se il test è positivo è necessario fare una terapia che elimini l’infezione (associazione /inibitori della pompa protonica per due o tre settimane).

Dispepsia o indigestione acuta
La terapia include di solito un farmaco bloccante H2 oppure un inibitore della pompa protonica: questi farmaci bloccano i recettori H2 e la pompa protonica nello stomaco, riducendo la produzione di acidità gastrica. Se non c’è effetto dalla somministrazione di questi farmaci si può ricorrere alla metoclopramide per aumentare la motilità gastrica. Alcuni prodotti da banco alleviano il dolore ( per esempio il sucralfato).

Stile di vita
Esiste beneficio dall’eliminazione di lievito e grassi animali dalla dieta. La riduzione dello stress con meditazione e tecniche di respirazione può essere importante.


Turbe dispeptiche è il termine generico che si riferisce a numerosi sintomi dovuti ad alterazione del processo digestivo, solitamente di origine funzionale: processo digestivo lento, peso epigastrico, sonnolenza post-prandiale, eruttazioni, meteorismo, alitosi. Nella scelta del medicinale omeopatico più adatto ai disturbi digestivi va distinta la dispepsia ipostenica (digestione lenta, peso epigastrico, sonnolenza post-prandiale) e la dispepsia iperstenica (bruciori, crampi dolorosi). Turbe digestive prolungate richiedono comunque accertamenti clinici e strumentali che escludano lesioni organiche, come l’ulcera gastroduodenale.

Dispepsia ipostenica
Antimonium crudum 9 CH 5 granuli prima o dopo un eccesso alimentare. Eruttazione con il sapore dei cibi digeriti, dopo abusi alimentari. Lingua ricoperta da una patina spessa, biancastra, come latte o gesso.
Lycopodium 9 CH 5 granuli, da 1 a 3 volte al dì. Turbe dispeptiche con senso di sazietà già dopo i primi bocconi, meteorismo con intolleranza per le costrizioni a livello addominale, congestione del viso dopo il pasto. Il paziente di solito ama le bevande calde e desidera i dolci. Non
digerisce aglio e cipolle.
Nux vomica 9 CH 5 granuli, da 1 a 3 volte al dì. Turbe dispeptiche in persone sedentarie con sonnolenza post-prandiale, migliorata da un sonno breve. Il soggetto desidera alcolici, amari, cibi piccanti, condimenti forti, caffè. La noce vomica è adatta a condizioni dominate da ipereccitabilità in persone attive ma dallo stile di vita sedentario con manifestazioni di tipo spasmodico e difficoltà digestive. La lingua è coperta da una patina bianco-giallastra nella parte posteriore.
Dispepsia iperstenica
Argentimi nitricum 9 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Rigurgiti, eruttazioni brucianti, nausea e vomito in soggetti con agitazione ansiosa.
Kali bichromicum 9 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Bruciori gastrici con nausea e pesantezza post-prandiale. Spesso si associa desiderio di birra, anche se poco tollerata. Talvolta è presente un’ulcera gastrica.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Secondo la Medicina tradizionale cinese questo disturbo è legato a un deficit di Yin dello Stomaco e lo scopo della terapia è di riequilibrare l’alterata funzionalità
dell’organo in modo da eliminare la sintomatologia.

Agopuntura
Punti importanti per tonificare lo Yin dello Stomaco sono:
NEI TING (cortile interno, localizzato 0,5 cun dietro il bordo della membrana interdigitale, fra II e III dito del piede) che regola il Qi e blocca il dolore;
PI SHU (punto Shu del dorso della Milza, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa dell’XI vertebra toracica) che mobilizza il Qi della Milza, regola e favorisce le funzioni di assimilazione, dissolve l’Umidità e regola il Sangue;
SAN YIN JIAO (riunione dei tre Yin, localizzato 3 cun sopra l’apice del malleolo interno, dietro il bordo posteriore della tibia) che tonifica i Reni;
TAI XI (ruscello maggiore, localizzato fra l’apice del malleolo interno e il tendine di Achille, nel punto in cui si sente pulsare l’arteria tibiale posteriore) che tonifica e regola il Qi renale ed epatico e purifica il Calore;
WEI SHU (punto Shu del dorso dello Stomaco, localizzato 1,5 cun alato dell’apofisi spinosa della XII vertebra toracica) che tonifica e regola lo Stomaco e dissolve l’Umidità;
ZHONG WAN (epigastrio centrale, localizzato 4 cun sopra l’ombelico) che regola lo Stomaco, ne tonifica il Qi, dissolve l’Umidità e favorisce la discesa dell’Energia che circola controcorrente;
ZU SAN LI (tre distanze del basso, localizzato sotto il bordo inferiore della rotula a lato della cresta tibiale anteriore) che regola e tonifica
Stomaco e Milza, tonifica il Qi e il Sangue.
E utile effettuare un ciclo di 10 applicazioni almeno due volte alla settimana.

cinese
Formula: JIAN PI WAN
Rhizoma Atractylodes Macrocephalae……..7g
Radix Aucklandiae…………………….2g
Rhizoma Coptis……………………….2g
Radix Glycyrrhizae Uralensis…………..2g
Sclerotium Poria……………………..6g
Radix Ginseng………………………4,5g
Massa Fermentata Medicinalis…………..3g
Pericarpium Citri Reticulatae………….3g
Fructus Amomi………………………..3g
Fructus Hordei Germinatus……………..3g
Fructus Crataegi……………………..3g
Rhizoma Dioscoreae……………………3g
Semen Myristicae……………………..3g
Posologia: 2 g al dì sotto forma di capsule o polvere per 30 giorni.

NATUROPATIA
Consigli dietetici
Alimenti consigliati In caso di alterazioni della secrezione di acido cloridrico può essere utile aumentare l’apporto di cibi ricchi di beta carotene e di vitamine del gruppo B e adeguare il consumo di proteine al proprio fabbisogno energetico-nutrizionale. Il pasto serale dovrebbe essere composto prevalentemente da alimenti proteici, perché contengono triptofano che può contribuire ad allevia-
re i sintomi. Evitare di consumare le verdure crude e la frutta a fine pasto, perché rallentano la digestione e inserirle, invece, nella colazione e/o come spuntino nel corso della giornata. Circa un’ora prima del riposo notturno fare un piccolo spuntino a base di frutta fresca (non acida) e di latte parzialmente scremato, eventualmente dolcificato con un cucchiaino di miele vergine integrale di lavanda, per beneficiare dell’azione calmante dei carboidrati e delle casomorfine, oppiacei naturali contenuti nel latte caldo. Integrare la dieta abituale con kefir e yogurt naturale arricchito con batteri probiotici.
Assumere un bicchiere di acqua minerale naturale con un cucchiaio di aceto di mele prima dei pasti per facilitare la digestione.
Alimenti da evitare Evitare salumi, insaccati, cibi fritti, burro, panna, spezie, zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, alcolici (inclusi vino e birra), bevande gasate, caffè, tè, crusca e i prodotti addizionati con additivi alimentari e/o con grassi trans.
Limitare il consumo di legumi (assumerli esclusivamente sotto forma di passato), formaggi stagionati (escluso il Parmigiano reggiano), arachidi, pomodori freschi (assumerli solo sbucciati).

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
C 200 mg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Enzimiproteolitici 2 compresse al giorno lontano dai pasti;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo): 2 opercoli al giorno la sera prima del riposo notturno;
Lecitina di soia (pura ai 100%) 1-3 cucchiaini al giorno.

FITOTERAPIA
Dopo i pasti principali può essere utile consumare una tisana di Achillea, preparata con due cucchiaini di foglie e sommità fiorite essiccate o fresche, 200 mi di acqua minerale naturale e un cucchiaino di miele vergine integrale di produzione italiana (portare l’acqua a ebollizione e, a fuoco spento, unire l’Achillea, coprire, lasciare in infusione per 10-15 minuti, quindi filtrare e bere a temperatura ambiente).
Per la presenza di acido salicilico, flavonoidi e acidi organici, YAchillea (Achillea millcfolium)* sotto forma di estratto fluido, nella dose di 30 gocce, può essere assunta circa 30 minuti prima dei due pasti principali per facilitare i processi digestivi e alleviare la sensazione di tensione post-
prandiale a livello epigastrico.
Per aumentare la secrezione salivare e migliorare l’azione della ptialina (l’enzima salivare alfa-amilasi) può essere utilizzato il Calamo aromatico (Acorus calamus)* sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce, due volte al giorno poco prima dei pasti principali, soprattutto se è previ-
sto un consumo di carboidrati.
I pazienti vegetariani dovrebbero utilizzare i semi di Aneto sulle verdure crude e cotte e sui legumi per facilitare il transito intestinale delle fibre e alleviare la dispepsia e soprattutto il meteorismo, che spesso insorge dopo un abbondante pasto a base di vegetali.
Nei casi in cui il disturbo si presenta particolarmente fastidioso e recidivante, può essere utile bere un infuso a base di radici di Curcuma ( 15%), scorza di Arancia amara {15%), sommità fiorite di Artemisia ( 15%), radici di Genziana (15%), sommità fiorite di Centaurea Minore (15%), fiori di Tiglio ( 15%) e rametti fogliati di Rosmarino (10%). Assumere due, tre volte al giorno, dopo i pasti, oppure sorseggiare lentamente nell’ora successiva al pasto, o spuntino.

Originally posted 2014-10-10 15:49:18.

Dimagrimento 180x180 - Dimagrimento

Dimagrimento

Innanzitutto l’IMC, ovvero l’Indice di massa corporea che prende in considerazione la statura e il peso dell’individuo, viene ritenuta normale quando risulta compreso fra 18,5 e 25. Questo indice (espresso dal rapporto fra il peso in chilogrammi e l’altezza in metri elevata al quadrato) non soltanto fotografa il sovrappeso e l’obesità, ma anche il sottopeso e la magrezza. Per cui nel sottopeso l’IMC oscilla fra 17 e 18,5; la magrezza moderata fra 16 e 17 e la magrezza grave è inferiore a 16. Ovviamente, non tutte le magrezze esprimono uno stato patologico (si parla in tal caso di magrezza costituzionale). Il diventa patologico quando riconosce una causa precisa. Nei disturbi del comportamento alimentare (anoressia nervosa e bulimia), l’assunzione volontaria e protratta di una dieta qualitativamente e quantitativamente incongrua produce una riduzione globale della massa
grassa e magra. Altra causa frequente di una magrezza eccessiva è la presenza di una patologia del tubo digerente: tutte le malattie che comportano una riduzione della superficie totale della mucosa intestinale – e quindi una maldigestione o un malassorbimento degli alimenti – finiscono per causare magrezza (celiachia, enterite di Crohn, insufficienza del pancreas).
Anche un’iperfunzione della ghiandola tiroidea può produrre dimagrimento, accelerando i processi metabolici. Dimagrimenti si realizzano poi nel corso di tutte le malattie debilitanti, in cui i processi infiammatori cronici, in qualsiasi apparato, portano a uno stato nutrizionale compromesso.


La perdita di più del 10% del peso corporeo negli ultimi sei mesi senza una dieta e senza una ragione evidente dovrebbe richiedere una visita medica, per accertare l’eventuale presenza di malattie che giustifichino il dimagrimento. Se non si evidenziano patologie di rilievo la valuta zione dovrebbe essere psicologica, per le eventuali cause psichiche.


Una dieta ipercalorica dovrebbe essere decisa insieme a uno specialista: aumentare la quantità di cibo senza un criterio non è la migliore soluzione perché è necessario mantenere un’alimentazione equilibrata e bilanciata anche nell’ottica di ingrassare. L’integrazione con vitamine e omega-3 (4 g al giorno) è molto utile.


Il dimagrimento recente o apparentemente immotivato richiede un’attenta valutazione clinica, strumentale e di laboratorio per individuare eventuali patologie responsabili. Il omeopatico può essere iniziato solo quando è chiara l’origine di tale dimagrimento.
Arsenicum iodatum 9 CH 5 granuli una volta al dì, diradando in base alla risposta ottenuta. Il trioduro di arsenico è adatto a soggetti giovani o anziani, magri, nonostante l’appetito sia ancora conservato. È il medicinale specifico della convalescenza con astenia marcata e dimagrimento.
Calcarea phosphorica 9 CH 5 granuli una volta al dì, diradando successivamente fino a una monodose una volta alla settimana. Il fosfato neutro di calcio è un rimedio costituzionale adatto ai soggetti ‘fosforici’ longilinei, facilmente affaticagli, soprattutto nell’età evolutiva e nell’adolescenza.
lodium 15 CH una monodose alla settimana. Lo iodio interviene nel metabolismo degli ormoni tiroidei. In omeopatia viene utilizzato nelle forme di dimagrimento che si instaura rapidamente, nonostante
l’appetito sia conservato o addirittura aumentato. Spesso si associa una condizione di iperattività della tiroide la cui natura deve essere precisata mediante valutazione clinica, strumentale e laboratoristica.
In tal caso il trattamento omeopatico integra quello convenzionale.
Natrum muriaticum 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì, diradando in base al miglioramento. Il sale marino è adatto per bambini, adolescenti o adulti per facilitare il recupero di peso nella convalescenza di malattie debilitanti. Talvolta l’appetito è conservato e malgrado ciò il soggetto non recupera peso. Caratteristica di tale rimedio è il dimagrimento concentrato a livello della parte alta del corpo con tendenza all’infiltrazione cellulitica nella parte inferiore.
Sulfur iodatum 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Lo ioduro di zolfo viene utilizzato nella convalescenza delle malattie infettive, soprattutto in bambini e adolescenti magri, longilinei, affaticati.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Secondo la Medicina tradizionale cinese questo disturbo è legato a una alterata funzionalità del Metabolismo e a un’irregolarità del transito intestinale.
La terapia ha lo scopo quindi di riequilibrare l’organismo sia nel Catabolismo che nell’Anabolismo, sia a permettere un regolare transito, sia soprattutto a ridistribuire tutto l’apporto alimentare che si ingerisce con la dieta.

Agopuntura
Punti importanti per questo tipo di terapia sono:
DAI MAI (localizzato 2 cun sotto l’estremità dell’Xi costa) che stimola il libero fluire del Qi nel Riscaldatore Inferiore, tonifica e regola il riscaldatore Inferiore, purifica il Calore e dissolve l’Umidità;
GONG SUN (nonno e nipote, localizzato sul lato mediale del piede, alla base del I metatarso) che tonifica la Milza e lo Stomaco;
WEISHU (punto Shu del dorso dello Stomaco, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa della XII vertebra toracica) che tonifica e regola lo Stomaco e dissolve l’Umidità. Bisogna effettuare un ciclo di 10 applicazioni da ripetere dopo circa 20 giorni.

cinese
Formula: BU ZHONG YI QI WAN
Radix Astragali Manchuriensis………….15g
Radix Glycyrrhizae Uralensis……………5g
Radix Codonopsis Pilosulae…………….10g
Radix Angelicae Sinensis………………10g
Pericarpium Citri Reticulatae…………..6g
Rizoma Cimicifugae…………………….3g
Radix Bupleuri………………………..3g
Rizoma Atractylodes Macroc…………….10g
Posologia: 3-4 g al dì sotto forma di capsule o polvere per 30 giorni.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

Alimenti consigliati Privilegiare gli alimenti a elevato apporto di beta-carotene e vitamine B6 ed E, come carne di pollo, tacchino e coniglio (proveniente da animali allevati all’aperto e alimentati con mangimi biologici), fagioli, banane, formaggi freschi biologici (in particolare ricotta, crescenza, fiocchi di latte), uova biologiche, cereali semintegrali biologici, ortaggi a foglia verde ( lattuga, cavolo, spinaci, bietole, prezzemolo, basilico), zucca gialla, carote, peperoni, pomodori, melone, albicocche, pesche gialle, fragole, ciliegie, frutti di bosco, papaia, mango e avocado, olio extravergine d’oliva e di girasole (spremuti a freddo e consumati preferibilmente a crudo).
Sostituire il comune zucchero da tavola con piccole quantità di miele vergine integrale per dolcificare le bevande e nella preparazione dei dolci.
Alimenti da evitare Eliminare i prodotti contenenti acidi grassi trans e/o addizionati con additivi, i dolciumi, le bibite, le bevande alcoliche ( inclusi il vino e la birra), il caffè e il tè nero.
Evitare di consumare la crusca e i prodotti integrali, che ostacolano l’assorbimento dei micronutrienti presenti nei cibi.
Eliminare i salumi (a eccezione del prosciutto crudo e dello speck di produzione artigianale, della bresaola, del prosciutto cotto privo di polifosfati) gli insaccati e i formaggi stagionati non biologici.

Integrazione alimentare
Preparati multivitaminici secondo le dosi prescritte dal medico curante in base al quadro clinico e agli esami ematochimici del ;
Preparati multiminerali secondo le dosi prescritte dal medico curante in base al quadro clinico e agli esami ematochimici del paziente;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti e da bevande contenenti caffeina;
Enzimi proteolitici sotto forma di estratto di papaia fermentata (1-2 compresse al giorno);
Olio di pesce (con almeno il 60% di EPA e DHA nel rapporto 40 a 20) 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo) 2 opercoli al giorno lontano dai pasti;
Zinco 20-25 mg al giorno in un’unica somministrazione al mattino prima di colazione;
Coenzima Q1030 mg al giorno.

FITOTERAPIA
La Pappa Reale (il nutrimento fondamentale delle larve delle api) si presenta come una “gelatina” semi/fluida di colore bianco tendente al giallo, dall’odore pungente e dal sapore acido e aromatico. È ricca di sali minerali (tra cui ferro, manganese,cobalto), vitamine (in particolare quelle del gruppo B, la C e la E) e contiene glucidi, lipidi e proteine. Deve essere conservata in frigorifero e assunta al mattino a digiuno (circa 20 minuti prima di colazione), per via sublinguale, nella dose di 100-300 mg (per i bambini al di sotto dei 12 anni è consigliabile dimezzare il dosaggio) in un’unica somministrazione. £ consigliabile effettuare cicli di due-tre mesi e acquistare quella raccolta in modo sterile e conservata in condizione di asepsi, in barattoli di vetro, al riparo dalla luce, dall’aria, dal calore e dall’umidità. Può essere associata al Polline (una polvere gialla, appiccicosa, presente sui fiorì, raccolta dalle api. In commercio, si presenta solitamente sotto forma di granuli di 1-2 mm di diametro, di colore giallo-/arancio/marrone), ricco di aminoacidi, glucidi (glucosio e fruttosio), acidi grassi insaturi, vitamine e oligoelementi (come sodio, rame, calcio, fosforo, zolfo, manganese, magnesio e potassio). Può essere somministrato al mattino, prima di colazione ( 1 cucchiaio per gli adulti, 1 cucchiaino per i bambini al di sotto dei 12 anni), sciolto nel latte tiepido o in una tisana a base di fiori d’arancio, o di rosa canina, eventualmente dolcificato con un cucchiaino di miele vergine integrale di produzione italiana.
Prima dei pasti principali possono essere somministrati i semi polverizzati di Fieno greco ( 1 cucchiaino, due volte al giorno).

Originally posted 2014-10-10 15:29:43.

Geloni 180x180 - Geloni

Geloni

Un disturbo cutaneo che affiora negli individui predisposti quando si espone alle basse temperature esterne: si presenta inizialmente come una chiazza rosso scura, rilevata sulla pelle circostante che è fredda, tesa e lucente, per poi diventare un vero e proprio nodulo rosso-bluastro, di consistenza molle, assai pruriginoso e anche doloroso. Questa piccola tumefazione tende a colpire le dita delle mani e dei piedi, ma anche il padiglione auricolare, i calcagni e il naso (zone dove si fa più marcata la disfunzione circolatoria). Alla base della lesione esiste uno squilibrio della reattività dei piccoli vasi sanguigni, che in presenza di certi stimoli climatici – vento gelido, esposizione prolungata e ripetuta al freddo soprattutto umido, passaggi repentini dalle alte alle basse temperature – reagiscono abnormemente andando incontro a una contrazione. Le lesioni generalmente regrediscono in due-tre settimane senza lasciare danni di alcun tipo, ma possono anche subire ulcerazioni e infezioni, che finiscono inevitabilmente per rallentare il processo di guarigione. È perciò importante non grattare la zona interessata, che incrementerebbe l’irritazione, rafforzando i sintomi della lesione e sviluppando ulcere infette. In medicina il “gelone” viene denominato “eritema pernio”.


Lo shock termico e dei vasi sanguigni traumatizza i tessuti che reagiscono formando i tipici noduli rosso violaceo, molto dolorosi (bruciore): questi noduli devono essere curati subito, perché se trascurati possono ulcerarsi e infettarsi.

Trattamenti topici
Le pomate a base di ossido di zinco sono efficaci, come i bagni di acqua ossigenata e le pennellature di glicerina iodata. Se i formano ulcere, è bene rivolgersi al medico per ricevere prescrizione di terapia antibiotica e cicatrizzante, e per qualche seduta di pulizia e medicazione delle ulcere.


Il omeopatico risulta particolarmente efficace sia nella cura sintomatica (Agaricus muscarius) che nella prevenzione (Pulsatilla) dei geloni e dei sintomi a essi associati.

Trattamento sintomatico
Agaricus muscarius 7 CH 5 granuli, una volta al dì. L’amanita muscarina (Agaricus muscarius) è un fungo velenoso della famiglia delle Agaricacee che viene utilizzato in omeopatia principalmente per manifestazioni cutanee aggravate dall’esposizione al freddo, come geloni e acrocianosi.
Caratteristica è la sensazione di freddo glaciale localizzato a livello delle estremità e il formicolio. Il rimedio trova impiego anche nella sfera nervosa per tremori, tic e convulsioni. È considerato il medicinale omeopatico di prima scelta nel trattamento dei geloni con parestesie.

Trattamento di fondo
Pulsatilla Si consiglia la diluizione 7CH, 5 granuli una volta al dì, nella fase acuta dei sintomi; la diluizione 30 CH, una dose alla settimana, nel corso del periodo invernale, per prevenirne la comparsa. L’anemone pulsatilla è una pianta appartenente alla famiglia delle Ranuncolacee che viene usata in omeopatia soprattutto nella cura dei disturbi venosi e delle manifestazioni catarrali delle prime vie aeree. Spesso si tratta di soggetti di sesso femminile, in giovane età, di carnagione chiara, timide, malinconiche. Caratteristica è l’estrema variabilità delle sensazioni e l’aggravamento generale con senso di malessere in ambienti chiusi e caldi. È il rimedio di molte manifestazioni circolatorie venose, come la stasi o congestione venosa delle estremità, rete venosa bluastra a livello delle cosce, il morbo di Raynaud e i geloni. Solitamente i geloni sia as-
sociano a prurito che peggiora con il calore.
Tubercolinutn 15 CH da una a due monodosi al mese. 11 bioterapico
Tubercolinum è indicato per i soggetti longilinei, astenici, ansiosi, magri, ipersensibili al freddo con fenomeni di stasi venosa e con tendenza alle infezioni respiratorie sia batteriche che virali, favorite dalla sensibilità al freddo.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Secondo la Medicina tradizionale cinese questo disturbo è dovuto a un’alterazione funzionale del e del Sistema Circolatorio. Lo scopo della terapia è ripristinare il corretto funzionamento della circolazione e innalzare le difese dell’organismo tramite l’assunzione di fito preparati.

cinese
Formula: GUI ZHIWAN
Ramulus Cinnamomi………………………9g
Radix PaeoniaeAlba……………………..9g
Radix Glycyrrhizae Uralensis…………….6g
Rizoma Zingiberis Offìcinalis……………3g
Posologia: 2 g al dì sotto forma d;i capsule o polvere.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

Alimenti consigliati Frivilegiiare i cibi a elevato apporto di antiossidanti, come le patate americane, le albicocche, il melone, i frutti di bo>sco, le bacche della canina, il succo di carota, gli agrumi, l’uva, le ciliegie, i limoni, le albicocche, il grano saraceno in chicchi, in fiocchi e in farina, gli spinaci, le crocifere.
Integrare la dieta abituale con ii cibi ricchi di acidi grassi omega-6 e omega-3, come Polio di noci e dii lino e il pesce, in particolare salmone selvaggio, aringhe, merluzzo, sardine, acciughe, sgombro.
Aumentare l’assunzione di PABA, privilegiando le uova, il fegato, il germe di grano, il lievito di birra.
Aumentare l’apporto quotidiano di liquidi, sotto forma di acqua minerale naturale (utilizzarla anche per cucinare), succhi di frutta, centrifugati di frutta e/o verdura diluiti con acqua a temperatura ambiente.
Alimenti da evitare Limitare il consumo di prodotti a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e i cibi che lo contengono (come i dolciumi, le bibite, i gelati).
Evitare le bevande alcoliche, le carni provenienti da animali da allevamento e alimentati con mangimi industriali, i prodotti contenenti acidi grassi trans, gli alimenti addizionati con additivi, il caffè e il tè nero.

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
B5 10 mg al giorno;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti e da bevande contenenti caffeina;
Magnesio 350 mg al giorno lontano dai pasti;
Rame 2 mg al giorno;
Selenio 80 mcg al giorno;
Zinco 20-25 mg al giorno;
Olio di pesce (con almeno il 60% di EPA e DHA nel rapporto 40 a 20) 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Germe di grano 1-3 cucchiaini al giorno;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno.

FITOTERAPIA
Nella fase acuta può essere utile assumere 100 mi di vino di Achillea (preparato con 50 g di sommità fiorite e un litro di vino bianco secco prodotto da uve biologiche e privo di additivi chimici. Lasciare macerare per circa 10 giorni, quindi filtrare e conservare in una bottiglia di vetro al riparo dalla luce e da fonti di calore). Se necessario si può assumere una seconda “dose” dopo circa 30-40 minuti.
Nei soggetti predisposti, prima di esporsi alle basse temperature, può essere utile applicare un unguento a base di Ippocastano nelle zone particolarmente vulnerabili (come le dita delle mani e dei piedi). Dopo aver massaggiato la cute per almeno 10 minuti, così da facilitare l’assorbimento del principio attivo, indossare guanti e calze precedentemente riscaldati.
Per aiutare ad accelerare il processo di guarigione può essere somministrato l’estratto fluido di Ippocastano, nella dose di 20 gocce, diluite in 200 ml di succo puro di mirtillo, o di carota, oppure di spremuta di pompelmo rosa, due volte al giorno, preferibilmente la mattina a digiuno (circa 20 minuti prima della colazione) e la sera poco prima del riposo notturno.
Per alleviare il applicare, nella zona interessata, un cataplasma con Argilla verde ventilata, mescolata con acqua fino ad ottenere un “fango” facilmente spalmabile. Completare con due teli di cotone e uno di lana. Lasciare agire per circa un paio d’ore. Ripetere due/tre volte al giorno fino al miglioramento del quadro clinico. Per alleviare il , nella fase acuta, può essere utilizzato l’Artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens), sotto forma di estratto secco, in compresse gastroresistenti, nella dose di 1 cps (1,5 g), tre volte al giorno, dopo i pasti.
Per alleviare le parestesie (i formicolìi) che si manifestano nella zona interessata, mentre si ripristina il normale flusso circolatorio, può essere usato l’estratto fluido di Amamelide (Hamamelis virginiana) nella dose di 15-20 gocce, diluite in poca acqua minerale naturale, tre volte al giorno, prima dei pasti.

Originally posted 2014-10-14 10:41:52.

Ematoma 180x180 - Ematoma

Ematoma

È una raccolta di sangue (comunemente chiamata “livido”) più o meno abbondante, all’interno di un organo o in un tessuto. Generalmente è un trauma contusivo a causarla, danneggiando un vaso sanguigno e causando la fuoriuscita del sangue che s’accumula tutt’attorno. La sede e il volume di un dipendono dal tipo e dall’entità del trauma, nonché dalle dimensioni del vaso colpito e anche dalle caratteristiche del tessuto in cui l’ si forma. Perciò i sintomi possono variare: in linea di massima, l’ di una certa dimensione causa senso di tensione e (non acuto) nella zona colpita. Tipiche sono le variazioni cromatiche che si osservano nel contesto di un al di sotto della cute: la massa sanguigna viene lentamente “degradata” e il suo colore muta nel corso dei giorni (passando dal viola scuro all’azzurro-verde) per le modificazioni che subisce l’emoglobina, il pigmento colorato contenuto nei globuli rossi. Quando non è riconducibile a uno specifico trauma, la facile comparsa di un può indicare un difetto della coagulazione sanguigna o una fragilità della struttura dei vasi. Ematomi possono affiorare anche nelle forme tumorali (come la leucemia) che, colpendo il midollo osseo, interferiscono con i normali processi coagulativi.


Ghiaccio e

Se la contusione è di grado modesto è sufficiente applicare ghiaccio: il freddo ha un effetto anestetizzante (che riduce il dolore) e causa una vasocostrizione che limita la fuoriuscita di sangue. Di solito si guarisce in pochi giorni an che se, nei casi più gravi, può essere utile associare un anti dolorifico e antinfiammatorio. Quando il trauma interessa zone particolari (testa, torace, addome) conviene rivolgersi a un medico: in questi ca si l’ematoma potrebbe non essere visibile, ma interessare un organo in terno con gravi conseguenze.


Il trattamento omeopatico per impedire o contenere la formazione di una raccolta ematica localizzata nelle parti molli superficiali oppure a livello muscolare è basato sulla prescrizione sistematica di Arnica montana associata ad altri rimedi da utilizzare in relazione alla regione interessata dal trauma.
Arnica 7 CH – China 5 CH 5 granuli ogni 2 ore, in alternanza, per calmare il dolore, impedire il formarsi di ematomi e accelerare il riassorbimento dell’edema post-traumatico. Diradare in base al miglioramento.
Arnica montana è il medicinale omeopatico di ogni trauma fisico: caduta, contusione, distorsione, ferita, frattura, intervento chirurgico, sforzo muscolare abnorme. Caratteristica è la sensazione di contusione e di indolenzimento locale e diffuso. La sintomatologia dolorosa peggiora con il movimento e il contatto della regione interessata dal trauma. L’attività protettiva esercitata da Arnica a livello dei vasi del microcircolo riduce lo stravaso ematico conseguente a ogni traumatismo contusivo.
Ledum palustre 5 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Stravaso emorragico a livello di parti molli, dapprima di colore bluastro, quindi giallo-verdastro, a lenta risoluzione. È particolarmente indicato nel trattamento dell’occhio pesto1 o ‘occhio nero*. Il rosmarino selvatico, arbusto della
famiglia delle Ericacee è adatto nelle conseguenze di traumi per prevenire e contenere i fenomeni emorragici. Svolge un’azione complementare nei confronti di Arnica montana cui va associato.
Millefolium 5 CH 5 granuli inizialmente anche ogni 10 minuti e diradando in base al miglioramento. L’achillea millefoglie viene impiegata in omeopatia nel trattamento delle emorragie sia spontanee sia provocate da trauma. Va associata e alternata con Arnica montana.
Phosphorus 9 CH 5 granuli, inizialmente ogni 6 ore, diradando in base al miglioramento. Il fosforo bianco è indicato nei fenomeni emorragici ripetuti, frequenti, abbondanti e in particolare nei soggetti con tendenza a fenomeni emorragici o emofilici.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
La cura di questo disturbo è relativa al sintomo, cioè la terapia in agopuntura mira a sedare il dolore dovuto alla contusione ed a mobilizzare la stasi di Sangue dovuta alla raccolta stessa.
Quindi punti importanti per mobilizzare la stasi di Xue sono:
GE SHU (punto Shu del dorso del Diaframma, localizzato 1,5 cun a lato deirapofisi spinosa della VII vertebra toracica) che regola il Sangue, rimuove le ostruzioni e tonifica le condizioni di Vuoto;
QI MEN (porta della scadenza, localizzato sulla verticale del capezzolo, nel VI spazio intercostale) che tonifica il Qi del Fegato, raffredda il Sangue e dirige il Fuoco verso il basso;
SANYINJIAO;
TAI CHONG (grande assalto, localizzato sul dorso del piede, fra il I ed il II metatarso) che tonifica e regola il Fegato e la Vescicola Biliare, regola e raffredda il Sangue;
XUE HAI (mare del Sangue, localizzato 2 cun sopra il bordo superiore della rotula) che regola il Sangue;
ZHI GOU (ramificazione del fossato, localizzato 3 cun sopra la piega del polso, fra radio e ulna) che regola il Qi, elimina stasi e ostruzioni, stimola il libero fluire dei Liquidi;
ZHONG JI (estremità mediana, localizzato 4 cun sotto l’ombelico) che stimola la libera circolazione dei Liquidi, tonifica lo Yin renale, nutre il
Sangue, espelle l’Umidità e tonifica lo Yang renale.
In più si applicano aghi nei punti corrispondenti alla contusione e circoscritti all’ematoma, solitamente 4 aghi a racchiudere all’interno la raccolta di Sangue. La terapia non prevede un ciclo di applicazioni da eseguire, ma bensì potrebbero essere sufficienti 1 o 2 sedute per risolvere il disturbo.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

Alimenti consigliati Integrare la dieta abituale con i cibi ricchi di ferro, come ostriche, fegato suino e bovino, carne, pesce, uova, legumi, cereali (in particolare i fiocchi d’avena), indivia, radicchio verde, spinaci, castagne, prugne e fichi secchi, germe di grano, lievito di birra, cioccolato.
Aumentare il consumo di alimenti che sono buone fonti di bioflavonoidi, come i limoni, l’uva, le prugne, il pompelmo, le albicocche, le ciliegie, le more, le bacche della rosa canina e il grano saraceno.
Privilegiare gli alimenti a elevato apporto di zinco, come germe di grano, lievito di birra, noci, tacchino e fegato, carne, tuorlo d’uovo, pesce, molluschi, latte e derivati, noci, cereali, legumi, verdure, semi di sesamo e di girasole, lecitina di soia, sciroppo d’acero e zucchero di canna grezzo.
Integrare la dieta abituale con kefir e yogurt naturale arricchito con batteri probiotici.
Alimenti da evitare Eliminare i cibi a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, il caffè, il tè nero, gli alcolici, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans, che possono ostacolare l’assorbimento di vitamine,
sali minerali e sostanze antiossidanti.

Integrazione alimentare
Bl 1-1,5 mg al giorno;
Vitamina B5 10 mg al giorno;
Vitamina B6 1,5-2 mg al giorno;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti e da bevande contenenti caffeina;
Zinco 20-25 mg al giorno;
Coenzima Q 10 30 mg al giorno;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo) 2 opercoli al la sera prima del riposo notturno.


Negli istanti successivi al trauma, dopo aver applicato un impacco con il ghiaccio, può essere utile un delicato con 50 gocce di Arnica TM miscelate con 3-4 cucchiai di olio di sesamo, cercando di non esercitare un’eccessiva pressione e proseguendo il trattamento per almeno 20-30 minuti. Ripetere tre/quattro volte nel corso della giornata.
Al massaggio aggiungere un infuso di Primula, 2 cucchiai di foglie e fiori non sbocciati in 500 mi di acqua minerale naturale. Lasciare intiepidire e sorseggiare lentamente nel corso della giornata, lontano dai pasti.
Per accelerare il processo di guarigione può essere consumato un infuso preparato con sommità fiorite di Equiseto (25%) e di Capsella bursa-pastorìs (o Borsa del Pastore, 25%), Ortica (25%) e foglie di Hamamelis virginiana (25%). Assumere una tazza (250-300 mi) lontano dai pasti, trequattro volte al giorno, oppure sorseggiare lentamente 1000 mi di infuso, a temperatura ambiente, durante la giornata, fino alla scomparsa dell’ematoma.
Per rinforzare le pareti dei capillari sanguigni può essere somministrato l’estratto fluido di Vaccinium myrtillust nella dose di 20 gocce, due volte al giorno, diluite in 200 mi di spremuta d’agrumi (arancia, pompelmo rosa, mandarino, limone), oppure in 250 mi di centrifugato di carote e
kiwi. Non dolcificare e proseguire il trattamento fino al miglioramento del quadro clinico. Il Vaccinium myrtillus (o mirtillo nero) è ricco di antocianosidi, flavonoidi, carotenoidi, alcaloidi, tannini e vitamina C.
È particolarmente indicato nei bambini e negli anziani.

Originally posted 2014-10-13 09:55:34.

Innappenza 180x180 - Innappenza

Innappenza

La mancanza di appetito è un sintomo assai comune, che riconosce basi fisiologiche, cause patologiche e anche motivazioni psicologiche. In un bambino, l’appetito aumenta o diminuisce a seconda delle richieste energetiche e del periodo di crescita. Perciò se l’inappetenza occasionale non è accompagnata da altri disturbi e l’accrescimento rientra nella norma, proporzionalmente all’età e allo standard individuale del bimbo, il problema non deve destare alcuna preoccupazione. Nei bambini è infatti ancora forte l’istinto di autoregolazione dell’appetito. Influenza, mal di gola, otite, malattie esantematiche, infezioni delle vie urinarie, intolleranze alimentari, malassorbimenti sono alcune delle condizioni patologiche capaci di generare inappetenza. Ma vero è anche che sovente gli stati emotivi possono interferire con il senso della fame, riducendolo: tensioni familiari, aspettative insoddisfatte dei genitori, difficoltà nelle relazioni sociali, stati depressivi più o meno mascherati o un disturbo dell’affettività, possono comportare e aggravare il rifiuto del cibo (il quale resta sempre un macroscopico strumento di “rivolta”, una forma di comunicazione e di denuncia). L’inappetenza può anche costituire l’avvisaglia iniziale di uno sconfinamento nell’anoressia.


L’inappetenza può essere una fase transitoria della vita, anche l’espressione di una malattia organica o di un disagio psichico. La valutazione del medico è sempre necessaria, per il rischio di trascurare un segnale importante di malattia. Il dipende dall’eventuale malattia di base, o dalla diagnosi di disagio psicologico o psichico; anche l’entità dell’eventuale calo di peso condiziona l’atteggiamento medico di fronte a un’inappetenza prolungata: nel bambino l’inappetenza può essere legata a condizioni più complesse che vanno riconosciute e trattate, con attenzione particolare all’evoluzione possibile ad anoressia. Nell’adulto l’inappetenza grave può essere legata a malattie tumorali oppure a disturbi gastrointestinali, o ancora a stati depressivi o a demenza in fase precoce.


Solitamente la mancanza del senso di appetito si manifesta in alcune fasi della crescita e nella convalescenza.
Alcuni rimedi omeopatici contribuiscono a ristabilire il desiderio per il cibo. La perdita persistente dell’appetito con diminuzione di peso, soprattutto in una donna giovane, richiede una visita medica.

Trattamento sintomatico
Avena sativa – Gentiana lutea – Medicago sativa 3 DH 5 granuli, 3 volte al dì del complesso costituito da avena, genziana e alfa-alfa. L’avena, ricca di silicio, calcio, flavonoidi, saponosidi e gramina, è utile nell’inappetenza del bambino, del convalescente, della donna in gravidanza. La radice della genziana maggiore è rimineralizzante, stimola la secrezione gastrica e l’appetito.
China 5 CH 5 granuli, 3 volte al dì. La corteccia essiccata di China, albero della famiglia delle Rubiacee che cresce in Sud America, è la materia prima da cui si ricava il medicinale omeopatico indicato nella debolezza, adinamia e mancanza di appetito della convalescenza.
Lycopodium clavatum 5 CH 5 granuli 3 volte al dì, diradando le somministrazioni in base al miglioramento. Il preparato omeopatico ottenuto dalla polvere delle spore di licopodio, pianta appartenente alla famiglia delle Lycopodiacee, è indicato in particolare per l’appetito presto soddisfatto. Il soggetto ha fame, ma il suo appetito è subito saziato dopo i primi bocconi. Il bambino reclama il biberon, ma è subito sazio. È il rimedio adatto anche ai disturbi digestivi e all’inappetenza che si manifestano dopo vaccinazione antiepatite.

Trattamento di fondo
Natrum muriaticum 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì, diradando in base al miglioramento. Il sale marino è adatto per bambini e adolescenti per recuperare il peso nella convalescenza di malattie debilitanti. Talvolta l’appetito è conservato e malgrado ciò il soggetto non recupera peso.
Sulfur iodatum 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Lo ioduro di zolfo viene utilizzato nella convalescenza delle malattie infettive, soprattutto in bambini e adolescenti magri, longilinei, affaticati.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Secondo la Medicina tradizionale cinese questo disturbo ha due componenti fondamentali, la prima psichica che tende a bloccare lo stimolo della fame e il secondo organico, comunque legato alla condizione mentale, che rende difficoltoso il transito del cibo rendendone istintivo il rifiuto.
Bisogna inoltre sapere se il disturbo in questione è legato ad esempio a un’intossicazione farmacologia che può insorgere a seguito di una somministrazione anestetica pre-chirurgica, in questo caso bisogna anche disintossicare l’organismo dai residui farmacologici prima di agire direttamente per l’inappetenza.
La terapia deve essere mirata a riequilibrare la condizione psichica in modo da rendere possibile la stimolazione dei centri nervosi regolari della fame e agire sulla muscolatura delle prime vie dell’apparato digerente rendendo possibile il passaggio degli alimenti.
Punti importanti in questo tipo di trattamento sono:
ZHONG WAN (epigastrio centrale, localizzato 4 cun sopra l’ombelico) che regola lo Stomaco, ne tonifica il Qi, dissolve l’Umidità e favorisce la discesa dell’Energia che circola controcorrente;
NEI GUAN (barriera interna, localizzato sopra la piega traversa del polso fra i tendini) che tonifica il Cuore e la Milza, regola il Qi, lenisce il , espelle e dissolve Vento e Calore;
GUAN YUAN (barriera dell’essenza vitale, localizzato 3 cun sotto l’ombelico) che tonifica il Qi renale, regola il Qi e favorisce la discesa dello Qi renale, regola il Qi e favorisce la discesa dello Yang;
YANG CHI (stagno dello Yang, localizzato sulla piega dorsale del polso, nella fossetta sul lato ulnare del tendine dell’estensore delle dita) che rilassa muscoli e tendini e rimuove le ostruzioni dai meridiani;
ZU SAN LI (tre distanze del basso, localizzato sotto il bordo inferiore della rotula a lato della cresta tibiale anteriore) che regola e tonifica Stomaco e Milza, tonifica il Qi e il Sangue;
SAN YIN JIAO (riunione dei tre Yin, localizzato 3 cun sopra l’apice del malleolo interno, dietro il bordo posteriore della tibia) che tonifica i Reni;
FU LIU (corrente di ritorno, localizzato in una depressione sul bordo anteriore del tendine di Achille) che tonifica lo Yin renale, regolando il bilancio dei liquidi, l’Energia nutritiva e il Sangue.
La terapia va eseguita tutti i giorni per 10 giorni o fino alla risoluzione del problema.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

Alimenti consigliati Aumentare l’apporto degli alimenti ricchi di vitamine del gruppo B, come legumi,
farina di segale, fegato, germe di grano, lievito di birra, carne di maiale, cereali integrali e prodotti a base di farine integrali macinate a pietra (in particolare grano, orzo, riso, avena, mi-
glio) salmone, semi di girasole, soia e derivati, latte, kefir, yogurt e formaggi (in particolare caciocavallo, gorgonzola e pecorino romano), mandorle, ortaggi a foglia verde, noci, pollame, pesce spada, tonno, vitello, aragosta, carne bovina magra, uova, avocado, banane, carote, fari-
na integrale, gamberetti, arance, pomodori, asparagi, finocchi, spinaci, lattuga, indivia, prezzemolo, cavoli, cavolini di Bruxelles, aringa, manzo, molluschi, sardine, sgombro.
Dare la preferenza agli alimenti a elevato apporto di acidi grassi omega-6 e omega-3, come gli oli di semi spremuti a freddo (soprattutto di noci e di lino) e il pesce, in particolare salmone selvaggio, aringhe, merluzzo, sardine, acciughe, sgombro, in quanto possono contribuire a ridurre l’infiammazione articolare.
Alimenti da evitare Evitare i prodotti a base di farine raffinate, le bevande alcoliche, le carni provenienti da animali da allevamento e alimentati con mangimi industriali, i prodotti contenenti acidi grassi trans, gli alimenti addizionati con additivi, il caffè e il tè nero.

Integrazione alimentare
Beta-carotene aumentare l’apporto quotidiano di nespole, albicocche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci (americane);
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti e da bevande contenenti caffeina;
Complesso B 25 mg al giorno, in un’unica somministrazione al mattino, prima di colazione;
C 200 mg al giorno;
Vitamina E 10 mg al giorno;
Selenio 80 mcg al giorno;
Enzimiproteolitici 2 compresse al giorno lontano dai pasti;
Coenzima Q 1030 mg al giorno;
Olio di pesce 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali;
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg;
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo) 2 opercoli al giorno lontano dai pasti.


Per stimolare l’appetito può essere preparata una tisana di Ippocastano (un cucchiaio di foglie essiccate in 250 mi di acqua minerale naturale, portata ad ebollizione. Coprire e lasciare in infusione per circa 15 minuti.
Filtrare ed eventualmente dolcificare con miele di castagno vergine integrale di produzione italiana) due volte al giorno, circa 30 minuti prima dei pasti principali.
L’estratto fluido di Achillea può essere utilizzato come rimineralizzante, nella dose di 30 gocce, diluite in 200 mi di acqua minerale naturale, oppure di succo puro di mango e/o papaia, o di spremuta d’agrumi (arancia, pompelmo, limoni) tre volte al giorno, circa 30 minuti prima dei pasti.
Per il suo contenuto di aminoacidi (come tiroxina, alanina, valina, triptofano, fenilalanina ecc.), sali minerali (quali ferro, sodio, potassio, calcio, magnesio, rame, cobalto, molibdeno ecc.), vitamine (del gruppo B, beta-carotene, C, D, E), isoflavoni, enzimi digestivi, clorofilla, lipidi e
glucidi, è consigliabile assumere l’estratto fluido di Medicago sativa (Alfalfa), nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua oligominerale, privilegiando la via sublinguale. Il trattamento può essere assunto per tre mesi ed eventualmente effettuato a cicli con un periodo di circa 15-20 giorni di sospensione, fino al miglioramento del quadro clinico.
Per stimolare l’appetito può essere utilizzata la Genziana (maggiore), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 30 gocce, diluite in 100 mi di succo puro di mirtillo, oppure in 200 mi di spremuta di pompelmo rosa, poco prima dei tre pasti principali. È controindicata nei pazienti affetti da gastrite e ulcera peptica.

Originally posted 2014-10-15 10:42:46.

Emorroidi 180x180 - Emorroidi

Emorroidi

Sono dilatazioni della rete vascolare che abbraccia il canale anale (come le varici venose che notiamo al livello delle gambe), con tendenza al prolasso e alle emorragie. Le rappresentano una patologia straordinariamente frequente, che colpisce entrambi I sessi e di qualsiasi età (anche se la loro incidenza tende ad aumentare con il passare degli anni). Vari sono i
fattori chiamati in causa nella formazione delle emorroidi: la stitichezza di grado notevole, che costringe la persona a forti e prolungati sforzi; la gravidanza, perché l’aumento del volume e della pressione all’interno dell’addome – che la gestazione comporta – crea un ristagno del sangue non solo nelle vene degli arti inferiori, ma anche nelle regioni basse dell’intestino; anche le affezioni del fegato (come la cirrosi epatica) possono condizionare la comparsa delle emorroidi, perché ostacolano il ritorno del sangue venoso dai distretti inferiori del corpo al cuore. Classicamente le emorroidi vengono distinte in interne (quando sono all’interno del canale anale e non risultano visibile) ed esterne (se si vedono e si possono riconoscere al tatto agevolmente).
Ulteriore classificazione prevede quattro gradi, a seconda dell’entità del prolasso. Le emorroidi di primo grado sono dilatazioni varicose interne e che generalmente non producono sintomi, può occasionalmente comparire prurito nella regione anale e di frequente compaiono macchie di sangue sulla carta igienica o piccole striature vermiglie nelle feci. Le emorroidi di secondo grado
sono i noduli che prolassano durante la defecazione e poi si riducono spontaneamente. Nel terzo grado, invece, le emorroidi prolassano ma “rientrano” soltanto manualmente. Nel quarto grado, infine, le profusioni sono permanenti. Il prolasso si presenta come una piccola massa rosso-violacea, mentre il prurito anale è in genere dovuto alla irritazione cutanea. Una varice emorroidaria, ingorgata di sangue, può scatenare , che aumenterà se la dilatazione s’infiamma anche per modesti traumi o se si complica con una trombosi (la coagulazione del sangue contenuto all’interno della varice venosa). Tramite una visione diretta del canale anale (solitamente l’anoscopia), lo specialista saprà fornire un responso appropriato.


Ammorbidire le feci

Rendere le feci più morbide aiuta a diminuire i sintomi e segni delle emorroidi. È utile bere molta acqua e aumentare il contenuto di fibre nella dieta.

Trattamenti topici
La strega nocciola {hamamelis) è utile per le sue proprietà astringenti e rinfrescanti. Alcuni anestetici locali da banco, uniti o meno a corticosteroidi, alleviano i sintomi: sono la benzocaina 20% quattro volte al giorno per il dolore e il prurito, oppure la lidocaina 5% usata al bisogno. Si tratta di per solo uso esterno e hanno una certa percentuale di assorbimento nel circolo sanguigno quindi vanno usati rispettando le indicazioni. Bagni caldi per 15 minuti tre volte al giorno possono offrire qualche giovamento, soprattutto nelle prime fasi del disturbo.

Chirurgia
Se le terapie non hanno successo si può ricorrere a chirurgia: le emorroidi esterne possono essere rimosse con una resezione, mentre le emorroidi interne vengono legate con diverse tecniche. La coagulazione a infrarossi e l’elettrocoagulazione bipolare sono altre procedure possibili. Se le
emorroidi sono molto avanzate si può usare l’applicazione di una corrente elettrica per eliminare l’afflusso di sangue.


In omeopatia è opportuno distinguere i medicinali da utilizzare nel della crisi emorroidaria caratterizzata dal dolore o dal sanguinamento e quelli indicati come rimedi ad azione più profonda nelle emorroidi recidivanti o croniche.

Crisi emorroidaria
Aesculus hippocastanum 5 CH 5 granuli, secondo necessità. Il medicinale omeopatico ottenuto dall’ippocastano è particolarmente indicato per la crisi emorroidaria in un soggetto tendenzialmente sovrappeso con varici agli arti inferiori.
Aloe 5 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Adatto per le emorroidi ‘a grappolo’ con prurito e bruciore che migliorano con applicazioni fredde.

Dolore
Arnica 5 CH5 granuli, ogni ora. Caratteristica è la sensazione dolorosa locale di contusione.
Collisonia canadensis 5 CH 5 granuli, ogni ora. Crisi emorroidaria con sensazione locale di aghi, soprattutto in gravidanza.
Lachesis 9 CH 5 granuli, ogni ora. Caratteristica è la sensibilità marcata al contatto e il senso di costrizione locale aggravata dal calore e dal contatto, migliorata dal sanguinamento.

Sanguinamento
Collinsonia 5 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Emorroidi recidivanti, dolorose e sanguinanti. Stitichezza cronica. Sensazione di aghi nel retto. È il rimedio specifico delle crisi emorroidarie in gravidanza.
Hamamelis 5 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Sangue nero. Caratteristica è la sensazione di scoppio a livello delle emorroidi.

Emorroidi recidivanti
Nux vomica 9 CH 5 granuli, 3 volte al dì. Il medicinale omeopatico ottenuto dalla noce vomica è indicato principalmente nella cura delle crisi emorroidarie dovute ad abuso alimentare di sostanze piccanti. Caratteristico è il senso di congestione, bruciore e prurito. I sintomi aggravano camminando e di notte, mentre migliorano con l’applicazione di acqua fredda.
Sepia 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. Stipsi e prolasso, aggravata in gravidanza e dopo il parto.
Sulfur 5 CH 5 granuli, I -3 volte al dì. Sensazione di bruciore, di calore e prurito. Regione anale intensamente arrossata. Tendenza generale alla congestione (cute calda, arrossamento degli orifizi).

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Le cause che provocano questo disturbo non si discostano nella diagnosi della Medicina tradizionale cinese da quelle della Medicina occidentale, infatti sono caratterizzate da stasi del Sistema Digestivo e in particolare dell’evacuazione, le condizioni anatomiche del e un’alterazione del Sistema Circolatorio. La terapia va a trattare i sintomi principali quali prurito, bruciore, Te
dema e la possibile emorragia, tramite una mobilizzazione di Xue punti importanti per l’applicazione dell’agopuntura sono:
CHANG QIANG (grande potenza, localizzato fra la punta del coccige e Fano) che tonifica le condizioni di vuoto di Yin, del Riscaldatore Inferiore e dei Reni e regola l’Intestino Tenue e il Grosso Intestino;
CHENG SHAN (sostegno della montagna, localizzato a metà tra la piega poplitea e il malleolo esterno) che regola e tonifica il Qi della Milza e del Fegato, purifica il Calore, elimina l’Umidità e tratta in particolare le emorroidi;
DA CHANG SHU (punto Shu del dorso del Grosso Intestino, localizzato 1,5 cun a lato dell’apofisi spinosa della IV vertebra lombare) che mobilizza il Qi del Grosso Intestino, fortifica la zona lombare e le ginocchia.
Si effettua un ciclo di 10 applicazioni terapeutiche almeno 3 volte alla settimana.

cinese
Formula: HUAI HUA SAN
FlosSophorae………………………..12g
Cacumen Biotae…………………….. 12g
Herba Schizonopetae…………………..6g
Fructus Aurantii……………………..6g
Posologia: 4 g al dì sotto forma di capsule o polvere per 20 giorni.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

Alimenti consigliati È consigliabile seguire un regime alimentare equilibrato, con un maggior apporto di fibre e di liquidi, privilegiando i prodotti fermentati, come lo yogurt, il kefir e i crauti, i semi germogliati (ricchi di enzimi digestivi), il pane preparato con farine integrali macinate a pietra e a lievitazione naturale, i cereali integrali in chicchi, i legumi, gli ortaggi, la frutta fresca biologica, come mele e pere (consumate con la buccia), albicocche, ananas, banane, prugne, arance e pompelmi (non eliminare la “pellicina bianca”).
Integrare la dieta con buone fonti di beta-carotene (come nespole, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci americane) e di bioflavonoidi (limoni, uva – non eliminare i semi – pompelmo, ciliegie, more, bacche della rosa canina e grano saraceno).
Aumentare il consumo dei cibi ricchi di calcio e di D, come latticini, pesci con la lisca (acciughe, sardine), toru, verdure fresche e di stagione, legumi, cereali, aringa, salmone, sardine, sgombro, carne di vitello di manzo, fegato, burro (in piccola quantità), tuorlo d’uovo.
Privilegiare gli alimenti biologici.
Alimenti da evitare Eliminare i cibi a base di farine raffinate, lo zucchero (saccarosio) e gli alimenti che lo contengono, le spezie, i cibi piccanti, i piatti pronti dei fast-food, il caffè, il tè nero, gli alcolici, i prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans, che possono ostacolare l’assorbimento di vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti e/o aggravare i sintomi.

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno;
Vitamina B6 1,5-2 mg al giorno;
Bioflavonoidi 50-100 mg distribuiti nel corso della giornata lontano dai pasti;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Se l’infezione tende a cronicizzate alla vitamina C e ai bioflavonoidi possono essere associati 10 mg al giorno di vitamina £, 25 mg al giorno di zinco e 1-2 compresse al giorno di enzimi proteolitici;
Vitamina D 10 mcg al giono;
Olio di fegato di merluzzo 2 capsule al giorno da 1000 mg;
Vitamina K 100-150 mcg al giono (nel caso di emorroidi sanguinanti);
Fermenti lattici vivi a elevata concentrazione di Lactobacillus acidophilus (dare la preferenza ai prodotti con un totale di 10 miliardi di cellule vive per opercolo) 2 opercoli al giorno la sera prima del riposo notturno;
Lievito di birra in polvere 400 mg al giorno al mattino a digiuno.

FITOTERAPIA
Nella fase acuta può essere utile applicare, in caso di emorroidi esterne, un impacco a base di decotto di
Achillea, 2 cucchiai di achillea in 300 mi di acqua minerale naturale, oppure di latte d’avena. Lasciare bollire per pochi minuti e applicare sulla parte interessata. Ripetere tre/quattro volte al giorno. In caso di frequenti recidive, si possono assumere 100 mi di “Achillea” (preparato con 50 g di sommità fiorite e un litro di vino bianco secco prodotto da uve biologiche e privo di additivi chimici. Lasciare macerare per circa 10 giorni, quindi filtrare e conservare in una bottiglia di vetro al riparo dalla luce e da fonti di calore) due volte al giorno» durante i pasti fino alla risoluzione dei sintomi.
L’estratto fluido di Ippocastano, grazie alla presenza dei flavonoidi, glucosidi cumarinici e steroli, può essere somministrato nei casi di emorroidi interne, soprattutto se recidivanti, nella dose di 20 gocce, due volte al giorno, preferibilmente la mattina a digiuno (circa 20 minuti prima della colazione) e la sera poco prima del riposo notturno.
Nei casi di emorroidi esterne può essere utilizzato un impacco a base di infuso di Equiseto (5 g di parte aerea in 10 mi di acqua demineralizzata).
Applicare le compresse imbevute sulle zone interessate e rimuoverle dopo circa 30 minuti. Ripetere il trattamento tre, quattro volte al giorno fino al miglioramento del quadro clinico.
Per la sua azione protettiva sui vasi sanguigni e vasocostrittrice può essere usato l’estratto fluido di Cipresso (Cupressus sempervirens), alla dose di 20-30 gocce due/tre volte al giorno, diluite in poca acqua, lontano dai pasti. Proseguire il trattamento fino alla scomparsa dei sintomi. Come tera-
pia preventiva (associato alla Centella asiatica, 30 gocce, due volte al giorno, la mattina a digiuno e la sera, circa 30 minuti prima del riposo notturno) sono consigliati cicli di due settimane, seguiti da 10 giorni di riposo. Effettuare il trattamento tre o quattro volte l’anno, nei casi in cui
le recidive sono particolarmente frequenti.

Originally posted 2014-10-13 10:31:13.

Fibromialgia 180x180 - Fibromialgia

Fibromialgia

È una forma comune di muscolo-scheletrico diffuso e di affaticamento. Interessa principalmente i muscoli e le loro inserzioni sulle ossa. Non è una forma di artrite, e dunque non provoca deformità a carico della articolazioni. Ciò che caratterizza questa sindrome è innanzitutto il in tutto il corpo, che assume, nelle parole dei pazienti, i più diversi connotati: bruciore, rigidità, contrattura, tensione. Un disagio che spesso varia in relazione ai vari momenti della giornata, all’attività che si sta svolgendo, alle condizioni atmosferiche e allo stress. Un attento esame dell’apparato muscolo-scheletrico di queste persone rivela la presenza di aree dolenti in sedi specifiche (tenderpoints). Circa il 90% dei pazienti affetti dalla sindrome fibromialgica riferisce affaticamento e disturbi del sonno; sono anche presenti mutamenti nel tono dell’umore e un variegato ventaglio di altri disturbi: cefalea (per lo più di tipo tensivo), rigidità mattutina (specie al collo e alle spalle), stitichezza e/o diarrea, sensazione di gonfiore alle mani, dolori al torace, difficoltà a concentrarsi (o a eseguire semplici elaborazioni mentali), ansia e/o depressione. Aspetto peculiare di questa condizione è che la diagnosi non si basa su qualche specifico test di laboratorio o radiologico, ma dipende principalmente dai disturbi che il riferisce. Negli ultimi 10 anni, gli studi hanno dimostrato che certi sintomi, come il dolore muscolo-scheletrico diffuso, nonché la presenza di specifiche zone che risultano doloranti alla pressione, sono presenti nella sindrome fibromialgica e non negli individui affetti da altre patologie reumatiche dolorose.



La terapia farmacologica si basa sull’uso di uno dei più recenti inibitori selettivi del reutpake della serotonina (SSRI, paroxetina o sertralina), da assumere al mattino, in associazione alla ciclobenzaprina, da assumere in unica dose serale. Da ricordare l’importanza dei sali di magnesio che rivestono un ruolo essenziale nel metabolismo muscolare: non tutti i prodotti in commercio sono ugualmente efficaci in quanto alcuni hanno uno scarso assorbimento. Altri farmaci correntemente utilizzati sono gli antiepilettici (come il gabapentin o il suo derivato pregabalin), gli analgesici centrali (tramadolo e codeina/paracetamolo), alcuni antiparkinsoniani. Grande interesse sta poi suscitando una nuova classe di farmaci antidepressivi, i farmaci inibitori della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI), i quali agiscono su un più ampio spettro di neurotrasmettitori rispetto agli SSRI. Una sola molecola è al momento commercializzata in Italia, la venlafaxina.

Terapia non farmacologica
È molto utile la terapia di rilassamento muscolare profondo, basata su tecniche di derivazione psicologica che inducono il rilassamento muscolare riducendo l’iperattività neurovegetativa.


L’approccio alle fibromialgie, dominate da manifestazioni dolorose muscolari e facile esauribilità richiede un progetto integrato che si basa essenzialmente sulla pratica di attività fisica regolare, sull’integrazione di preparati a base di magnesio e sulla somministrazione di medicinali. La scelta dei rimedi omeopatici è orientata dal fattore scatenante (freddo, umidità, movimento brusco, prolungato mantenimento di alcune posture, condizioni di stress) e dalle caratteristiche dei sintomi (dolore muscolare, facile esauribilità).

Fibromialgie post-traumatiche
Arnica 7 CH 5 granuli, 1-3 volte al dì. È il rimedio di tutte le conseguenze dei traumi sia diretti che indiretti, recenti o remoti.
Natrum sulfuricum 9 CH 5 granuli, 1-3 volte al dì. È indicato nella e nella depressione conseguente a esiti di trauma craniocervicale.

Fibromialgie da agenti atmosferici
Dulcamara 15 CH 5 granuli, 1 -3 volte al dì. Dolore muscolare scatenato o aggravato dal freddo umido.
Rhus toxicodendron 15 CH 5 granuli, 1-3 volte al dì. Rigidità dolorosa all’inizio del movimento, in particolare al mattino, migliorata dal movimento progressivo. Aggravamento con il freddo umido.
Fibromialgie da affaticamento psico-fisico
ATP 3 DH 20 gocce da una a tre volte al dì. L’adenosintrifosfato è il bioterapico utilizzato in omeopatia per la mancanza di energia e la facile esauribilità.
Cocculus indicus 9 CH 5 granuli da una a tre volte al dì, diradando in base al miglioramento. Il preparato ottenuto dalla noce di cocco è utilizzato sistematicamente nel della fibromialgia caratterizzata da debolezza profonda, facile esauribilità, grande spossatezza. Il soggetto è talmente prostrato che non riesce a reggersi in piedi o a sostenere il capo in quanto i muscoli non lo reggono. Possono essere presenti tremori, vertigini, parestesie, insonnia.
Nux vomica 9 CH 5 granuli, 1 volta al dì. La noce vomica è adatta nelle condizioni di affaticamento psicofisico con bisogno di eccitanti: caffè, fumo, cibi piccanti.

MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
La Medicina tradizionale cinese trova un buon riscontro nella cura di questo disturbo tramite l’uso di fitopreparati a base di erbe cinesi.
Formula: XIAOYAO SAN
Radix Bupleuri………………………..9g
Radix Angelicae Sinensis……………….9g
Rizoma Atractylodes Macrocephalae……….9g
Sclerotium Porta……………………..12g
Radix Glycyrrhizae Uralensis……………5g
Herba Menthae…………………………2g
Rizoma Zingiberis Officinalis……………2g
Posologia: 3 g al dì sotto forma di capsule o polvere per 20 giorni.

NATUROPATIA
Consigli dietetici

Alimenti consigliati Dare la preferenza agli alimenti a elevato apporto di acidi grassi omega-6 e omega-3.
Integrare la dieta abituale con i cibi ricchi di bioflavonoidi ( limoni, uva, prugne, pompelmo, albicocche, ciliegie, more, bacche della rosa canina e grano saraceno), di beta-carotene (nespole, albicocche fresche, anguria, melone, frutti di bosco, fragole, papaia, mango, asparagi, broccoli, carote, cavolo, lattuga, indivia, spinaci, zucca gialla e patate dolci americane) di C (agrumi e kiwi) ed E (semi oleosi, cereali, frutta fresca e secca e ortaggi).
Aumentare il consumo di rame, selenio e zinco, privilegiando fegato, molluschi, avocado, uva essiccata, noci, arachidi, nocciole, germe di grano, cacao, miele, funghi, cereali integrali (in particolare la pasta), ortaggi a foglia verde, tonno, salmone, acciughe, carne, latticini ”ma-
gri”, tuorlo d’uovo, lievito di birra, cavolo, broccoli, cipolle, cetrioli, sedano, tacchino, legumi, semi di sesamo e di girasole, lecitina di soia, sciroppo d’acero e zucchero di canna grezzo.
Alimenti da evitare Limitare l’apporto dì cibi a base di farine raffinate, i fritti, lo zucchero (saccarosio) egli alimenti che Io contengono.
Evitare il consumo di carni provenienti da animali da allevamento e alimentati con mangimi industriali, caffè e tè nero, piatti pronti dei fast-food, prodotti industriali addizionati con additivi e/o contenenti acidi grassi trans, in quanto possono compromettere le funzioni del Sistema
Immunitario e di conseguenza rendere il paziente più vulnerabile agli attacchi dei germi patogeni.

Integrazione alimentare
Complesso B 25 mg al giorno;
Magnesio 350 mg al giorno;
Triptofano 260 mg al giorno;
Vitamina C 200 mg al giorno;
Potassio aumentare l’apporto di legumi secchi, cioccolato fondente (con almeno l’80% di cacao), noci, nocciole, mandorle, pinoli, pistacchi, salsa e polpa di pomodoro, farina di soia biologica;
Rame 2 mg al giorno;
Calcio 800-1000 mg in un’unica somministrazione al mattino prima di colazione;
Aumentare l’apporto di latte e latticini biologici, di pesci con la lisca (acciughe, sardine), di tofu, di verdure fresche e di stagione e di legumi;
Zinco 20-25 mg al giorno in un’unica somministrazione al mattino prima di colazione (lontano dalla vitamina C che ne ostacola l’assorbimento);
Colina 400 mg al giorno;
Lecitina di soia (pura al 100%) 1-3 cucchiaini al giorno;
Olio di pesce 8 capsule al giorno distribuite nei due pasti principali.


Per alleviare il dolore può essere utilizzato l’Artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens), sotto forma di estratto secco, in compresse gastroresistenti, nella dose di 1 cps (1,5 g), tre volte al giorno, dopo i pasti. È consigliabile seguire il trattamento per tre settimane. Dopo 10 giorni di sospensione, può essere effettuato un altro ciclo. È controindicato nell’ulcera gastrica e duodenale, è sconsigliato nei pazienti affetti da disturbi della colecisti. Non deve essere somministrato in gravidanza perché stimola le contrazioni uterine. Può essere assunto al bisogno, in un’unica dose di 2 compresse, con un bicchiere di latte di riso addizionato con calcio.
Per alleviare gli spasmi muscolari, può essere utilizzato l’estratto fluido di Biancospino (Crataegus oxycantha), nella dose di 15-20 gocce, duetre volte al giorno, lontano dai pasti (circa un’ora dopo colazione, pranzo e/o cena). Proseguire la terapia per almeno due mesi. È importante tenere presente che il preparato potenzia l’azione dei farmaci digitatici e dei beta-bloccanti. Non somministrare nei pazienti che soffrono di ipotensione.
Nei casi in cui il disturbo si manifesta nei pazienti che soffrono di ansia, insonnia e cefalea, può essere utilizzata YArancia amara (Citrus amara), sotto forma di estratto fluido, nella dose di 20 gocce due volte al giorno, lontano dai pasti, privilegiando le ore 18.00 e la sera, circa un’o-
ra prima del riposo notturno. Questo preparato fitoterapia) può essere somministrato a cicli di due/tre mesi per aiutare a tenere sotto controllo il battito cardiaco. Con le scorze (2 cucchiaini in 200 mi di acqua bollente) si può preparare una tisana da assumere due/tre volte al giorno, lontano dai pasti.

Originally posted 2014-10-13 14:45:16.